Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  0
Risultati da 1 a 6 di 6

Proposta dell' Antitrust sulle liberalizzazioni ( anche in tema di TLC)

  1. #1
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,692
    Post Thanks / Like

    Arrow Proposta dell' Antitrust sulle liberalizzazioni ( anche in tema di TLC)

    In data 11-06-2008 è uscito un Comunicato Stampa dell' Antitrust link.
    Per il testo integrale: cliccami


    Comunicazioni elettroniche

    I principali profili di criticità

    Il settore delle comunicazioni elettroniche è interessato da profonde trasformazioni, connesse a rilevanti cambiamenti tecnologici e allo sviluppo di servizi innovativi, in un contesto caratterizzato da dinamiche concorrenziali tendenti in prospettiva a determinare una complessiva ridefinizione e una crescente convergenza dei mercati delle telecomunicazioni e della radiotelevisione.

    Telecomunicazioni
    Nelle telecomunicazioni, i servizi di telefonia vocale tradizionali rappresentano tuttora la principale fonte di ricavi, ma la loro importanza economica tende a diminuire anche a seguito del successo dei servizi di comunicazione mobile e della diffusione della banda larga. I processi di liberalizzazione e di innovazione tecnologica hanno inoltre prodotto risultati importanti, sia sotto il profilo delle riduzioni tariffarie che dal punto di vista della qualità e della gamma dei servizi offerti.
    Al tempo stesso, l’assetto del settore evidenzia una sensibile inerzia nell’erosione delle quote di mercato detenute dall’operatore dominante e un ritardo nella diffusione della banda larga rispetto ad altri Paesi europei. Nella telefonia fissa, nonostante alcuni recenti progressi ottenuti grazie all’accesso disaggregato alla rete metallica (local loop unbundling), la sostanziale stabilità della struttura del mercato è in gran parte connessa al controllo esercitato dall’operatore dominante sull’infrastruttura di rete, anche in virtù di un contesto nazionale caratterizzato dall’assenza di significative alternative di accesso via cavo.
    Tali difficoltà, peraltro, potrebbero risultare acuite dallo sviluppo della rete di nuova generazione - data l’oggettiva difficoltà degli operatori alternativi di estendere le proprie infrastrutture a livelli più profondi della rete – e nella prospettiva di deregolamentazione delineata dal nuovo quadro regolamentare comunitario a livello di servizi al dettaglio20.
    Ulteriori elementi di criticità, sotto il profilo delle condizioni di entrata, riguardano inoltre la disponibilità di frequenze radio, dove alla domanda collegata all’offerta dei “tradizionali” servizi di telefonia mobile si affianca quella derivante dall’introduzione e diffusione di servizi innovativi. Le dinamiche concorrenziali del settore sono infatti fortemente influenzate dall’allocazione delle limitate risorse frequenziali – soprattutto quelle di maggiore interesse commerciale come le frequenze a 900 MHz – tra tecnologie e servizi alternativi nonché tra operatori concorrenti. In questo senso assumono pertanto particolare rilevanza le modalità di gestione dello spettro che, soprattutto se basate su criteri tradizionali di assegnazione di tipo amministrativo, non garantiscono sufficienti livelli di flessibilità e di efficienza nell’utilizzo della risorsa e possono costituire un significativo fattore di distorsione nel funzionamento del mercato.


    Le misure di intervento proposte

    Telecomunicazioni
    I raffronti a livello internazionale, indicano come la diminuzione dei prezzi e il miglioramento dei servizi che nei diversi Paesi hanno interessato il settore delle telecomunicazioni siano stati più accentuati nei mercati caratterizzati da una più intensa concorrenza. L’esperienza in ambito comunitario segnala inoltre il rapporto di significativa interdipendenza esistente in concreto tra l’entità di tali benefici e l’efficacia della regolazione nel garantire adeguate ed eque opportunità di accesso ai mercati.
    In considerazione dell’assetto strutturale del settore - tuttora caratterizzato dalla centralità della rete di accesso dell’operatore dominante – e delle prospettive connesse allo sviluppo della rete di nuova generazione e all’evoluzione del quadro regolamentare comunitario, la promozione e il mantenimento di un contesto maggiormente concorrenziale
    dipenderanno pertanto, in misura determinante, dalla qualità dell’impianto di regolazione.
    Alla regolazione settoriale spetta in primo luogo il compito di assicurare un’effettiva trasparenza e parità tra tutti gli operatori con riferimento a prezzi, tempi, termini e condizioni di accesso ai servizi e alle componenti essenziali di rete, che elimini ingiustificate posizioni di vantaggio e riduca al massimo i rischi di comportamenti opportunistici dell’operatore dominante. Laddove una disciplina incentrata unicamente su obblighi comportamentali si rivelasse insufficiente, una completa parità tra i diversi operatori nelle condizioni di accesso al mercato e di esercizio dell’attività economica, potrebbe altrimenti suggerire la necessità di più incisivi interventi di separazione strutturale delle attività di gestione dei servizi di rete da quelle di fornitura di servizi finali dell’operatore verticalmente integrato23.
    E’ inoltre indispensabile che la regolazione di settore sia orientata a favorire gli investimenti degli operatori, in particolare nelle reti alternative e di nuova generazione, definendo un contesto di trasparenza, di certezza e di maggiore efficienza nell’allocazione delle limitate risorse frequenziali e riducendo la complessità delle procedure amministrative previste, ad esempio, in relazione al rilascio delle autorizzazioni per i lavori di scavo e l’occupazione di suolo pubblico, che spesso coinvolgono un considerevole numero di soggetti e di amministrazioni locali.
    Infine, la prospettiva di una progressiva deregolamentazione dei servizi al dettaglio accresce l’esigenza di un parallelo rafforzamento complessivo degli strumenti di tutela del consumatore, indirizzato in particolare a garantire una migliore e più fruibile informazione all’utenza finale; ciò al fine di ridurre l’opacità e complessità che attualmente caratterizzano le offerte commerciali dei diversi operatori e che, limitando in misura significativa le possibilità di comparazione tra proposte alternative, incidono negativamente sulla qualità e la mobilità della domanda.



