cloud

Tecnologia, l’88% degli italiani finge di comprenderne il significato: sconosciute le parole Cloud e… Android

di Redazione

Mai come in questo momento storico la tecnologia è in grado di sorprenderci attraverso esperienze straordinarie, quali ad esempio la realtà virtuale, le auto a guida autonoma e gli elettrodomestici intelligenti. Tuttavia, secondo Samsung, gli Italiani e gli Europei in generale fanno fatica a rimanere al passo con la terminologia tech, per molti ancora sconosciuta e fonte di incomprensioni.

L’edizione 2016 di Tech Habits, la ricerca che Samsung conduce annualmente a livello europeo, rivela infatti che mai come ora il nostro Paese sta cogliendo le opportunità della rivoluzione digitale, con il 59% degli Italiani che dichiara di utilizzare più tecnologia rispetto a 2 anni fa (al di sopra della media europea, che si attesta intorno al 52%) e addirittura, di questi, il 14% afferma di non riuscire ormai a vivere senza. Non solo: il 40% degli Italiani è interessato alle nuove tecnologie, come ad esempio il Galaxy S7 e Galaxy S7 edge, percepiti dai consumatori come molto più di uno smartphone, in linea con l’obiettivo di Samsung di sviluppare dei dispositivi che si consolidino quale hub della vita personale e lavorativa di ognuno di noi.

Ciò nonostante, sono molte le persone che faticano a comprendere la terminologia tech: l’88% degli Italiani ha dichiarato infatti di aver finto almeno una volta di conoscere un termine legato al mondo della tecnologia, quando invece non aveva la minima idea del suo significato. Circa un terzo degli Italiani (32%) ha evidenziato come una terminologia poco chiara impedisca di utilizzare al meglio un dispositivo, sfruttandone tutte le potenzialità (in Europa la percentuale scende al 23%); il 36% dice di possedere almeno un device più avanzato rispetto alle proprie capacità di utilizzo e necessità (la percentuale sale al 43% a livello europeo), mentre il 7% (l’11% in Europa) si sente invece in ritardo nei confronti del progresso tecnologico.

In questo contesto, Samsung ha rilasciato una classifica delle parole meno capite dagli Italiani, che si discosta in parte dalla classifica europea.

Se in tutta Europa infatti la parola Cloud risulta ancora la meno conosciuta in ambito tecnologico, è interessante notare le differenze in classifica nella seconda posizione, occupata dallo Streaming nel ranking generale europeo, e dalle Emoji in quello italiano. Il posizionamento del termine Streaming nella seconda metà della Top 10 Italia sottolinea un trend ormai consolidato, che vede gli Italiani sempre più appassionati dei servizi video e TV online, diventati ormai parte integrante delle nostre abitudini di fruizione di contenuti digitali. Il termine Emoji, invece, risulta meno compreso in Italia rispetto al resto dell’Europa: questo posizionamento in classifica potrebbe essere ricondotto a una più difficile associazione da parte degli Italiani della parola di origine giapponese alle icone che utilizziamo quotidianamente per esprimere il nostro stato d’animo via chat. L’Internet delle Cose si posiziona al terzo posto sia a livello europeo sia in Italia, a evidenziare come gli oggetti connessi stiano progressivamente entrando a far parte del nostro bagaglio di conoscenze.

Mario Levratto, Head of Marketing and External Relations, Samsung Electronics Italia: “La nostra ricerca rivela che la terminologia tech può costituire una barriera per molti consumatori. In Italia ci stiamo impegnando a fondo in questo senso, semplificando il linguaggio che utilizziamo e cercando di sviluppare prodotti avanzati ma di facile comprensione ed utilizzo, anche grazie al supporto dei nostri esperti e dei nostri distributori. Inoltre, affinché la nostra tecnologia possa realmente facilitare e arricchire la vita delle persone, siamo impegnati a promuovere la diffusione di una cultura dell’innovazione nel nostro Paese, a sostegno della crescita culturale, sociale ed economica italiana.

Lo facciamo con i nostri progetti di Corporate Citizenship. Samsung ha sviluppato nel nostro Paese iniziative nei principali ambiti socio-economici – dall’arte alla scuola, dalla sicurezza nell’uso di Internet alla formazione professionale – per valorizzare il digitale e aiutare tutti gli Italiani, in particolar modo i più giovani, ma non solo, a comprenderne appieno il significato e i benefici, e ad acquisire le competenze richieste dal mercato.”

Per accelerare l’evoluzione in senso digitale, facendo sì che i giovani si sentano a proprio agio con le nuove tecnologie, Samsung in Italia collabora con scuole e istituzioni per valorizzare i talenti e sostenere un’educazione evoluta, attraverso l’accesso ai dispositivi più innovativi e lo sviluppo di skills digitali, con l’obiettivo di garantire alle nuove generazioni un futuro migliore. Ne sono un esempio Samsung Smart Future, il progetto realizzato in collaborazione con il MIUR che ha portato dal 2013 a oggi alla digitalizzazione di oltre 100 classi in tutta Italia attraverso la fornitura della tecnologia Samsung e percorsi di formazione per insegnanti, studenti e genitori e Samsung App Academy, corso di formazione professionale realizzato in collaborazione con il MIP Politecnico di Milano e DEIB, Dipartimento di Elettronica Informazione e Bioingegneria, primo nel suo genere nel Paese, che offre gratuitamente a giovani laureati senza occupazione, provenienti da tutta Italia e con competenze diversificate, la possibilità di acquisire capacità nello sviluppo di app Android, sostenendo la creazione di opportunità professionali allineate ai trend più attuali del digitale. 

COMPRENDERE LA TERMINOLOGIA TECH: LE DEFINIZIONI DELLE 5 PAROLE MENO CAPITE DAGLI ITALIANI

  1. Cloud: Tipologia di servizi disponibili direttamente online che non richiedono il possesso di file salvati sul proprio dispositivo. Con una connessione a Internet perciò è possibile accedere a questi servizi e contenuti ovunque (per esempio guardare Netflix o utilizzare Gmail).
  2. Emoji: Originarie del Giappone le emoji sono piccole icone o personaggi che aiutano a esprimere attraverso le immagini il nostro stato d’animo o ciò che stiamo pensando.
  3. Internet of Things: una rete che consente a smartphone, frigoriferi e lavatrici e altri dispositivi di utilizzo quotidiano di comunicare tra loro attraverso Internet e a lavorare insieme per semplificare le operazioni che compiamo tutti I giorni.
  4. Fibra Ottica: la fibra ottica rappresenta la versione più potente dei vecchi cavi telefonici. Possono essere utilizzate per inviare informazioni codificate attraverso un fascio di luce lungo un tubo di vetro o plastica. Ogni filamento ha un decimo dello spessore di un capello umano, ma può trasportare dati equivalenti a 25.000 telefonate.
  5. Android: sistema operativo sviluppato da Google installato su oltre un miliardo di dispositivi in tutto il mondo: telefoni e tablet, orologi, TV e auto.

 

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3