Sìja mobile regala SIM alle case di riposo per supportare gli anziani durante l’emergenza

di Martina Tortelli

Come abbiamo visto, anche se il coronavirus può teoricamente colpire chiunque, gli anziani sono particolarmente vulnerabili.

Detto questo, tutte le visite sono attualmente vietate in pensione e le case degli anziani e i residenti vivono in un isolamento quasi completo.

Le persone anziane soffrono molto di questa situazione, non c’è differenza con quelle più giovani. Tuttavia, gli anziani per lo più non hanno accesso ai numerosi servizi di telecomunicazioni e all’infinita possibilità data dall’accesso a internet.

Per alleviare questa situazione, sìja – l’operatore mobile su rete Vodafone dedicato alla popolazione sudtirolese – ha scelto di aiutare le case di riposo regalando loro carte SIM gratuite affinché i residenti possano contattare i loro cari. “Finora siamo stati in 35 case di anziani in Alto Adige per consegnare le SIM“, riferisce l’amministratore delegato e co-fondatore di Hoila! GmbH, Markus Giersch.
Purtroppo abbiamo trovato le stesse condizioni ovunque. Le circostanze attuali sono davvero particolarmente difficili. Gli anziani a volte non riescono a capire correttamente la situazione in essere, sono turbati dagli indumenti protettivi del personale infermieristico e soffrono molto per il divieto di accesso ai visitatori. Sono stati molto grati per l’opportunità di connettersi con il mondo esterno. Siamo felici di aiutare in questa situazione difficile e almeno di essere in grado di alleviare le circostanze.

In questi momenti speciali, anche i piccoli gesti a volte hanno un grande impatto. Ora è importante che gli anziani si sentano al sicuro in isolamento, ma non lasciati soli.

Il Dr. Eugen Sleiter (presidente dell’Accademia altoatesina di medicina generale), in qualità di medico di medicina generale del Tirolo e direttore medico della casa per anziani, è stato in grado di monitorare da vicino gli sviluppi nelle ultime settimane e mesi. È stato molto contento della generosità di sìja mobile e l’ha utilizzata anche per la casa di riposo in Tirolo. “L’offerta è molto ben accolta dai residenti, vengono fatte diverse chiamate al giorno.
Con l’aiuto del personale infermieristico, anche coloro che non sono avvezzi possono contattare i loro parenti tramite la videotelefonia. Siamo molto grati per questa opportunità.”


CS

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3