Vodafone, apprendimento immersivo e inclusione scolastica con le soluzioni digitali

di Redazione

Le scuole hanno tempo fino al 28 febbraio 2023 per presentare  i progetti e accedere alle risorse del piano “Scuola 4.0” del PNRR

  Nuove tecnologie per nuove dimensioni di apprendimento ibrido. Vodafone presenta due soluzioni di connected education per accompagnare il processo di digitalizzazione della didattica nella scuola italiana: Vodafone LeARning per un’esperienza di apprendimento personalizzata e immersiva, e Vodafone MOSAIC per promuovere l’inclusione scolastica di alunni con disabilità e disturbi cognitivi, autismo e fragilità.

Queste soluzioni rispettano molti dei requisiti di progetto previsti dal piano di investimenti di “Scuola 4.0” del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) per accelerare il processo di transizione digitale della scuola. Gli istituti hanno tempo fino al 28 febbraio 2023 per caricare nell’apposita area riservata della piattaforma pnrr.istruzione.it una proposta progettuale preliminare per cui utilizzare i fondi previsti dal PNRR.

Con il piano Scuola 4.0 – il cui nome si deve all’obiettivo di realizzare scuole in cui le potenzialità educative e didattiche degli spazi fisici si fondano con gli ambienti digitali per esplorare nuove modalità di apprendimento – il Ministero dell’istruzione ha scelto di destinare 2,1 miliardi di euro alla trasformazione di oltre 100mila aule tradizionali in ambienti innovativi di apprendimento grazie a dotazioni digitali avanzate. Il piano prevede inoltre di dotare le scuole del secondo ciclo di istruzione di laboratori avanzati per l’apprendimento delle professioni digitali del futuro.

L’utilizzo delle tecnologie digitali nei processi di insegnamento, grazie a un alto livello di personalizzazione e flessibilità delle soluzioni, consente di accrescere la cooperazione e le relazioni all’interno della classe, sia fra studenti sia fra studenti e docenti. Le soluzioni Vodafone innovano e digitalizzano la didattica creando ambienti flessibili, collaborativi, inclusivi, sicuri e tecnologici.

Vodafone LeARning

Vodafone LeARning è una piattaforma di apprendimento ideata per le scuole secondarie di II grado che sfrutta le potenzialità della classe aumentata: consente dunque di simulare scenari pratici di vario tipo con interazioni insegnante-alunni in tempo reale. Con Vodafone LeARning è possibile attivare dinamiche di insegnamento in presenza e da remoto altamente coinvolgenti grazie all’impiego di modelli 3D in realtà aumentata. La soluzione funziona con dispositivi di realtà mista come gli occhiali Nreal, Hololens 2 e con smartphone che consentono sì di immergersi nel mondo virtuale ma al contempo di non isolarsi e di mantenere la visione sull’ambiente; la lezione aumentata può inoltre essere mostrata su una LIM o un altro monitor o proiettore, grazie a uno smartphone usato come telecamera. È possibile fruire l’esperienza anche con visori di realtà virtuale, creando un ambiente educativo completamente digitale. L’insegnante può aggiungere contenuti 2D e 3D tramite un editor online molto intuitivo, creando nuove attività e personalizzando le esperienze in base agli obiettivi didattici. Vodafone LeARning è stata sviluppata insieme alla startup FifthIngenium, vincitrice dell’edizione 2020 del programma Vodafone “Action for 5G” ed è già stata impiegata per lezioni aumentate al Liceo Parini e al Politecnico di Milano.

Vodafone MOSAIC

Vodafone MOSAIC è la soluzione dedicata alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado, studiata per promuovere il coinvolgimento e l’inclusione scolastica di alunni con disabilità e disturbi cognitivi come autismo, Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) e Bisogni Educativi Speciali (BES). È costituita da oggetti smart interattivi, personalizzabili e programmabili, da un portale online che l’insegnante usa per gestire, personalizzare e programmare le attività in classe.

Vodafone organizza meeting settimanali rivolti a ogni ordine scolastico per consentire a insegnanti e scuole e dirigenti scolastici di conoscere e approfondire le soluzioni. Inoltre, fornirà gratuitamente a tutte le scuole interessate a dotarsi di queste soluzioni, indicazioni per la stesura del progetto da inserire in piattaforma per candidarsi all’assegnazione delle risorse del PNRR. Ulteriori informazioni su futurascuola.com.

L’impegno di Vodafone per lo sviluppo delle competenze

Il lancio delle soluzioni di connected education Vodafone LeARning e Vodafone MOSAIC testimonia ancora una volta l’impegno di Vodafone, condiviso con Fondazione Vodafone Italia, per la digitalizzazione della scuola e per lo sviluppo delle competenze digitali, in particolar modo dei giovani.

Vodafone Italia ha di recente annunciato l’avvio del progetto sperimentale “DI5CIS – Didattica Interattiva in 5G: Contenuti Immersivi Sincroni” in tre scuole superiori. Il progetto prevede la realizzazione di lezioni interattive di fisica e chimica basate su smartphone e connessione 5G come strumenti di apprendimento, in cui lo studente determinerà con le sue scelte lo svolgimento della lezione, condizionando al contempo l’esperienza degli altri compagni di classe. Vincitore del Bando “5G Audiovisivo 2022” del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, il progetto sarà realizzato dal partenariato costituito da Prodea Group, Capgemini, Istituto Tecnologie Didattiche del Centro Nazionale Ricerche (CNR-ITD), Hypex e Vodafone Italia.

A giugno 2021 Fondazione Vodafone Italia ha lanciato l’app LV8, il learning game per coinvolgere i giovani in percorsi di formazione digitale attraverso l’esperienza del videogioco; lo scorso autunno l’iniziativa ha raggiunto oltre 80 scuole superiori in tutta Italia con percorsi e progetti sulla cittadinanza digitale in collaborazione con WeSchool, e ha aperto all’opportunità di partecipare alla selezione per entrare in Vodafone attraverso stage formativi retribuiti.

Fondazione Vodafone ha inoltre supportato insieme ad altre Fondazioni l’iniziativa promossa da Talents Venture per erogare circa 170 Income Share Agreements (uno strumento innovativo di sostegno economico allo studente che prevede la restituzione del capitale senza l’applicazione di interessi) rivolti a giovani studenti meritevoli.