Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  0
Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 39

Ma ci sono MVNO in Italia?

  1. #1
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,313
    Post Thanks / Like

    Question Ma ci sono MVNO in Italia?

    La domanda sembra banale, quasi folle ma guardate perchè la pongo...

    ...Morse.it ha fatto un'analisi interessante: http://www.morse.it/contenuti/6128.php

    Il problema è la tipologia di soggetti e di accordi.

    [...] Siamo quindi a dieci nuovi marchi di “cosiddetti” operatori mobili virtuali sul mercato. Ma la lista di chi vuole entrare è ancora lunga, all’attività di operatore mobile sarebbero interessati anche molti altri soggetti commerciali (la Isi del gruppo Costa, Buffetti, la catena MIT) ed operatori di TLC come Fastweb ed i piccoli e medi provider internet, che si stanno organizzando in forma aggregata.

    Quello che non si riesce a comprendere, però, è perché molti di questi soggetti stiano usando impropriamente il termine MVNO: è ormai diffusissima la percezione che queste aziende siano diventate operatori virtuali, quando nessuna di esse è più che un rivenditore di servizi acquistati all’ingrosso. Il rispetto del lessico vorrebbe infatti che questi nuovi entranti venissero chiamati ATR od ESP (acronimi che stannto per Air Time Resellers ed Enhanced Service Providers) e non MVNO (acronimo di Mobile Virtual Network Operator).

    La tematica sull’MVNO è effettivamente un argomento mal gestito dalla stampa, la sensazione diffusa è che in Italia esistano gli operatori mobili virtuali, quando non è così. Un MVNO fruisce solo del transito sulle reti dell'operatore mobile ospitante, essendo del tutto "pari" a questo per tutte le altre tematiche (libertà tariffaria, proprietà delle Sim, proprietà dei numeri, capacità di produrre servizi, e svariate altre cose).

    I soli che si sganciano da questa terminologia errata sembrano essere i provider internet e Fastweb, aziende ben conscie della differenza tra essere rivenditori od operatori virtuali.

    Alcuni giorni fa si è svolto un convegno sul settore organizzato a Roma da The Economist, a cui hanno preso parte quasi tutti gli addetti ai lavori. Durante la tavola rotonda conclusiva Gianmarco Carnovale, consigliere delegato per il settore del mobile di AIIP (l’associazione di categoria di area Confindustria che raccoglie gli operatori internet) ha affrontato l’argomento con un esempio:

    Per fare un parallelo con il mercato del pane, è come se i produttori di farina - gli operatori mobili “tradizionali” - vendessero pane al dettaglio ai consumatori, e vendessero anche del pane all’ingrosso – già cotto o pronto per cuocere - a dei supermercati che si autodefiniscono impropriamente produttori di pane. Ma rifiutandosi di vendere la farina ai panificatori veri. Questo limita seriamente sia la competizione che la possibilità di usufruire di un’ampia possibilità di scelta, che di fatto è limitata al pane prodotto dai soliti quattro, magari riconfezionato. Un vero produttore di pane invece, comprerebbe la farina e ci produrrebbe il proprio pane, usando gli ingredienti che vuole, magari inventandosi qualcosa di nuovo e creando valore aggiunto”.

    In Italia questo non è ancora possibile” ha precisato Carnovale in quanto i produttori esclusivi di farina TIM, Vodafone, Wind ed H3G non vendono farina (il mero transito sulle reti, Ndr) agli operatori che la vorrebbero, come avviene all'estero. Qui si può solo comprare pane pronto o semilavorato, con limitatissime possibilità di scelta. L’Italia è, quindi, l’unico paese UE in cui non esiste ancora nemmeno un MVNO, e stiamo perdendo l’occasione per cavalcare questo settore permettendo alle tante piccole e medie imprese di telecomunicazioni di innovare ed inventare nuovi servizi”.

    In risposta all’intervento incalzante, i rappresentanti di tutti e quattro gli operatori mobili si sono affrettati a confermare piena disponibilità ad aprire un dialogo con quegli operatori di telecomunicazioni che volessero davvero diventare MVNO.

    Ci ha fatto piacere ascoltarlo, e ci auguriamo che la dichiarazione sia seguita da fatti. Se così non dovesse essere, l’auspicio è che l’Authority per le Comunicazioni o il Ministro Gentiloni intervengano al più presto imponendo l’obbligo di stipulare veri accordi di MVNO con gli operatori che lo richiedano. La normativa attuale lo consente ma non lo impone, e quindi gli operatori mobili si guardano bene dal vendere “farina”, e guarda caso l'atteggiamento è comune a tutti e quattro.

    Solo la vendita del transito sulle reti mobili, senza obbligo di essere vincolati alla tecnologia ed ai servizi degli operatori mobili, permetterà la nascita degli MVNO e consentirà una vera concorrenza, concorrenza che potrà favorire la nascita e lo sviluppo di modelli industriali italiani legati al settore delle telecomunicazioni mobili anziché del mero “commercio” come sta avvenendo oggi.

