Mezzo miliardo di euro in arrivo per la fibra ottica (e non solo) nelle zone scoperte di tutta Italia

di Martina Tortelli

La Commissione europea ha adottato ieri un progetto del valore di oltre 573 milioni di fondi dell’UE nell’ambito della politica di coesione per sostenere la diffusione della banda larga veloce in Italia.

Il finanziamento dell’UE, che copre il 60% dei costi ammissibili del progetto, contribuirà a portare l’accesso veloce a Internet in aree in cui non è al momento disponibile e interesserà oltre 7 000 comuni italiani, per un totale di 12,5 milioni di abitanti, e quasi 1 milione di imprese.

Il progetto fa parte del “Piano digitale italiano – banda ultralarga”, la strategia nazionale per la rete d’accesso di nuova generazione. Mira a garantire velocità di connessione di almeno 100 megabit al secondo (Mbps) per l’85% delle famiglie italiane e per tutti gli edifici pubblici – in particolare scuole e ospedali – e di almeno 30 Mbps per tutti entro il 2020.

Corina Crețu, Commissaria responsabile per la Politica regionale, ha affermato: “Questo progetto per la banda larga finanziato dall’UE, che interessa il 20% della popolazione italiana, offre opportunità commerciali senza precedenti, servizi pubblici migliori e una migliore qualità di vita per i cittadini italiani. Il progetto dimostra quale sia l’interesse primario dell’UE: un impegno molto concreto volto a migliorare la vita quotidiana dei cittadini.”

Mariya Gabriel, Commissaria responsabile per l’Economia e la società digitali, ha dichiarato: “Un’infrastruttura a banda larga di elevata qualità è essenziale nell’economia e nella società di oggi. I cittadini beneficeranno pienamente del mercato unico digitale quando disporranno di un accesso illimitato alle reti più efficienti, che consentono di accedere in modo più diffuso a nuovi prodotti, servizi e applicazioni. Tali progetti gettano le basi per un’Europa digitale inclusiva e competitiva.”

Il progetto riguarderà, in particolare, le cosiddette “aree bianche”, in cui le forze di mercato non riescono a realizzare il necessario potenziamento delle infrastrutture, in tutte le 20 regioni italiane. Il progetto dovrebbe essere completato entro la fine del 2020.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3