Risultato 3° trimestre 2020: Swisscom resta sulla buona strada con un risultato stabile

di Fabrizio Castagnotto

Fatturato del Gruppo leggermente inferiore all’anno precedente, risultato di esercizio (EBITDA) stabile. Michael Rechsteiner verrà proposto come nuovo Presidente del Consiglio di amministrazione. Dal 1° marzo 2021 Eugen Stermetz diventerà responsabile delle finanze al posto di Mario Rossi.

Le prospettive per il 2020 rimangono invariate

«Swisscom registra un risultato di esercizio stabile e una buona performance di mercato, questo nonostante le numerose incertezze dovute al Covid-19, la saturazione del mercato svizzero e l’intensa concorrenza», afferma il CEO Urs Schaeppi. «Grazie a reti ben sviluppate, offerte interessanti e un buon servizio alla clientela, continuiamo a registrare un’elevata soddisfazione della clientela. L’elevata pressione sui prezzi e gli effetti del Covid-19 hanno inciso sul fatturato nel core business svizzero. Tuttavia, siamo stati in grado di compensare ampiamente questo calo puntando a incrementare l’efficienza. A settembre abbiamo ricevuto un riscontro positivo da parte dei clienti e del pubblico con la nostra nuova e ricca esperienza di intrattenimento: Swisscom TV è diventata blue TV, Teleclub è stata lanciata come blue+ e i cinema Kitag ora si chiamano Blue Cinema. Anche la nostra affiliata Fastweb, in Italia, continua nel suo sviluppo positivo. Sta crescendo in termini di fatturato, risultato di esercizio e di clienti. Nel complesso, noi di Swisscom siamo sulla buona strada e possiamo confermare le previsioni finanziarie per il 2020».

Guerra dei prezzi nel core business svizzero, crescita in Fastweb

Il fatturato del Gruppo, pari a 8201 milioni di CHF, è inferiore di 176 milioni di CHF (-2,1%) rispetto all’anno precedente dopo gli adeguamenti valutari. Nel core business svizzero saturo, Swisscom ha realizzato un fatturato di 6148 milioni di CHF (-3,5%). La flessione del fatturato di 226 milioni di CHF è dovuta principalmente alla continua pressione sui prezzi e all’impatto del Covid-19; per circa un terzo tale flessione è riconducibile al roaming (73 milioni di CHF). L’attività in Italia ha uno sviluppo positivo: Fastweb vanta una crescita del fatturato pari a 90 milioni di euro (+5,7%) rispetto allo scorso anno.

Il calo registrato nel core business svizzero è stato in gran parte compensato da una maggiore efficienza. Il risultato d’esercizio consolidato al lordo di ammortamenti (EBITDA) ammonta a 3356 milioni di CHF, 4 milioni di CHF in meno rispetto all’anno precedente. Su base comparabile e con cambio valutario costante l’incremento dell’EBITDA è stato di 7 milioni di CHF (+0,2%). Nel core business svizzero l’EBITDA è praticamente stabile (-0,5%), mentre Fastweb ha aumentato il proprio EBITDA del 4,6% (in EUR). Il risultato complessivo è un solido utile netto di 1166 milioni di CHF: 15 milioni di CHF in meno, ovvero l’1,3%, rispetto all’anno precedente, soprattutto a causa del maggiore onere fiscale sull’utile.

Previsti ulteriori investimenti ingenti nell’infrastruttura di rete

Swisscom investe continuamente nella qualità, nella copertura e nell’efficienza della propria infrastruttura di rete, consolidando in tal modo la sua leadership tecnologica. A fine settembre gli investimenti a livello di gruppo si mantengono elevati con 1632 milioni di CHF (-11,0%) e stabili su base comparabile.

Potenziamento della banda larga nella rete fissa in linea con gli obiettivi
A fine settembre 2020, le abitazioni e le superfici commerciali allacciate alla banda ultralarga (oltre 80 Mbit/s) da Swisscom in Svizzera erano circa 4,3 milioni, ovvero l’80%. 3,0 milioni di persone, pari al 56% delle abitazioni e superfici commerciali, beneficiano di connessioni veloci con oltre 200 Mbit/s. Entro la fine del 2021 Swisscom intende portare la banda ultralarga in tutti i comuni, consentendo così l’accesso a questa tecnologia anche alle località discoste.

Swisscom si è inoltre posta ambiziosi obiettivi di ampliamento entro il 2025, nell’intento di offrire a tutti i clienti, ovunque e in qualsiasi momento, la migliore rete della Svizzera. Entro fine 2025 puntiamo a raddoppiare la copertura in fibra ottica per abitazioni e superfici commerciali (FTTH) rispetto al 2019, fino al 60%.

