Iliad, in Francia arrivano altri 300 milioni di euro per coprire con la fibra ottica

di Redazione

Mentre in Italia Iliad opera ancora solo nel settore mobile con due tariffe attivabili, la casa madre francese in patria continua a espandersi con i servizi in fibra che dovrebbero partire anche nel nostro paese grazie alla partnership con Open Fiber.

EIB (European Investement Bank) e Iliad celebrano 10 anni di partnership e firmano un nuovo accordo di finanziamento da 300 milioni di euro per accelerare il lancio della fibra in tutta la Francia

Thomas Reynaud, Chief Executive Officer di Iliad Group, e Ambroise Fayolle, Vicepresidente della Banca europea per gli investimenti, infatti hanno celebrato oggi 10 anni di partnership creando un nuovo prestito di 300 milioni di euro, sostenuto da il piano di investimenti per l’Europa della Commissione europea (il “Piano Juncker”), per contribuire all’espansione della rete in fibra di Iliad in Francia.

L’accordo di finanziamento è stato firmato letteralmente a 25 metri di profondità, in un vecchio bunker nucleare trasformato in un centro dati da Iliad, a simboleggiare sia le competenze del Gruppo che il futuro dei dati.

Questo accordo consolida la posizione di Iliad come operatore di fibra alternativa numero uno in Francia. Con 3.000 dipendenti dedicati al lancio delle fibra, il Gruppo sta lavorando quotidianamente per portare la rete ultraveloce in tutta la Francia, anche attraverso le reti di iniziativa pubblica (PIN) per le aree rurali e scarsamente popolate.
Iliad – che opera con il marchio Free – ha oltre un milione di abbonati in fibra, con 10 milioni di prese collegabili in più di 90 dipartimenti, è in attesa del suo obiettivo di avere 20 milioni di socket collegabili in fibra entro la fine del 2022.

Il nuovo prestito della EIB  – che porta l’ammontare totale del finanziamento  a 850 milioni di euro dal 2009 – dimostra l’intenzione della Banca di continuare a collaborare con il Gruppo nell’introduzione della sua rete in fibra in tutta la Francia.

Commentando l’accordo, Ambroise Fayolle, vicepresidente della BEI, ha dichiarato: “La prosecuzione della nostra partnership con il gruppo Iliad è un chiaro esempio dell’impegno della Banca europea per sostenere l’innovazione e la società digitale e per assicurare che ultra -la larga banda larga è disponibile in tutte le regioni e contribuire a estendere la portata della banda ultralarga costituisce un sostegno essenziale fornito dall’Europa alle imprese e ai residenti ubicati in zone rurali e scarsamente popolate “.

Pierre Moscovici, commissario europeo responsabile per gli affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane, ha dichiarato: “Sono lieto di questo accordo, che è stato firmato nell’ambito del piano Juncker e destinato a fornire assistenza a uno degli operatori di fibra di Francia. Contribuirà a far progredire lo sviluppo digitale in Francia, contribuendo così a colmare il divario digitale nelle nostre regioni “.

Thomas Reynaud, Chief Executive Officer di Iliad Group, ha dichiarato: “Vorremmo ringraziare EIB per il suo supporto negli ultimi dieci anni, che ha consentito a Iliad di raccogliere la sfida di implementare la fibra in tutta la Francia e confermare la nostra posizione come numero uno tra gli operatori alternativi. ”

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3