Ericsson Radio Dot System

Ericsson apre un Cloud Lab in Italia per accelerare l’innovazione e i processi di co-creazione

di Andrea Trapani

Ericsson Radio Dot SystemEricsson ha aperto il suo primo Cloud Lab in Italia per accelerare l’innovazione e i processi di co-creazione con i principali operatori di telecomunicazioni.

Il laboratorio, situato nel campus di Ericsson a Roma, è un ambiente software e hardware aperto e multi-vendor, dove si rendono disponibili le tecnologie di virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV) e Software-defined networking (SDN) per il cloud.

Attraverso la combinazione degli approcci di Network-enabled Cloud, Service Provider SDN, e Network  Functions Virtualization (NFV), gli operatori possono ora semplificare le loro reti, rimuovere le complessità riguardanti la topologia e quindi accelerare il processo di creazione ed erogazione di nuovi servizi, che può coinvolgere altri partner e sviluppatori di applicazioni quando richiesto.

Sebbene il Cloud Lab sia situato nel campus Ericsson, gli operatori possono accedervi virtualmente praticamente da ogni parte del mondo, sviluppare insieme a Ericsson nuovi proof of concept ed effettuare test per nuovi casi d’uso e il lancio di servizi in cloud.

“Il cloud sarà la più grande svolta per il business delle telecomunicazioni negli anni a venire e questo nuovo laboratorio è un esempio della passione che Ericsson mette nel promuovere l’innovazione in Italia”, afferma Nunzio Mirtillo, Amministratore delegato di Ericsson in Italia e Presidente della Regione Mediterranea. “Poiché le grandi idee nascono dalla collaborazione, gli operatori possono beneficiare di questi nuovi approcci basati sul cloud e implementare così nuove architetture per migliorare l’efficienza di rete e ridurre il tempo per introdurre sul mercato servizi innovativi”, continua Mirtillo.

Il Cloud Lab consentirà agli operatori di telecomunicazioni di sperimentare come l’infrastruttura cloud dovrebbe essere disegnata e integrata negli ambienti esistenti.

Ericsson sta guidando la trasformazione delle reti mobili verso piattaforme aperte e programmabili, usando reti definite dal software e funzionalità distribuite sul cloud. L’open source è un approccio chiave per lavorare e innovare in modo collaborativo e per il rapido sviluppo di componenti tecnologiche di base per i nuovi prodotti.

Come leader nella collaborazione aperta, Ericsson lavora da anni con un vasto numero di partner, clienti e altri vendor nel processo globale di determinazione degli standard.

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3