Thanks Thanks:  0
Likes Likes:  0
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

144 e affini: nuovo blocco automatico dal 01 ottobre

  1. #1
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,695
    Post Thanks / Like

    Arrow 899: quando i nodi vengono al pettine...

    A volte ci si scotta, ma quando questo processo avviene assai lentamente, in anni .... si può avere la sensazione di essersi "dimenticarti" di aver imboccato quella strada.

    Brevissima storia:
    Tutto iniziò molti anni fa, quando la banda larga era ancora un'utopia, un privilegio riservato a pochi.
    Erano gli anni in cui i modem 56k erano una costante nelle famiglie italiane.
    Con la diffusione di internet, e con l' avvento delle numerazioni a pagamento, in una jungla infernale, si svilupparono i famosi "dialer" spesso autoinstallanti non appena si visitavano alcune pagine web.
    La conosciamo tutti questa storia, così come conosciamo e ci ricordiamo dell' esplosione del fenomeno spam via mail che invitava e promuoveva ( spesso in modo subdolo e truffaldino) l'installazione di questi eseguibili che modificavano la connessione di accesso internet.
    Il fenomeno, come ben sappiamo, si è poi spostato principalmente allo spam via sms ( tutt'ora in corso).
    Negli anni passati, per mia diretta esperienza, in alcune mie azioni dirette a smascherare questi dialer, mi sono più volte imbattuto in una "piccola" società di Arezzo, all'epoca poco conosciuta, dal nome "Plug.It". Il 90% dello spam che ricevevo personalmente in posta elettronica e nei primi sms di allora era ricondicibile a numerazioni rilasciate dal Ministero alla predetta società.
    Inutile raccontarvi che alla Plug.It facevano orecchie da mercante, con il solito meccanismo delle scatole cinesi: noi siamo solo i titolari...le numerazioni poi le rivendiamo ad altre società che a loro volta...ecc..
    Negli anni passati, Plug.It rileva Freedomland ( società nata durante la famosa bolla speculativa, e poi praticamente fallita) già quotata in borsa e pertanto sbarca in borsa ridenominandosi in Eutelia, che successivamente rileverà anche la società Edison.
    Eutelia, tramite anche le sue controllate, tra le quali Voice Plus è sempre una di quelle 5 aziende telefoniche che in Italia detengono il maggior numero di numerazioni a valore aggiunto assegnate dal Ministero delle Comunicazioni e che pertanto hanno un'importante voce del fatturato legata a queste numerazioni.
    Nei giorni scorsi abbiamo avuto la notizia della vasta indagine della Guardia di Finanza -> articolo e dopo anche l'avvio dell'istruttoria da parte dell' Antitrust -> mondo3 .

    Cosa altro è successo?

    E' accaduto che la società Eutelia ha subito forti ribassi in borsa 10% ed è sotto inchiesta per frode fiscale -ansa , aduc.

    I nodi prima o poi vengono sempre al pettine.....
    ...

  2. #2
    Partecipante Logorroico
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,200
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Quanto tu affermi è suffragato dal fatto che anche altre compagnie telefoniche: Telecom Italia, Infostrada, BT Albacon, Colt Telecom, Fastweb ecc, ofrrono ai loro Clienti, numerazioni Premium o comunque a pagamento (899, 144, 166, 199,178), ma verificano, in maniera, meno superficiale, che l'utilizzo di queste numerazioni, sia conforme a quanto stabilito da leggi e decreti, tanto che i casi di frodi con numerazioni di questi operatori, che io sappia, non sono mai saliti agli onori della cronaca.
    La compagnia telefonica, non ha obbligo di verificare che chi acquista il numero, non faccia pubblicità ingannevoli o non usi strumenti illeciti come i dialer, tuttavia alcune delle sopraccitate hanno contrattualizzato tempi di pagamento molto lunghi, del tipo 90 giorni dalla fattura il che significa 2 o 3 mesi dopo che l'utente finale ha ricevuto la bolletta, scoraggiando in tal modo coloro che ne vogliono fare un uso fraudolento che puntano molto, per intuibili ragioni, ad ottenere gli incassi in tempi brevi, o quantomeno nei più brevi possibili. Come previsto dalla legge, nessuna compagnia riconosce alle altre il pagamento di connessioni di durata superiore ai termini di legge, ne di connessioni che siano oggetto di denuncie o indagine.
    Purtroppo molti utenti finali, assimilano a denuncie ed indagini le raccomandate di disconoscimento del traffico, che ai fini del blocco dei pagamenti, non hanno in realtà, rilevanza alcuna.

