Mondo3 su Facebook Mondo3 su Twitter Scarica l'App di Mondo3 per iPhone e iPad Scarica l'App di Mondo3 per Smartphone e Tablet Android

Mondo3 sempre insieme a voi!


Condizioni d'utilizzo

TIM fa chiarezza sul raddoppio ricariche, il bonus è separato

Pubblicato da
il 5 luglio 2010

A metà marzo TIM ci fece una piacevole sorpresa, con la promozione Entra in TIM tuttora in corso che, in particolare, prevede il raddoppio delle ricariche per 12 mesi per tutti i nuovi clienti che passano a TIM da altro operatore.

Nell’articolo di quattro mesi fa scrivemmo che il raddoppio ricariche proposto da TIM è meglio di quello proposto in precedenza da Wind, in quanto il bonus veniva erogato subito ed era distinto dal credito residuo con priorità di utilizzo rispetto ad esso. Quanto scritto si basava solamente sulla lettura delle condizioni dell’offerta presenti sul sito TIM ma poi non trovò un esatto riscontro nella pratica, quando i primi clienti che aderirono si videro erogare il primo raddoppio delle ricariche.

In realtà si scoprì quindi che il raddoppio:

  • veniva erogato sotto forma di credito standard, creando dunque una certa confusione sulla priorità di utilizzo: viene eroso prima il credito residuo o il bonus? In caso di recesso, come viene calcolato il credito realmente acquistato che ho diritto a vedermi rimborsare?
  • veniva erogato in concomitanza di ogni 30 giorni esatti a partire dalla data dell’avvenuto passaggio a TIM del proprio numero (MNP andata a buon fine), o, in caso di nuovo cliente senza MNP, a parire dalla data di attivazione della SIM.

Da ieri, tutti i clienti che hanno aderito all’offerta e hanno già ricevuto dei bonus, si sono visti separare il credito in due “basket” distinti, facendo finalmente chiarezza: traffico acquistato e bonus. Tutti i prossimi accrediti del raddoppio ricariche saranno dunque erogati come bonus.

Adesso è chiaro che viene consumato prima il bonus (non rimborsabile), e successivamente il credito residuo vero e proprio (quello rimborsabile in caso di recesso). Gli unici due aspetti negativi di questa “modifica in corsa”, che comunque non inficiano più di tanto la convenienza dell’offerta, sono:

  1. il bonus derivante dal raddoppio non è più utilizzabile per pagare i costi di attivazione delle opzioni ma solo i canoni mensili (ricordiamo comunque che i costi di attivazione sono gratuiti quando acquistate la SIM);
  2. il bonus non è più utilizzabile per il servizi Ti Ricarico e Paghetta, che altrimenti andrebbero a trasformare il bonus (non rimborsabile) in credito effettivo (rimborsabile) sulla SIM che riceve l’accredito.

Insomma, la mossa di TIM – seppur tardiva (“ci volevano quattro mesi per fare chiarezza?”, si chiedono alcuni solerti clienti) – ci sembra sensata e logica, rende la promozione più trasparente senza limitarne la fruibilità.

Tuttavia la separazione del bonus dal credito, avvenuta ieri per tutti i clienti che avevano già ricevuto accrediti per il raddoppio ricariche nei mesi scorsi, non è stata effettuata senza fare qualche pasticcio. Per spiegare meglio l’accaduto facciamo un esempio semplificato:

L’utente Mario Rossi aveva 100 euro di credito, di cui 50 pagati e 50 raddoppiati, e ha attivato l’opzione TuttoCompreso Ricaricabile (2 euro a settimana) circa due mesi fa. I primi quattro rinnovi settimanali dell’opzione sono stati scalati dal credito prima dell’arrivo del raddoppio ricariche, dopodiché ha ricevuto i 50 euro del raddoppio, infine ha pagato altri quattro rinnovi. Fino a due giorni fa, Mario Rossi visualizzava quindi un credito residuo di 84 euro, che a rigor di logica dovrebbe essere composto da 42 euro di credito acquistato e altri 42 di bonus.

In realtà, da ieri Mario Rossi visualizza un credito residuo di 34 euro (rimborsabili) e un bonus di 50 euro (non rimborsabili). Insomma, TIM ha di fatto scalato dal credito standard tutta la spesa effettuata fino a ieri, nel “traslocare” il raddoppio delle ricariche.

Se il vostro caso somiglia a quello di Mario Rossi, vi invitiamo ad aprire una segnalazione al 119 per errata tariffazione, in quanto il credito consumato a seguito dell’erogazione di un raddoppio ricariche deve essere ovviamente sottratto da questo, e non dal credito residuo.

Potete commentare questo articolo nella discussione dedicata presente sul nostro forum.

Commenti

  1. [...] in contemporanea alla piccola rivoluzione sul raddoppio delle ricariche per chi passa a TIM, sono partite ulteriori offerte per i nuovi [...]