sciopero-callcenter

Call center: firmato l’accordo sulla disciplina dei cambi d’appalto tra Asstel e Slc-Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil

di Redazione

Assotelecomunicazioni – Asstel, che nel Sistema Confindustria rappresenta la filiera delle telecomunicazioni, e le Segreterie Generali e Nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil hanno sottoscritto oggi un accordo con il quale è stata definita, in attuazione di quanto previsto dalla legge n. 11 del 2016, la disciplina della gestione dei rapporti di lavoro in caso di cambi di appalto con il medesimo committente e per la medesima attività di call center.

L’accordo individua le modalità e le condizioni con le quali ciò dovrà avvenire, oltre a stabilire con una procedura i tempi di confronto tra le parti.

L’intesa raggiunta, operativa fin da subito, formerà comunque parte integrante del rinnovo del CCNL TLC , che si conferma, quindi, ancor di più nel suo ruolo di riferimento per il settore dei call center all’interno della più ampia cornice di filiera.

In questo modo si rafforza il ruolo del CCNL quale sede in cui vengono definite regole chiare e comuni, assegnando alla contrattazione aziendale il compito di metterle in pratica e farle vivere adattandole alle singole e specifiche realtà.

Ieri è stato raggiunto un nuovo e più avanzato punto di equilibrio nell’ambito di relazioni industriali fondate su rapporti tra soggetti consapevoli, che condividono gli obiettivi di sviluppo aziendale contribuendo anche alla crescita e al benessere delle persone, dimostrando di avere la capacità di rispondere con tempestività agli impegni assunti anche in sede istituzionale, senza perdersi in una ritualità non più in linea con le sfide che ci attendono.

Con questo spirito e ritenendo utile un quadro di riferimento omogeneo, l’intesa sarà trasmessa al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al Ministero dello Sviluppo Economico.

(Immagine di archivio, sciopero 2014)

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3