  3. #3
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,695
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Ciao Giorgio, confermo.
    Vi riporto le memorie rilasciate dai vari operatori all'Antitrust che sta indagando sugli sms truffa con l'istruttoria tutt'ora in essere: PS86
    Si tratta di documenti abbastanza interessanti:

    [dal sito www.agcm.it]

    II. MEMORIE DELLE PARTI
    Le memorie dei Gestori telefonici

    4. L’operatore Colt Telecom S.p.A., con memoria pervenuta in data 19 febbraio 2008, ha dichiarato che la numerazione indicata nella comunicazione di avvio con prefisso “899…”, della quale Colt Telecom S.p.A. dovrebbe essere titolare, non è stata trascritta correttamente in ragione del fatto che è stata composta con 10 cifre. Pertanto, si resta in attesa di una rettifica, con il riferimento corretto della numerazione interessata, al fine di provvedere successivamente all’invio delle relative informazioni.
    5. Con memorie pervenute in data 22 e 27 febbraio 2008, l’operatore H3G S.p.A. ha fatto presente:
    – la propria estraneità alla vicenda in quanto i rapporti commerciali intercorrenti con i Centri Servizi, assegnatari delle numerazioni “899” oggetto del procedimento, sono regolati da autonomi contratti, ed il ruolo della società è stato unicamente quello di consentire alla propria clientela l’accesso vocale alle numerazioni su codici 89X;
    – l’impossibilità di prendere visione dei contenuti del servizio offerto,
    nonché delle modalità di fornitura dello stesso;
    – l’assenza dei presupposti necessari per l’adozione della misura cautelare con riferimento sia al fumus boni juris che al periculum in mora, essendo tale società estranea all’invio degli sms oggetto del procedimento e essendo il costo di accesso alla numerazione speciale disponibile sul sito 3 Wired Portal - 3 for you.
    6. Con memoria pervenuta in data 22 febbraio 2008, Wind Telecomunicazioni S.p.A. ha sostenuto che:
    – la pratica commerciale oggetto del procedimento riguarda, da un lato, sms che invitano gli utenti di telefonia mobile ad accedere ad ipotetici servizi di segreteria telefonica tramite chiamate da rete fissa verso numerazioni a sovrapprezzo “899” e, dall’altro, l’invito ad utilizzare il pacchetto di messaggi acquistato tramite il sito web www.messaggiperte.com;
    – le due fasi della pratica commerciale sono poste in essere da diversi 4soggetti, tra i quali: a) l’entità commerciale che procede all’invio del pacchetto dei messaggi agli utenti di telefonia mobile; b) l’operatore di telefonia mobile che effettua l’instradamento dei suddetti messaggi agli utenti finali; c) il Centro che offre i “servizi a sovrapprezzo”, il quale è in pratica l’unico beneficiario della pratica in questione; d) l’operatore di rete fissa per le chiamate verso le numerazioni con prefisso “899”.
    7. Con memoria pervenuta in data 26 e 27 febbraio 2008 e in data 16 e 28 marzo 2008, Telecom Italia S.p.A. ha precisato di aver ceduto in uso ad altre società, che operano in qualità di “centri servizi”, le numerazioni a sovrapprezzo di cui essa è assegnataria e ha, inoltre, osservato che:
    – le numerazioni con prefisso “899” sono state sospese ed è stata avviata, unitamente ad altre iniziative, una campagna di sensibilizzazione antispamming per sms che invitano a contattare tali numerazioni a sovrapprezzo da rete fissa;
    – la responsabilità della pratica è riconducibile esclusivamente in capo ai “centri servizi”, cui sono state cedute le numerazioni a sovrapprezzo, dal momento che la disciplina regolamentare applicabile (D.M. n. 145/2006) non pone in capo all’operatore di rete fissa alcun obbligo di “controllo” relativamente ai servizi su numerazioni non geografiche “899”. Telecom Italia, infatti, in qualità di “fornitore di servizi di comunicazione elettronica” è esclusivamente responsabile del trasporto, dell’instradamento e della
    gestione della chiamata e degli obblighi connessi.
    8. In data 28 febbraio 2008, la società Vodafone Omnitel N.V. ha dichiarato:
    – la sua totale estraneità alla pratica oggetto del procedimento;
    – di non essere assegnataria, né di avere in gestione alcuna numerazione con prefisso “899” oggetto del procedimento, essendo attiva esclusivamente nel settore della telefonia mobile ed essendo responsabile solo del trasporto, dell’instradamento e della gestione della chiamata e degli obblighi connessi, visto che il traffico telefonico relativo alle chiamate su numerazioni “899” viene effettuato da rete fissa e addebitato su tali utenze.
    ...

