Swisscom, la semestrale vede una compensazione dell’erosione dei prezzi con aumento clienti e offerte combinate

di Andrea Trapani

Nel primo semestre del 2012 il fatturato netto di Swisscom è sceso dell’1,8% a 5’621 milioni di CHF mentre il suo risultato d’esercizio (EBITDA) ha accusato un calo dell’1,5% attestandosi a 2’236 milioni di CHF. Su base comparabile e considerando un cambio valutario costante, il fatturato è diminuito dello 0,3%, a fronte di un rialzo dell’EBITDA pari allo 0,9%.

L’erosione dei prezzi nell’attività principale in Svizzera, quantificata in circa 170 milioni di CHF, ha potuto essere compensata con l’aumento dei clienti e del volume. Gli investimenti nell’infrastruttura svizzera sono aumentati del 12,6% raggiungendo 740 milioni di CHF.

Swisscom investe fortemente nel potenziamento delle reti a banda larga al fine di incrementare ulteriormente la competitività a lungo termine. Escluse le cifre d’affari conseguite nel settore wholesale con i servizi d’interconnessione (hubbing), Fastweb ha registrato un fatturato leggermente superiore, acquisito 78’000 clienti nel primo semestre e aumentato il risultato d’esercizio (EBITDA) dell’1,3% a 233 milioni di euro nonostante i maggiori costi sostenuti per l’acquisizione di clienti. In virtù dell’andamento valutario, Swisscom si attende per l’esercizio 2012 un fatturato netto leggermente inferiore, pari a 11,3 miliardi di CHF. Le altre aspettative finanziarie rimangono invariate.

Nel primo semestre del 2012 il fatturato netto del Gruppo Swisscom ha accusato una flessione di 101 milioni di CHF (-1,8%) attestandosi a 5’621 milioni di CHF, mentre il risultato d’esercizio al lordo degli ammortamenti (EBITDA) è diminuito di 34 milioni di CHF (-1,5%) a 2’236 milioni di CHF. Sulla base di una valuta costante, escluse le cifre d’affari realizzate da Fastweb con l’hubbing e senza i costi supplementari per la soppressione di impieghi nonché oneri privi di effetti monetari per la previdenza del personale, la contrazione del fatturato è stata dello 0,3% a fronte di un EBITDA cresciuto dello 0,9%. Il fatturato netto senza attività di hubbing di Fastweb è salito dello 0,1% a 798 milioni di euro. Come previsto, Fastweb ha ridotto di 23 milioni di euro le cifre d’affari del settore hubbing contraddistinto da margini esigui. Il fatturato netto di Swisscom senza Fastweb si è attestato a 4’599 milioni di CHF in seguito a una flessione di 21 milioni di CHF (-0,5%). L’utile netto è regredito nella stessa misura dell’EBITDA, ovvero di 34 milioni di CHF (-3,5%) a 928 milioni di CHF.

Gli investimenti nell’infrastruttura in Svizzera sono aumentati di 83 milioni di CHF (+12,6%) a complessivi 740 milioni di CHF — esclusi i costi per l’aggiudicazione di frequenze di telefonia mobile per un ammontare di 360 milioni di CHF. Swisscom amplia costantemente le reti a banda larga in tutta la Svizzera per renderle ancora più performanti e incrementare ulteriormente la qualità dei servizi per i clienti. Nell’arco di un anno l’organico in Svizzera è cresciuto dello 0,3% raggiungendo quota 16’426.

Compensata la forte flessione registrata nell’ambito dei servizi tradizionali Invece dei servizi tradizionali quali telefonia ed SMS, ora un numero crescente di clienti predilige applicazioni basate su IP e comunica sempre di più tramite le piattaforme dei social media. L’erosione dei prezzi dovuta a questa modifica delle abitudini e alla forte pressione esercitata dalla concorrenza e sui prezzi nell’attività principale in Svizzera, quantificata in circa 170 milioni di CHF, ha potuto essere compensata dal persistente aumento della clientela, dall’introduzione di nuove offerte combinate e dal passaggio a tariffe forfettarie.

