Pendolare (tablet) Ricerca Samsung treno

Italiani e pendolarismo: quasi un’ora al giorno in spostamenti, tablet il compagno di viaggio

di Redazione

Pendolare (tablet) Ricerca SamsungOgni giorno milioni di persone in tutta Europa si svegliano, si trascinano dal letto, si vestono e incominciano la giornata con un lungo viaggio per raggiungere il luogo di lavoro. In questi spostamenti, così come in quelli serali di rientro a casa, spendiamo l’equivalente di più di sette giorni pieni ogni anno con una media di circa 45 minuti trascorsi quotidianamente.

E’ quanto emerge da una ricerca commissionata da Samsung* che evidenzia come noi italiani siamo i pendolari d’Europa che più occupano parte della giornata in macchina, treno o mezzi pubblici con una media di 51,89 minuti. E per rompere noia e routine portiamo con noi il nostro tablet – 2 italiani su 3 – così da affrontare anche le più rigide temperature dell’inverno sorridendo alle battute di serie tv e film o ascoltando la canzone del cuore.

Lo studio europeo realizzato per conto di Samsung mostra come il fenomeno del pendolarismo affligga i lavoratori con modalità diverse da paese a paese. A Belgi e Italiani – rispettivamente con 52,80 e 51,89 minuti – va la palma d’oro per tempo trascorso negli spostamenti quotidiani mentre Inglesi, con 36,88 minuti, e Tedeschi, con 39,62 minuti, si aggiudicano il titolo di pendolari più veloci d’Europa.

Ma con quali mezzi decidiamo di spostarci in Italia per provare a risparmiare tempo? L’auto resta la scelta preferita, utilizzata regolarmente dal 63% degli italiani, seguita da treno e autobus (23%) e da un ben 18% della popolazione che predilige un approccio più salutista andando al lavoro in bicicletta.

E se il 32% dei pendolari italiani vive i circa 52 minuti di viaggio come momenti noiosi, quasi due terzi ha con sé un tablet per svagarsi e trascorrere il tempo con i propri contenuti preferiti.

Per sopravvivere a disagi dovuti principalmente a traffico (57%), cantieri aperti (33%) e ritardi dei trasporti pubblici (33%) la soluzione per il 70% degli italiani è abbandonarsi sulle note dei propri cantanti preferiti mentre il 17% preferisce guardare film, programmi tv e videogiochi da mobile. Il 42% dei pendolari italiani utilizza il proprio tablet per lo streaming e il download dei contenuti, cercando di trasformare il viaggio in un momento divertente – 1 italiano su 2 predilige le commedie a tematiche più serie (22%). Tuttavia c’è chi sceglie di perdere tempo prezioso osservando chi gli sta a fianco (21%) o senza fare nulla (8%).

Dalla ricerca emerge come la tecnologia ormai pervada la quotidianità di ciascuno, cambiandone le abitudini e offrendo nuovi modi di trascorrere i diversi momenti della giornata. Così anche i lunghi spostamenti che ogni giorno in molti affrontano per lavoro possono trasformarsi in minuti piacevoli grazie a compagni di viaggio capaci di trasportarli in realtà divertenti e gradevoli come i Galaxy Tab S. Innovazioni come l’alta definizione del display Super Amoled combinate ad un immediato accesso ai nostri contenuti preferiti possono intrattenerci e aiutarci a vivere meglio la vita da pendolare.

I 5 identikit del pendolare italiano emersi dallo studio Samsung

  1. Il dormiente: compagno del suo lungo viaggio è Morfeo. Si addormenta ascoltando musiche rilassanti, infagottato in una posizione comoda e ignaro del mondo e degli altri pendolari che lo circondano.
  2. L’amante del massimo volume: per lui c’è un solo modo per sopravvivere al chiasso del traffico, alzando il volume. Sfugge i rumori del mondo esterno immergendosi in una realtà fatta di musiche assordanti e dai suoni metallici.
  3. Il ladro di contenuti: con una sbirciatina oltre la spalla del compagno di viaggio, ruba momenti di intrattenimento dagli altri pendolari.
  4. Il videoamatore: per lui il viaggio è fatto di azione, emozioni e drammi. Vive il pendolarismo come uno dei momenti più piacevoli della giornata sintonizzandosi sugli ultimi film o i contenuti tv preferiti.
  5. Il giocatore compulsivo: prova a combattere la noia immergendosi nel mondo gaming. Le sue dita tamburellano continuamente sullo schermo per passare da un livello all’altro.

* Ricerca condotta da One Poll su un campione di 7.500 adulti in 12 diversi paesi europei (Regno Unito, Spagna, Germania, Portogallo, Romania, Austria, Grecia, Italia, Belgio, Polonia, Olanda e Svizzera) nel mese di Novembre 2014.

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3