Vodafone, rimodulazione in vista per alcune offerte di telefonia mobile

di Valerio Longhi

Nella giornata di ieri su voda.it/informa è apparso l’annuncio per alcuni particolari clienti Vodafone Italia con la modifica delle condizioni contrattuali per i clienti con le offerte Vodafone Digital, Special 600 e Special 1000 4GB dal 27 marzo 2020

“Per favorire la transizione verso servizi di nuova generazione”, scrive letteralmente il gestore, “Vodafone ha intrapreso un processo di aggiornamento e semplificazione delle proprie offerte e a partire dal 27 marzo 2020 le offerte Vodafone Digital, Special 600 e Special 1000 4GB non esisteranno più e verranno sostituite dalle offerte Easy Special con 50 Giga o Giga illimitati e avranno un costo maggiorato, da 1,50€ a 4,98€, rispetto al costo sostenuto sino a quella data”.
I clienti interessati dalla modifica riceveranno una comunicazione personalizzata con le specifiche indicazioni di costo eventualmente applicate.
Qualora la comunicazione di cui sopra fosse relativa a una modifica indicata come con prezzo bloccato per 24 mesi, si intende esclusa la facoltà di Vodafone di applicare l’art.15 (modifiche del contratto) delle Condizioni Generali di Contratto per il periodo indicato.


Vodafone riserverà, inoltre, ai clienti interessati la possibilità di attivare un’offerta alternativa chiamando il 42590. I clienti interessati dalla modifica e che avranno ricevuto la citata comunicazione personale via SMS potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza costi di disattivazione ne’ penali fino al 26 marzo 2020, specificando come causale del recesso “modifica delle condizioni contrattuali” attraverso i seguenti canali: scrivendo a variazioni.vodafone.it o via PEC all’indirizzo disdette@vodafone.pec.it, inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno a: Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea, Torino, chiamando il Servizio Clienti Vodafone al 190 o compilando l’apposito modulo reperibile in tutti i negozi Vodafone.

I clienti che hanno un’offerta che include telefono, tablet, Mobile Wi-Fi o che prevede un contributo di attivazione a rate, potranno continuare a pagare, a seconda dell’offerta, le eventuali rate residue addebitate con la stessa cadenza e con lo stesso metodo di pagamento scelto. In alternativa, potranno indicare nella richiesta di recesso che intendono pagare l’eventuale apparato o contributo di attivazione in un’unica soluzione.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3