Vodafone, stop alla navigazione in mare. Almeno quella in roaming

di Valerio Longhi

La battuta del titolo era servita su un piatto d’argento, ma è conseguenza di una situazione che – da tempo – vede protagonista il roaming marittimo.

Vodafone Italia, in considerazione della necessità di adottare misure legate all’ottemperanza con quanto stabilito dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato all’esito del Procedimento PS11566, infatti informa che il servizio Roaming in nave, a partire dal 1 novembre 2020, è  temporaneamente sospeso.

Si provvederà a fornire eventuale nuova e idonea informativa in caso di adozione di nuove modalità di fruizione del suddetto servizio“, informa l’operatore.

Come dice il nome il “roaming marittimo” è il servizio di roaming che si attiva in mare. Però, al contrario del roaming internazionale, questo servizio si attiva anche all’interno dei confini nazionali appena ci si allontana dalla costa e dai servizi di rete terrestri.

Banalmente nel roaming marittimo ci si collega alla rete satellitare sfruttando un’antenna e i ripetitori installati sulla nave e, ovviamente, un sistema in grado di commutare il segnale cellulare in segnale satellitare.

Un servizio che può costare molto caro al consumatore e sul quale gli operatori dovranno intervenire con chiarezza e trasparenza.

Intanto sono numerose le navi su cui i clienti Vodafone non potranno andare in roaming, come dimostra la lista delle compagnie di navigazioni presenti sul sito ufficiale con cui era possibile il servizio di roaming satellitare in nave.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3