Jenny Holzer sbarca sui cellulari

di Eros Bartolomeo

E’ il secondo gestore della Svizzera, Sunrise, a portare l’arte direttamente sui telefonini.

SunriseDa  domenica 1° novembre 2009 fino al 24 gennaio 2010, infatti, Sunrise, in collaborazione con la Fondazione Beyeler di Riehen/Basilea, renderà possibile uno straordinario progetto artistico. Per la prima volta, l’artista americana Jenny Holzer utilizzerà per le sue opere il mass media telefonino. I suoi famosi testi saranno diffusi mediante MMS e i clienti Sunrise potranno riceverli gratuitamente su richiesta.

Complessivamente verranno diffusi nove diversi MMS artistici. Il progetto, che coinvolge arte e telefonia mobile, si protrae per l’intera durata della prima grande mostra svizzera dedicata a Jenny Holzer.

L’artista americana Jenny Holzer è divenuta famosa per le sue monumentali installazioni di testi, realizzate sotto forma d’insegne LED che s’integrano nell’ambiente. In occasione della sua prima mostra in Svizzera, la grande artista contemporanea entra in un mondo nuovo utilizzando il telefonino, un mezzo di comunicazione di massa. Sunrise è molto lieta di poter sostenere questo primo progetto artistico che coinvolge la telefonia mobile. In veste di maggiore azienda privata di telecomunicazioni in Svizzera, con più di 2,8 milioni di clienti, Sunrise vuole adempiere al proprio obbligo sociale e condivide valori quali impegno, apertura e sincerità, che trovano espressione anche nelle opere di Jenny Holzer.


Sunrise ha comunque prodotto gli MMS in collaborazione con l’artista e li invierà ai clienti solo su loro richiesta.

Nei prossimi giorni intanto la clientela riceverà un SMS riguardante il progetto. Sempre via SMS potranno registrarsi, inviando il messaggio ART al 2727 e a distanza di una settimana riceveranno gratuitamente tre diversi MMS, che potranno a loro volta inoltrare. Complessivamente sono stati creati nove diversi MMS artistici, che si compongono di un testo su sfondo colorato, un cosiddetto “truism” (assioma) di Jenny Holzer.

Il suo “truism” più noto è sicuramente “PROTECT ME FROM WHAT I WANT”, ossia, proteggimi da ciò che voglio. Parole e messaggi che invitano a riflettere.

La Fondazione Beyeler di Riehen/Basilea propone dal 1° novembre 2009 al 24 gennaio 2010 la prima grande mostra svizzera dedicata a Jenny Holzer. Saranno esposti dipinti e sculture, oltre alle famose installazioni LED. La mostra sarà integrata da gigantesche proiezioni luminose sulle facciate di edifici a Basilea e a Zurigo. Il progetto è nato dalla collaborazione con il Museum of Contemporary Art di Chicago. La Fondazione Beyelerospita un’importante collezione di arte moderna raccolta nel corso di circa 60 anni dai coniugi Hildy e Ernst Beyeler e trasferita nel 1982 nella fondazione.

Jenny Holzer, nata nel 1950, è un’artista leggendaria negli USA e una delle esponenti più significative della scena artistica contemporanea. Ha esposto e realizzato progetti artistici in tutto il mondo, vincendo numerosi premi, tra cui il Leone d’oro alla Biennale di Venezia. Emerge nei tardi anni settanta con i suoi lavori affascinanti, che integrano i testi nelle opere d’arte. Tra le sue tematiche rientrano il campo di tensione tra coscienza, eros e oppressione, ma anche il potenziale della lingua in sé, che l’artista esprime in ambienti pubblici e in musei in modo suggestivo, e non di rado anche sovversivo.

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3