  4. #4
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,695
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Memorie degli operatori alternativi

    9. In data 10 marzo 2008 la società BT Italia, in qualità di professionista assegnatario dal Ministero delle Comunicazioni delle numerazioni a valore aggiunto con prefisso “899…”, nel sostenere preliminarmente la propria estraneità alla fattispecie in esame, ha dichiarato che le predette utenze non geografiche sono state cedute a due distinte società che agiscono in veste di operatori telefonici e di servizi informatici e ad una persona fisica, in qualità di fornitore di Contenuti.
    10. Con memoria pervenuta in data 14 marzo 2008, la società Karupa S.p.A., ha rappresentato che le numerazioni a valore aggiunto, delle quali risulta essere la prima assegnataria dal Ministero delle Comunicazioni, sono state cedute ad altri soggetti per fornire contenuti di varia natura.
    11. La società Voiceplus S.r.l., con memoria pervenuta in data 23 aprile 2008, ha comunicato che la numerazione ad essa assegnata è stata a sua volta ceduta ad un Centro Servizi, la Gestel Gestioni telecomunicazioni S.r.l. e che, a seguito di una segnalazione da parte della Guardia di Finanza in merito ad sms che invitavano a chiamare un 899 per ascoltare un messaggio lasciato in segreteria, ha provveduto alla chiusura d’ufficio di tutti i numeri associati al suindicato contratto.
    12. La società High Tech Network e il professionista Abdelkarim Hajabi, titolare del nome di dominio www.messaggiperte.com, non hanno prodotto alcuna memoria difensiva.



    Interessante è anche l'attività istruttoria fino ad ora compiuta dall' Antitrust e che vi riporto:


    III. ATTIVITÀ ISTRUTTORIA

    13. In data 8 aprile 2008, la Guardia di Finanza ha trasmesso i verbali relativi alle operazioni compiute presso la società che ha svolto il ruolo di billing contact e di soggetto realizzatore del sito - Segreteria.biz - e presso una società attiva nel settore dell’elaborazione ed invio di pacchetti sms e mms,destinati ad utenze mobili private.
    14. Dalle informazioni ricevute dalla Guardia di Finanza è emerso che:
    – la titolarità della numerazione “899” viene acquisita tramite assegnazione diretta da parte del Ministero delle Comunicazioni, oppure tramite cessione da parte di precedenti assegnatari ai centri servizi” o a persone fisiche;
    – il soggetto, che è l’autore materiale degli sms, opera nel modo seguente:
    (a) acquista direttamente, o tramite intermediari, pacchetti di sms e/o mms dagli sms center (c.d. Gateway);
    (b) elabora via web, tramite l’accesso ad un pannello di controllo, il contenuto del messaggio ed indica i destinatari, le cui utenze mobili vengono generate in automatico, tramite apposito software scaricabile gratuitamente da Internet;
    (c) utilizza il servizio, fornito a pagamento dagli sms center (c.d. mobile number check), che consente di individuare tra le utenze selezionate quelle che risultano attive. Tecnicamente la mobile number check consiste, in un’interrogazione dell’Home Location Register, ossia del database di ogni operatore mobile in cui sono registrate tutte le utenze (attive e inattive). Tale servizio, per potere validamente funzionare, deve essere supportato da specifici accordi con i
    gestori di telefonia mobile o con alcuni operatori specializzati, in quanto solo tali soggetti sono abilitati ad accedere alla rete di segnalazione, ossia allo strumento che consente di verificare gli archi di numerazione mobile attivi;
    (d) invia i pacchetti di sms tramite gli sms center, abilitati – in virtù di accordi di interconnessione - al recapito di sms e mms sui terminali gestiti dagli operatori di telefonia mobile;
    – il gateway può dotarsi di un software, appositamente realizzato, che effettua una serie di controlli informatici che permettono, tra l’altro, di valutare il testo del messaggio. Tale controllo viene attuato mediante l’uso di un filtro semantico in grado di verificare se all’interno dell’sms ricorra una sequenza di caratteri, variamente articolati, riconducibili alla citazione di numerazioni non geografiche. Qualora tale sequenza dovesse essere individuata, l’inoltro del messaggio da parte del Gateway viene rifiutato e viene generato un messaggio di errore all’utente. Il predetto software automatico di controllo non consente in nessun caso di prendere visione del contenuto del testo del messaggio e, quindi, di violare i diritti di privacy dei singoli;
    – l’sms center è il soggetto che effettua, in concreto, l’instradamento degli sms e/o mms verso le numerazioni mobili appartenenti agli utenti finali;
    – in alcuni casi, la pratica segnalata può realizzarsi anche mediante il contatto con un sito internet, citato in alcuni degli sms segnalati, per effetto del quale il destinatario degli sms viene indotto a sottoscrivere ulteriori servizi a sovrapprezzo in abbonamento.
    ...