  2. #2
    Partecipante Grafomane L'avatar di hiroshi shiba
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Roma città
    Messaggi
    4,107
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Quoto quanto rilevato dal Sire,

    Infatti ad oggi assistiamo ad una sorta di "affitto" delle reti (da parte degli operatori reali) agli operatori virtuali.
    Ma di fatto non abbiamo una vera concorrenza con proposte tariffarie e servizi tali da impensierire e/o moderare gli operatori tradizionali padroni delle reti.

    Chissà se in futuro........ MAH !!!!
    Hiroshi Shiba®
    日本携帯電話サポータ

  3. #3
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,313
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    ...e ringrazia che la lettera di qualche settimana fa è servita -> http://blog.quintarelli.it/blog/2007...mentazion.html

    Qui qno ha interesse a far sì che l'oligopolio della telefonia mobile italiana duri a lungo e senza toccare gli immensi (ed ingiustificati) profitti di pochi... ancora Quintarelli: http://blog.quintarelli.it/blog/2007...a-fatto-r.html

  4. #4
    Partecipante Grafomane L'avatar di hiroshi shiba
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Roma città
    Messaggi
    4,107
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Questa "politica" di cartello a lungo andare ucciderà il mercato e lo sviluppo delle telecomunicazioni nostrane (e non solo), che di fatto sono divenute feudo di investitori ed operatori esteri che, pur traendo lucrosi profitti da questo, non investono un cent per lo sviluppo tecnologico ed occupazionale (se non in misura marginale e strettamente necessaria) trattandoci così da colonizzati.
    Quei profitti "grassi" che nei loro paesi sono negati, o meglio, sono resi meno lucrosi da una legislazione severa ed attenta, e comunque frutto di vere battaglie commerciali.

    Hiroshi Shiba®
    日本携帯電話サポータ

  5. #5
    Partecipante Logorroico L'avatar di fedeprovenza
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Località
    lago di garda(sud ovest)
    Messaggi
    3,223
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Per ora sono solo Esp
    SIM PRINCIPALE: 328 WIND - 24orelight+pieno wind+noi wind old+pieno sms
    ...PROUVENçO...
    Trenofilo incallito-->http://picasaweb.google.it/fedeprovenza

  6. #6
    Partecipante Grafomane L'avatar di veditu
    Data Registrazione
    May 2004
    Messaggi
    4,341
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    ho letto questa critica sul blog di Quintarelli.
    concordo, ma anche i MVNO sono una bella novità per il nostro mercato.
    l'apertura certo è graduale ma i margini per essere competitivi certo ci sono.
    se non altro tendono a tenere basse le tariffe sul mercato e rendono più difficile la vita ad es. a Vodafone e ad H3G.
    - Devi avere fiducia in me. - - Fiducia? Emiliy, sono un avvocato. Io fondo la mia vita sulla mancanza di fiducia negli altri. - (Duchesne)
    la "concorrenza perfetta" e' un concetto relativo; dipende dal punto di vista. Dal punto di vista di chi vende e' quando ci si divide il mercato.


  7. #7
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,313
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da veditu Visualizza Messaggio
    ho letto questa critica sul blog di Quintarelli.
    concordo, ma anche i MVNO sono una bella novità per il nostro mercato.
    Avessero le possibilità di essere MVNO sicuramente... per ora sono grandi contratti aziendali, se la situazione resta questa si puo' dire che non abbiamo mvno ne' gli oligopolisti disposti ad aprire VERAMENTE le proprie reti.

    così è un cartello ridicolo, ci manca solo scrivercelo sopra che ci prendono per le

  8. #8
    Partecipante Grafomane L'avatar di veditu
    Data Registrazione
    May 2004
    Messaggi
    4,341
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    sono assolutamente d'accordo.

    non dimentichiamoci però che siamo in Italia e il mercato della telefonia mobile - per quanto oligopolistico - è forse il più concorrenziale che abbiamo.

    povera Italia.
    - Devi avere fiducia in me. - - Fiducia? Emiliy, sono un avvocato. Io fondo la mia vita sulla mancanza di fiducia negli altri. - (Duchesne)
    la "concorrenza perfetta" e' un concetto relativo; dipende dal punto di vista. Dal punto di vista di chi vende e' quando ci si divide il mercato.


  9. #9
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,313
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Quindi dici che è il caso che questa room la chiamamo i FINTI MVNO ITALIANI?

  10. #10
    Partecipante Grafomane L'avatar di veditu
    Data Registrazione
    May 2004
    Messaggi
    4,341
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    verissimo...
    e chiamiamo anche il nostro un fino governo e le nostre authority delle finte authority.
    - Devi avere fiducia in me. - - Fiducia? Emiliy, sono un avvocato. Io fondo la mia vita sulla mancanza di fiducia negli altri. - (Duchesne)
    la "concorrenza perfetta" e' un concetto relativo; dipende dal punto di vista. Dal punto di vista di chi vende e' quando ci si divide il mercato.


Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Mondo3 Social