AssoCSP conferma: “Il Codice di Condotta funziona, priorità è la tutela degli utenti”

di Redazione

Il Vicepresidente Vicario Arturo Mercurio: “Da parte nostra impegno costante a dare attuazione all’autoregolamentazione promossa da Agcom”

L’Associazione dei Content Service Providers – AssoCSP – fa il punto a un mese dall’introduzione degli aggiornamenti al Codice di Condotta per l’Offerta dei Servizi Premium – CASP 4.0.

“Come AssoCSP, siamo da 10 anni impegnati nel garantire un corretto funzionamento del mercato dei VAS, lavorando fianco a fianco con gli operatori e l’Autorità di regolazione per promuovere un uso corretto dei servizi a valore aggiunto” dichiara Arturo Mercurio, Vicepresidente Vicario dell’Associazione.

A novembre è stato pubblicato da Agcom il nuovo CASP 4.0, frutto di un lavoro prodotto da una serie di fasi sperimentali, di cui AssoCSP è stato promotore. Il diritto di ripensamento è certamente la novità più significativa introdotta dal Codice di Condotta per la tutela degli utenti. Questi ultimi infatti hanno facoltà di esercitare tale diritto entro 6 ore dall’attivazione del servizio, richiedendo la disattivazione e il riaccredito di quanto è stato addebitato.

“Per facilitare la user experience, si è definito che tale diritto possa essere esercitato direttamente tramite il Call Center Unico per i servizi VAS, chiamando il numero 800.44.22.99” – prosegue il Vicepresidente Mercurio. “L’utilizzo del call center unico, coordinato interamente dalla nostra Associazione, conferma che siamo sulla strada giusta per assistere i consumatori anche in caso di fenomeni di attivazioni non desiderate”.

“AssoCSP – aggiunge Mercurio – ha intenzione di raccogliere dati sia tramite il call center unico sia tramite gli Operatori,  per valutare il successo di tale iniziativa”.

Il CASP è il risultato di un tavolo di lavoro riunitosi nel 2008 su iniziativa congiunta dei principali operatori di telefonia del mercato italiano e di alcuni dei maggiori Content Service Provider, con fini di autoregolamentazione del mercato dei servizi premium a tutela dell’utenza.
Il Codice di Condotta è stato sottoscritto, in una prima versione, nel maggio 2008 per poi essere rivisto e aggiornato nel corso degli anni, da ultimo nel novembre del 2019.

“Tutti i nostri Associati si impegnano costantemente per favorire la trasparenza nei confronti degli utenti, fornendo informazioni chiare sui costi e le modalità di attivazione o disattivazione. Si tratta di un impegno costante volto a preservare il mercato garantendo agli utenti un utilizzo consapevole dei servizi Vas ed escludendo coloro che, con modalità  scorrette, hanno creato pregiudizi sul nostro settore” conclude Mercurio.

Com. stampa

 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3