Il potenziamento della rete mobile ristagna, ma la domanda aumenta
A fine settembre 2020 la rete 4G/LTE di Swisscom assicurava la copertura al99% della popolazione svizzera. Dalla fine del 2019 il 90% della popolazione svizzera usufruisce dalla rete 5G di Swisscom, con velocità fino a 1 Gbit/s. Per sfruttare il potenziale del 5G e trasmettere i dati in modo più efficiente e rapido, è necessario rinnovare le antenne esistenti e costruirne di nuove con il 4G e il 5G.

Il volume di dati cresce molto di più rispetto al potenziamento delle capacità di rete per il 4G e il 5G in virtù dell’aumento della domanda. Nel 2019, il volume di dati sulla rete mobile è aumentato del 29% rispetto all’anno precedente. Nonostante le misure adottate quali antenne supplementari, la gestione delle frequenze e gli upgrade dei software, la capacità della rete mobile è cresciuta solo del 5% a causa di alcune restrizioni come, ad esempio, le moratorie indette nei singoli cantoni. Il potenziamento della rete mobile e delle capacità è più importante che mai per evitare una congestione dei dati sulla rete e portare avanti la digitalizzazione di economia e società.

Tendenza verso l’offerta combinata: inOne continua a crescere

Il numero dei collegamenti TV e a banda larga rimane elevato, la domanda di offerte combinate è stabile. I clienti privati apprezzano soprattutto l’abbonamento inOne, flessibile e modulare.

inOne come vettore importante della convergenza
A settembre 2020 Swisscom contava 2,42 milioni di clienti privati inOne. Nel segmento dei clienti privati, inOne costituisce il 68% di tutti gli abbonamenti di comunicazione mobile e il 74% dei collegamenti a banda larga. Il 46% dei clienti ha scelto un’offerta combinata.

Elevato dinamismo dei prezzi nella rete fissa e nella rete mobile
I mercati della banda larga e della TV sono saturi e fortemente spinti dalle promozioni. Il numero di collegamenti di rete fissa a banda larga è leggermente diminuito rispetto all’anno precedente. Il numero di collegamenti TV è leggermente aumentato rispetto all’anno precedente, ma è rimasto stabile nel terzo trimestre. La tendenza al ribasso nel tradizionale settore della telefonia di rete fissa sta rallentando a causa della migrazione a IP ormai conclusa: a fine settembre 2020 Swisscom registrava 1,55 milioni di collegamenti telefonici di rete fissa, il che equivale a un calo di 48’000 unità nei primi nove mesi del 2020.

I collegamenti Postpaid all’attivo nella rete mobile sono aumentati di 68’000 unità rispetto a fine settembre 2019 e di 50’000 unità nei primi nove mesi, mentre nei primi nove mesi il numero dei collegamenti Prepaid è diminuito di 130’000 unità. In totale, a fine settembre 2020 Swisscom contava 6,25 milioni di collegamenti di comunicazione mobile.

La Svizzera vede in blue: un nome per la TV, lo streaming, il cinema e il gaming
A settembre, Swisscom ha lanciato un’esperienza di intrattenimento completa sotto il nome di blue, con nuove offerte e contenuti e la libertà di accedervi da ovunque. Anche per i clienti della concorrenza. Dal 20 ottobre i clienti Swisscom possono di nuovo seguire in tempo reale le partite dei massimi campionati di hockey su ghiaccio svizzero e non perdersene più una. Ai canali MySports è possibile abbonarsi in pochi clic direttamente tramite la piattaforma Blue TV pagando con la fattura Swisscom.

Clienti commerciali: concorrenza intensa e domanda crescente di soluzioni ICT
Il mercato dei clienti commerciali è caratterizzato da un’elevata pressione sui prezzi e da nuove tecnologie. Rispetto all’anno precedente, il fatturato realizzato con i servizi di telecomunicazione è sceso del 7,3% a 1296 milioni di CHF. Swisscom gode di una solida posizione come Full Service Provider e la soddisfazione della clientela continua a essere elevata. È aumentata la richiesta di soluzioni di cloud, sicurezza e Unified Communication & Collaboration (ad es. servizi di videoconferenza). Nei primi nove mesi del 2020 il fatturato nel settore delle soluzioni è aumentato di 15 milioni di CHF (+1,9%) attestandosi a 786 milioni di CHF.