    Ultima modifica di Max3; 12/06/2008 alle 18:23
    ...

  2. #2
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,692
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Primi commenti:

    AIIP commenta le proposte dell'Antitrust italiana in materia di TLC --> comunicato stampa



    [Roma] - 12 Giugno 2008 - AIIP ( associazione Italiana Intenet Provider) condivide pienamente la posizione dell’Autorità Antitrust nella segnalazione inviata a Governo e Parlamento, secondo cui “La "lentezza" nelle decisioni, assieme alla mancanza di concorrenza nel processo delle liberalizzazioni rappresentano "un freno per la crescita del Paese". Si evidenzia però che l’organismo di vigilanza, nella sintesi del comunicato stampa, non si riferisce espressamente alle Telecomunicazioni, industria alla quale la Commissione Europea attribuisce la responsabilità della crescita del 50% del PIL dell’Europa a 25, e che in Italia trova un grado di concentrazione del mercato senza pari in Europa.

    Il settore è sì rappresentato all’interno del documento di approfondimento dell’Autorità allegato al comunicato, e troviamo conforto nel fatto che preveda che “una completa parità tra i diversi operatori nelle condizioni di accesso … potrebbe … suggerire la necessità di più incisivi interventi di separazione strutturale delle attività di gestione dei servizi di rete da quelle di fornitura di servizi finali dell’operatore verticalmente integrato”. Tuttavia, AIIP segnala che non vi è menzione di un altro tema da essa recentemente segnalato all’Autorità Antitrust: l’assenza di condizioni concorrenziali di accesso alle reti mobili da parte degli operatori di rete fissa, le condotte anticoncorrenziali degli operatori mobili e la fissazione dei prezzi di terminazione verso numeri mobili ai valori massimi, molto lontani dai costi.

    “Ringraziamo l’Authority per la giusta attenzione sempre data alle criticità sollevate dalla nostra associazione, tuttavia in questa occasione siamo spiacenti di non riscontrare menzione del deficit concorrenziale nel settore mobile, dovuto anche all‘assenza di condizioni che permettano agli operatori fissi di accedere a condizioni eque alla reti mobili, mentre gli operatori mobili entrano liberamente nella telefonia fissa”, dichiara Marco Fiorentino, Presidente di AIIP. “Questo tema negli ultimi giorni è ancor più all’attenzione dell’opinione pubblica per via della criticità delle tariffe di terminazione su rete mobile appena proposte da AGCOM in consultazione pubblica, ora all’esame dall’Autorità Antitrust; tariffe che si discostano sensibilmente dai valori che scaturirebbero dalla piena applicazione delle direttive Europee e dai dati acquisiti dalla stessa Autorità Antitrust nell’ambito della recente procedura riguardante gli operatori mobili, tariffe che comporterebbero un sovraccosto annuo ai cittadini Italiani stimato per difetto in almeno un miliardo di euro l’anno”.

    Secondo AIIP le Telecomunicazioni dovrebbero essere in testa all’elenco dei settori da segnalare al Governo ed al Parlamento, ed auspica un nuovo intervento deciso di AGCM non solo in tema di NGN e frequenze, ma anche per eliminare le distorsioni che rischiano di portare l’intero settore delle Telecomunicazioni verso un duopolio: a) eliminando i sovrapprofitti da terminazione mobile, con i quali gli operatori mobili distorcono la concorrenza nella rete fissa; b) intervenendo nell’arena competitiva dei servizi integrati fisso-mobile, in cui gli operatori fissi sono impossibilitati a fare concorrenza agli operatori mobili.
    ...

  3. #3
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,313
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Beh già che AIIP concordi significa che si è guardato finalmente oltre i grandi nomi

    Quel che temo è che l'AGCOM, già in fremente attesa che NON nasca l'Autorità europea , metta i bastoni tra le ruote...

  4. #4
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,692
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da AndreA Visualizza Messaggio
    Beh già che AIIP concordi significa che si è guardato finalmente oltre i grandi nomi

    Quel che temo è che l'AGCOM, già in fremente attesa che NON nasca l'Autorità europea , metta i bastoni tra le ruote...
    Non ti fidi dell' Agcom ?
    ....fai bene...
    ...

  5. #5
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,313
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    non hai letto i miei cattivi pensieri?

    Ormai aspetto domani, ma accetto scommesse sui paesi che erano e sono contro l'authority europea...

  6. #6
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,692
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da AndreA Visualizza Messaggio
    non hai letto i miei cattivi pensieri?

    Ormai aspetto domani, ma accetto scommesse sui paesi che erano e sono contro l'authority europea...
    Cattivi pensieri ? Siamo sempre in più utenti-consumatori ad avere cattivi pensieri...

    Comunque per rilassarti e per farti togliere i cattivi pensieri ti consiglio la lettura di questo bel libro: link1 o in alternativa link2


    " Mista della purezza dei lirici greci e di una sensibilità modernissima, dell'esattezza del chirurgo e della dolcezza dei trovatori, la poesia del Presidente ..... sa essere spontanea e colta, istintiva e cesellata, sanguigna e metafisica.... "


    ...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Mondo3 Social