Le offerte pacchetto come Vivo Casa, che comprende un collegamento di rete fissa con telefonia, Internet e TV, continuano a essere molto richieste. All’inizio dell’agosto 2011, Swisscom ha lanciato Vivo Tutto, la prima offerta combinata a livello svizzero che include anche i collegamenti di telefonia mobile. A metà 2012 usufruivano delle offerte pacchetto complessivamente 699’000 clienti, ossia il 36,5% in più rispetto all’anno precedente. Il numero di abbonati a Swisscom TV è cresciuto nel medesimo periodo del 35,5% raggiungendo quota 694’000. Solo nel primo semestre del 2012, Swisscom è riuscita a conquistare 86’000 nuovi clienti nel settore televisivo. Nell’arco di un anno, Swisscom ha aumentato di 76’000 unità i collegamenti a banda larga per clienti finali (+4,7%), portandoli a 1,69 milioni.

 

Già 275’000 clienti Natel infinity – boom degli smartphone Il 25 giugno 2012 Swisscom ha lanciato nuovi abbonamenti di telefonia mobile con i quali i clienti possono telefonare su tutte le reti, scrivere SMS e navigare in Internet illimitatamente. I cinque abbonamenti Natel infinity si differenziano principalmente per la velocità nel traffico mobile di dati. Alla fine del mese di luglio 2012 i clienti che avevano optato per le nuove offerte erano già 275’000, ai quali se ne aggiungono circa 25’000 ogni settimana.

Il numero dei clienti di telefonia mobile in Svizzera è cresciuto, rispetto all’esercizio precedente, di 201’000 unità (+3,4%) a 6,1 milioni. Nel primo semestre Swisscom ha venduto 640’000 apparecchi di telefonia mobile (+1,7%), il 68% dei quali erano degli smartphone. Quasi la metà dei cellulari presenti nella rete di Swisscom sono degli smartphone e quindi i servizi fatturati in maniera tradizionale vengono utilizzati sempre meno: in seguito alle mutate abitudini, ad esempio, il numero degli SMS messi in conto direttamente è diminuito del 30% nel giro di un anno. Il calo della cifra d’affari conseguita con SMS e servizi di telefonia mobile fatturati direttamente ammonta al 15%. Rispetto all’anno precedente il prezzo medio per megabyte è sceso del 23%. Il fatturato medio mensile per singolo cliente di telefonia mobile (denominato ARPU) è calato del 4,3% a CHF 45.

Lieve ritocco verso il basso delle aspettative per il fatturato 2012 a causa dell’andamento valutario Nelle previsioni finanziarie riguardanti l’esercizio 2012 il cambio viene adeguato da CHF 1.23 a CHF 1.20 per euro. Di conseguenza, Swisscom si attende un fatturato netto leggermente inferiore, pari a 11,3 miliardi di CHF. Le altre aspettative finanziarie per l’esercizio 2012 rimangono invariate. Swisscom prevede un EBITDA di 4,4 miliardi di CHF. Fastweb si attende un fatturato stabile di 1,6 miliardi di euro, cifra che non comprende l’attività wholesale (hubbing) a margine ridotto. Rispetto al 2011, per Fastweb si prospettano un lieve incremento dell’EBITDA e investimenti leggermente inferiori.

 

Esclusa la spesa di 360 milioni di CHF per l’aggiudicazione di frequenze di telefonia mobile, gli investimenti di Swisscom raggiungeranno complessivamente una cifra massima di 2,2 miliardi di CHF — di cui 1,7 miliardi saranno stanziati per l’attività in Svizzera, il che corrisponde a un incremento di 100 milioni di CHF rispetto all’anno precedente. Swisscom investe per ogni abitante del Paese circa il triplo in confronto ad aziende analoghe in Europa. Per i prossimi anni si prevede in Svizzera un livello di investimenti altrettanto elevato. Swisscom persegue l’obiettivo di allacciare entro la fine del 2015 circa un terzo degli stabili abitativi e commerciali in Svizzera direttamente alla fibra ottica. Al fine di dotare in tempi più brevi le altre regioni di collegamenti Internet molto veloci, Swisscom punta anche sull’estensione della rete in fibra ottica fino all’area antistante gli edifici (Fibre to the Street, FTTS).

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3