Variazioni contrattuali ricaricabili WindTre: in arrivo altre modifiche. Le TuaMatic diventano… BeWind

di Valerio Longhi

WindTre accelera nel processo di migrazione di tutte le offerte a brand 3 Italia ancora attive.

L’operazione di semplificazione tariffaria era iniziata alcuni mesi fa e aveva preso una svolta decisa poche settimane fa, con una serie di comunicazioni ai clienti ricaricabili WindTre con vecchie tariffe ancora gestite con i sistemi informatici della ex 3 Italia che annunciava la variazione a partire dal prossimo 28 giugno.

Oggi sembra essere la volta di molti altri piani tariffari non più sottoscrivibili, e la rimodulazione si avventura anche tra le tariffe con meccanismi di autoricarica (che tanto successo ebbero nel primo decennio degli anni 2000).


L’avviso dovrebbe essere – come di consueto – in arrivo tramite il canale degli SMS, con rimando alle informative personalizzate per ciascuna tariffa impattata dalla variazione, che avverrà a partire dal prossimo 2 agosto 2021. Le prime testimonianze già sono presenti nelle discussioni all’interno del Forum di Mondo3.

Un mare di variazioni: ecco come le annuncia WindTre

A partire dal 2/8 avvieremo un processo di innovazione tecnologica per uniformare i nostri sistemi e migliorare le condizioni riservate ai nostri Clienti” – si legge nelle pagine dedicate. – “Gli interventi sono volti a garantire servizi piu’ semplici da usare”.

Il resto dell’informativa prosegue più o meno come quelle già viste nei mesi scorsi, in alcuni casi si fa riferimento specifico ad alcune delle tariffe a pacchetto rimodulate (ALL-IN 50, 60, 80, 120, ecc.) e a quelle che saranno le caratteristiche dell’offerta una volta effettuata la migrazione.

SuperTua & TuaMatic: le autoricariche “3” non ci sono più: rispunta la BeWind

Il vero “punto di svolta” è forse il fatto che stavolta saranno incluse anche storiche tariffe con meccanismo di autoricarica grazie al traffico telefonico ricevuto. Chi ancora si è tenuto stretta fino ad ora, ad esempio, la TuaMatic, da fine estate si ritroverà con una vecchia conoscenza, la (già rimodulata) BeWind.

Di seguito i dettagli del piano tariffario, come riportato in una delle pagine informative del gestore.

Sulla tua SIM è disponibile il piano tariffario Be Wind che prevede una tariffa di 20,17 centesimi al minuto per chiamate nazionali verso mobili WINDTRE, mentre è di 35,29 centesimi al minuto per chiamate nazionali verso fissi e mobili di altri operatori, senza scatto alla risposta e con tariffazione al secondo. Il costo per gli SMS è di 15,13 centesimi, mentre per gli MMS di 60 centesimi. La navigazione Internet è disponibile a un costo giornaliero della connessione di 4 euro solo quando ti connetti, addebitati solo nei giorni di utilizzo alla prima connessione. Superati i 500 MB di traffico Internet al giorno è possibile continuare a navigare senza costi aggiuntivi, ma la velocità sarà ridotta ad un massimo di 128 kbps.

Con l’autoricarica BeWind accumuli 1cent per ogni minuto di chiamata ricevuta e 2 cent per ogni SMS ricevuto, fino ad un massimo di 100 euro al mese solare. Non concorrono al bonus gli operatori appartenenti al gruppo CK Hutchison Holdings Ltd (al momento WINDTRE e Very). Il bonus non potrà essere speso per acquisti VAS o AppStore o per effettuare chiamate o inviare SMS verso numeri a tariffa speciale.

Come per le altre variazioni che comportano la migrazione ai sistemi WindTre, cambiano tutte le caratteristiche relative agli extra soglia per chiamate e connettività.

Per chi decidesse di non accettare le nuove condizioni sarà possibile recedere dal contratto con i consueti metodi (PEC, raccomandata, ecc.).

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3