L'autoritÓ accoglie le proteste dei consumatori che si sono visti addebitare
telefonate sconosciute. Sotto inchiesta i "dialers" occulti su internet.

Chiamate satellitari, l'Antitrust: "Niente distacchi a chi non paga"

ROMA - Richiamo dell'Antitrust alla Telecom in difesa dei consumatori. L'AutoritÓ ha disposto che "Telecom Italia sospenda i distacchi della linea nei confronti dei clienti che non pagano le chiamate satellitare fatturate in bolletta, su richiesta di Elsacom, e che gli utenti affermano di non aver mai effettuato".

E' una prima volta. In sostanza l'Antitrust ha accettato di indagare sulle centinaia di segnalazioni arrivate ai suoi centri a disposizione dei cittadini nelle quali i consumatori segnalavano la fatturazione nelle bollette telefoniche di telefonate satellitari che ritenevano di non aver mai effettuato.

Ce di pi¨. Da prime ispezioni sembra anche emergere, spiega l'Antitrust, che "la societÓ Elsacom in molti casi abbia chiesto a Telecom Italia la fatturazione come satellitari di normali telefonate terrestri". E ora l'istruttoria intende anche "accertare se all'origine delle fatturazioni" di presunte telefonate satellitari vi sia il problema dei cosiddetti "dialers": comandi informatici che, installati sui computer all'insaputa degli utenti durante la navigazione su internet, possono automaticamente effettuare collegamenti a servizi a sovrapprezzo o a tariffazione speciale senza che chi utilizza il computer ne sia consapevole.

L'istruttoria Ŕ stata aperta nei confronti di Elsacom e di altre sette societÓ per accertare eventuali "pratiche commerciali scorrette nei confronti di centinaia di consumatori": sono "coinvolte Globastar Europe, Csinfo, Eutelia, Karupa, 10993 srl, Teleunit e Voiceplus". Ci sono giÓ state ispezioni in tutta Italia in collaborazione con la Guardia di Finanza.


(16 febbraio 2008)

Fonte