  5. #5
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,695
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Per finire, interessanti sono anche le valutazioni alle quali per ora è giunta l' Antitrust, e che vi riporto:

    IV. VALUTAZIONI PER L’ADOZIONE DELLA MISURA
    CAUTELARE


    15. Alla luce di quanto acquisito agli atti, emerge che tutte le parti coinvolte nel procedimento si sono difese ponendo l’accento prevalentemente sui rapporti intercorrenti tra i gestori di telefonia mobile e fissa e i Centri servizi assegnatari delle numerazioni a sovrapprezzo.
    I soggetti coinvolti nel presente procedimento non hanno, inoltre, prodotto alcuna documentazione o informazione in merito alle modalità tecniche e/o operative di invio di pacchetti di sms e mms e ai rapporti commerciali con le società di “Gateway”. Solo a seguito delle informazioni acquisite dalla Guarda di Finanza sono state, peraltro, chiarite le modalità con cui l’invio multiplo di pacchetti di messaggi viene effettuato e, in ultima analisi, reso possibile anche in virtù degli accordi in essere tra “Gateway” e gestori di telefonia mobile.
    16. Quanto ai presupposti per l’adozione della misura cautelare, va osservato quanto segue.
    Per quel che attiene al fumus boni juris, la pratica in oggetto appare prima facie scorretta in quanto i messaggi presenti negli sms omettono di indicare il contenuto reale del servizio offerto nonché i relativi costi. L’attuazione della pratica si sostanzia infatti nell’omessa informazione circa la natura del servizio e le condizioni tariffarie, particolarmente gravose dello stesso.
    Ciò posto, poiché all’interno della pratica le parti del procedimento rivestono un ruolo diverso, è opportuno specificare la posizione ed il coinvolgimento di ciascuno di essi. A tal fine, saranno valutati i ruoli svolti dai seguenti soggetti:
    (a) gli autori materiali della pratica, ossia coloro che elaborano il contenuto dei pacchetti di sms e mms oggetto della segnalazione e ne eseguono, direttamente o indirettamente, l’invio;
    (b) i “Gateway” e i gestori di telefonia mobile;
    (c) i cessionari delle numerazioni a sovrapprezzo, diversi dai soggetti sub a) e b), quali, ad esempio, i Content Provider, i Centri Servizi ecc.
    17. I soggetti sub a), che elaborano il contenuto dei messaggi e ne commissionano la diffusione, risultano materialmente e direttamente responsabili della ricezione, non richiesta e non autorizzata da parte degli utenti di telefonia mobile, di messaggi che invitano, attraverso modalità poco trasparenti, a contattare da rete fissa le numerazioni a sovrapprezzo per l’accesso a un servizio dai contenuti non precisati, con il conseguente addebito di importi ingenti, connessi allo scatto alla risposta, pari a 15 Euro, oltre al traffico a tariffazione maggiorata per il tempo effettivo in cui l’utente rimane in attesa al telefono.
    Da quanto emerso dalle risultanze istruttorie, coloro che elaborano il contenuto dei pacchetti di sms e mms mettono in atto tecniche di raggiro non riconoscibili da parte del consumatore medio, al solo fine di sollecitare l’accesso alla numerazione a sovrapprezzo.
    L’assenza di qualsivoglia forma di attenzione verso la preventiva acquisizione del consenso da parte degli utenti finali può, peraltro, rilevare sotto il profilo della violazione degli obblighi minimi di informativa e trasparenza, oltre che di riservatezza, stabiliti non solo dalla normativa di settore, di cui al Decreto Legislativo n. 259/2003, recante il codice delle comunicazioni elettroniche, ma anche da quella più specifica dedicata alla regolamentazione dei servizi a sovrapprezzo, così come disposto dal D.M. n.145/2006.
    18. Per quanto riguarda i gestori di telefonia mobile, sarà oggetto di approfondimento istruttorio, nel prosieguo del procedimento principale di merito, il ruolo da essi assunto nell’ambito della pratica oggetto di contestazione, con particolare riguardo ai rapporti commerciali con i gateway, finalizzati all’instradamento ai propri clienti degli sms segnalati.
    19. Quanto agli assegnatari delle numerazioni a sovrapprezzo, il loro coinvolgimento nella pratica emerge direttamente dalla disciplina regolamentare che pone in capo a tali soggetti specifici obblighi di controllo rispetto all’ideazione, predisposizione e commercializzazione di servizi su numerazioni “899…” e ulteriori obblighi di informazioni, trasparenza e riservatezza, nei confronti della clientela2. Obblighi che valgono anche nei casi in cui le numerazioni non geografiche a sovrapprezzo siano state cedute a soggetti terzi.
    20. Quanto al periculum in mora, sembrano sussistere fondati motivi di urgenza per adottare la misura cautelare. Tale urgenza è riconducibile all’attualità della condotta, dal momento che gli sms e gli mms in esame continuano ad essere diffusi raggiungendo un elevato numero di consumatori e al suo considerevole grado di offensività, tenuto conto che l’omessa avvertenza del tipo di servizio offerto induce i destinatari a contattare i numeri indicati negli sms, con conseguente pagamento, al solo scatto alla rrisposta, di importi rilevanti pari a 15 euro.
    21. In considerazione della presenza dei suddetti fondati motivi che configurano la pratica commerciale come foriera di un danno grave e irreparabile nella sfera economica dei consumatori, indotti a subire passivamente continui sms non richiesti, nonché a trovarsi assoggettati a servizi onerosi non chiaramente identificati in termini di caratteristiche e relative condizioni economiche, l’adozione di una misura cautelare appare dunque necessaria.
    A tal fine, si ritiene opportuno imporre agli operatori, coinvolti a diverso titolo nella pratica commerciale, di adottare misure idonee ad interrompere l’invio dei suddetti sms, anche attraverso accorgimenti tecnici a ciò necessari. Sotto quest’ultimo profilo, dalle informazioni acquisite emerge che una modalità idonea potrebbe, ad esempio, consistere nell’attivazione di software contenenti filtri semantici in grado di bloccare gli sms segnalati mediante l’individuazione delle specifiche numerazioni “899…”, oggetto del procedimento, senza peraltro violare la riservatezza del contenuto dei messaggi.
    ...

