hutchison-whampoa

Google-H3G, cosa c’è dietro al possibile accordo per l’MVNO USA

di Valerio Longhi

hutchison-whampoaGira dall’inizio della settimana pasquale la voce che vede vicine Google e Hutchison Whampoa con il suo gruppo 3 per un’offerta globale del motore di ricerca.

Vediamo da dove parte tutto. Siamo nel Regno Unito dove il Telegraph titola che “Google è in trattative con gli operatori di telefonia mobile per offrire chiamate a basso costo all’estero”.

E da qui un’analisi che spiega (e circoscrive) l’ambito dell’accordo.

Google, infatti, si spiega “è in trattative per un accordo con Hutchison Whampoa, il proprietario del gestore di telefonia mobile Tre, che permetterà agli americani di usare i loro telefoni all’estero senza costi aggiuntivi“.

I due giganti stanno discutendo un accordo di accesso all’ingrosso che è  una parte importante del tentativo di Google di scuotere il mercato mobile degli Stati Uniti con la propria offerta da MVNO.

Resta inteso che Google mira a creare una rete globale che avrà una tariffa unica per le chiamate, gli sms e internet mobile indipendentemente da dove si trova un cliente. In accordo con Hutchison si potrebbe ottenere un accesso conveniente all’ingrosso alla telefonia mobile in mercati come Regno Unito, Irlanda, Italia e gli altri dove la conglomerata di Hong Kong è proprietaria di reti mobili.

Le fonti hanno detto che Hutchison è stato un partner naturale per Google perché ha già cercato di eliminare le tariffe di roaming per i clienti 3“, scrive il quotidiano britannico.

Ovviamente si parla dell’offerta di 3UK che offre già roaming a costo zero visto che 3 Italia al momento ha un’offerta molto più ridotta con la sola “All’Estero come a Casa” con i (sostanziosi) scatti alla risposta nei soli paesi partner…

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3