Calano i costi di terminazione: costa meno chiamare H3G da Telecom

di Fabrizio Castagnotto

Da oggi entrano in vigore i nuovi costi di terminazione nella telefonia mobile decisi da AgCom. Un percorso che prevede vari step che porteranno probabilmente a variazioni significative anche nelle offerte in corso e in futuro.

Particolare interesse riserva la modifica nei confronti di 3 Italia che da stamani, per la prima volta, della nascita vede calare l’interconnessione sotto i 10 centesimi al minuto. Tra i primi effetti reali intanto il calo dei costi da rete fissa Telecom verso i cellulari italiani di tutti i gestori.

Questi i nuovi prezzi Telecom Italia: per i clienti privati la tariffazione resta a secondi, con uno scatto di 7,87 ct. (invariato).

La fascia intera (dal lunedì al venerdì tra le 8 e le 18:30) prevede i seguenti costi:

  • verso Tim 11,40 ct. (era 13,36);
  • verso Vodafone: 11,82 (era 13,86);
  • verso Wind: 12,00 (era 15,61);
  • verso H3G:  13,44 (era 18,52)

La fascia ridotta rimane invariata: Tim a 7,76, Vodafone 7,92, Wind 9,08 e H3G 10,84.

Anche per i clienti affari – che hanno una tariffazione identica nell’arco delle 24 ore – alcune importanti riduzioni di prezzo:   verso Tim a 10,14 ct. (invariato), Vodafone 10,26 (=), Wind 10,80 (era 11,64) e H3G 12,96 (era 14,36).

Le variazioni più importanti quindi riguardano – come previsto – Wind e 3 Italia che, da challenger del mercato, hanno goduto (e continueranno a godere ancora per alcuni mesi) di un maggior costo di interconnessione: nello specifico Telecom ha diminuito rispettivamente del 24,13% e del 27,43% il costo delle chiamate in on peak per i clienti privati. Il taglio è stato del 7,2% e dell’11,5% per i clienti con partita IVA.

A conferma di ciò questo il prospetto dei costi di interconnessione in vigore da oggi ed in passato, oltre ai futuri prezzi previsti da AgCom con le conseguenze già immaginabili:

€cent/minuto Dal

1/07/2009

Dal

1/07/2010

Dal

1/07/2011

Dal

1/07/2012

H3G 11,0 9,0 6,3 4,5
Telecom Italia 7,7 6,6 5,3 4,5
Vodafone 7,7 6,6 5,3 4,5
Wind 8,7 7,2 5,3 4,5

Lo step più importante quindi sarà tra due anni quando i costi saranno, almeno per 3, esattamente la metà di quelli attuali. E’ ipotizzabile che alcuni meccanismi di autoricarica saranno probabilmente modificati, difficilmente sarà riconosciuta al cliente una cifra nominale più alta di quella ufficialmente incassata.

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3