  6. #6
    Autorità Garante M3 L'avatar di Eros76
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Agrigento
    Messaggi
    4,024
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Che goduria leggere queste notizie! Grazie Max

  7. #7
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,341
    Post Thanks / Like

    Exclamation

    Citazione Originariamente Scritto da Max3 Visualizza Messaggio
    I nodi prima o poi vengono sempre al pettine.....
    flynet è stata beccata...

    Arezzo, clamoroso! Presidente ed amministratore delegato in manette | CalcioToscano.it

    Flynet tra SMS truffa, 899 e… l’Arezzo Calcio

  8. #8
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,341
    Post Thanks / Like

    Thumbs up Una buona nuova!


  9. #9
    Partecipante Mistico L'avatar di amgzero
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Roma-Milano
    Messaggi
    458
    Post Thanks / Like

    Predefinito 144 e affini: nuovo blocco automatico dal 01 ottobre

    Riporto così com'è, senza commenti:


    (ANSA) - ROMA, 19 GIU - Il blocco automatico delle chiamate per i servizi a sovrapprezzo (144 e affini) scattera' dal primo ottobre. Lo ha deciso l'Autorita' per le tlc con un nuovo provvedimento, dopo che il Tar del Lazio aveva accolto un ricorso dei fornitori di servizi sulla precedente delibera, che prevedeva l'avvio del blocco dal primo luglio. L'Autorita' ha inoltre deciso, in linea con la pronuncia del Tar, una capillare e tempestiva campagna informativa.
    Non importa dove si nasce se si combatte per le stesse idee e si crede nelle stesse cose. La cattiveria dei buoni è pericolosissima.



  10. #10
    Partecipante Logorroico L'avatar di GallusClaY
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Martina Franca, Milano, Shanghai
    Messaggi
    2,058
    Post Thanks / Like

    Predefinito

    Bhe ora dovrebbe passare liscio come l'olio. Credo che chi ha fatto ricorso volesse proprio uno slittamento dei termini per riorganizzarsi.
    Preferite che Alitalia rimanga italiana o che continui a volare?!?!?!

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Mondo3 Social