Fastweb cresce per clienti, fatturato e risultato di esercizio

Michael Rechsteiner verrà proposto come nuovo Presidente del Consiglio di amministrazione
Alla prossima Assemblea generale, in calendario per il 31 marzo 2021, il Presidente del Consiglio di amministrazione in carica, Hanslueli Loosli (1955), raggiungerà la durata massima del mandato prevista dallo statuto, pari a 12 anni, e quindi non potrà essere rieletto. Hansueli Loosli, Presidente del Consiglio di amministrazione dal 2011, ha fornito un importante contributo alla strategia e all’orientamento di Swisscom come azienda ICT numero uno in Svizzera. In futuro si concentrerà su mandati nell’economia. Il Consiglio di amministrazione proporrà in occasione dell’Assemblea generale il nome di Michael Rechsteiner (1963), membro dell’organo dal 2019. Michael Rechsteiner è attualmente responsabile per l’Europa delle attività Gas Power di General Electric. Ha conseguito un master in ingegneria meccanica al Politecnico federale di Zurigo e un MBA presso l’università di San Gallo (HSG) e ha maturato una pluriennale esperienza dirigenziale in grandi gruppi internazionali.

Dal 1° marzo 2021 Eugen Stermetz sarà il nuovo responsabile delle finanze di Swisscom
Il Consiglio di amministrazione ha eletto Eugen Stermetz (1972) nuovo Chief Financial Officer (CFO) e membro della Direzione del Gruppo. Eugen Stermetz, che vanta una lunga esperienza in campo finanziario, lavora per Swisscom dal 2012 in diversi ruoli, tra cui CFO delle partecipazioni e responsabile di Mergers & Acquisitions e Treasury. Ha iniziato il suo percorso professionale nella consulenza aziendale, con varie posizioni di CFO nel settore IT e farmaceutico. Stermetz, austriaco di nascita, ha studiato economia aziendale all’università di San Gallo (HSG) e ha concluso la sua formazione accademica con un dottorato presso la Wirtschaftsuniversität Wien.

Eugen Stermetz sostituisce Mario Rossi (1960), in Swisscom dal 1998 con diverse funzioni, tra cui CFO e membro della Direzione del Gruppo dal 2013. In futuro Mario Rossi si concentrerà su mandati nell’economia. Per molti anni Mario Rossi ha fornito un notevole contributo al successo del posizionamento di Swisscom nella financial community. Il Consiglio di amministrazione e la Direzione del Gruppo di Swisscom, dispiaciuti per la sua partenza, ringraziano Mario Rossi per lo straordinario impegno profuso a favore dell’azienda e gli augurano un futuro professionale e personale ricco di soddisfazioni.

Previsioni finanziarie invariate
Per l’esercizio 2020 Swisscom prevede un fatturato netto di circa 11,0 miliardi di CHF, un EBITDA attorno ai 4,3 miliardi di CHF e investimenti per circa 2,3 miliardi di CHF. In caso di raggiungimento degli obiettivi, Swisscom intende proporre all’Assemblea generale del 2021 un dividendo interessante e invariato per l’esercizio 2020, pari a CHF 22 per azione. A causa della pandemia di Covid-19 e conformemente alla relativa ordinanza, il Consiglio di amministrazione ha deciso che l’Assemblea generale 2021 si svolgerà in remoto. Gli azionisti verranno informati a tempo debito.

Panoramica delle cifre principali

1.1-30.09.2019 1.1-30.09.2020 Variazione

(rettificata*)

Fatturato netto (in milioni di CHF) 8’456 8’201 -3,0%

(-2,1%)

Risultato di esercizio al lordo di ammortamenti, EBITDA (in milioni di CHF)

 

3’360 3’356 -0,1%

(0,2%)

Risultato di esercizio EBIT (in milioni di CHF) 1’529 1’523 -0,4%
Utile netto (in milioni di CHF) 1’181 1’166 -1,3%
Collegamenti Swisscom TV in Svizzera (al 30.09, in migliaia) 1’540 1’551 0,7%
Collegamenti a banda larga Retail in Svizzera (al 30.09, in migliaia) 2’054 2’045 -0,4%
Collegamenti di rete mobile in Svizzera (al 30.09, in migliaia) 6’358 6’253 -1,7%
Collegamenti a banda larga Fastweb (al 30.09, in migliaia) 2’610 2’704 3,6%
Collegamenti di rete mobile Fastweb (al 30.09, in migliaia) 1’663 1’889 13,6%
Investimenti (in milioni di CHF) 1’833 1’632 -11,0%
Di cui investimenti in Svizzera (in milioni di CHF) 1’338 1’191 -11,0%
Collaboratori del Gruppo (posti a tempo pieno al 30.09) 19’500 19’026 -2,4%
Di cui collaboratori in Svizzera (posti a tempo pieno al 30.09) 16’788 16’119 -4,0%

* Su base comparabile e con un cambio valutario costante

Rapporto intermedio dettagliato: https://www.swisscom.com/q3-report-2020

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3