Pratiche commerciali scorrette, protocollo d’intesa tra AgCom e Antitrust

di Eros Bartolomeo

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO AGCOM-AGCM
Protocollo di intesa tra AGCOM e Antitrust in materia di tutela dei consumatori nei mercati delle comunicazioni elettroniche

MONDO3 SU TELEGRAMMONDO3 SU FACEBOOK

Il Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom), Angelo Cardani, e il Presidente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm), Giovanni Pitruzzella, hanno firmato un Protocollo d’Intesa in materia di pratiche commerciali scorrette.
Il Protocollo fa seguito a quelli analoghi già conclusi ai sensi dell’art. 27, co. 1 bis del Codice del Consumo, per disciplinare gli aspetti applicativi e procedimentali della reciproca collaborazione in materia di tutela del consumatore, nel quadro delle rispettive competenze, con l’Autorità di Regolazione dei Trasporti, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, la Banca d’Italia e l’Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico.

Verso le conciliazioni online, questo lo sviluppo futuro di Agcom e Corecom

Il Protocollo, che integra il precedente Protocollo quadro del 22 maggio 2013 sulla cooperazione tra Agcm e Agcom, consentirà un rafforzato coordinamento tra le due Autorità, volto a garantire, nel rispetto dei principi di autonomia e indipendenza, un sempre più efficace esercizio dei poteri loro attribuiti in tema di tutela dei consumatori nei rapporti con le imprese di comunicazione e i fornitori di servizi.
Ciò si realizzerà, in particolare, attraverso:
– il coordinamento degli interventi istituzionali, anche in fase pre-istruttoria, sui settori di comune interesse;
– la segnalazione dell’Antitrust all’Agcom di casi in cui, nell’ambito di procedimenti di propria competenza, emergano ipotesi di violazioni da parte degli operatori delle norme alla cui applicazione è preposta l’Agcom;
– la segnalazione dell’Agcom all’Antitrust di casi in cui, nell’ambito di procedimenti di propria competenza, emergano ipotesi di pratiche commerciali scorrette relative al settore delle comunicazioni elettroniche;
– la costituzione di un gruppo di lavoro permanente sull’attuazione per promuovere il confronto su tematiche di comune interesse in materia di tutela dei consumatori;
– lo scambio reciproco di dati, documenti ed informazioni sui procedimenti avviati da ciascuna Autorità.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3