Europa

Roaming UE con Wind, la nuova tariffa regolamentata e cosa può scegliere il cliente

di Redazione

Garanzia-giovani-europa-lavoroIl 30 aprile 2016 entra in vigore il Regolamento (UE) 2015/2120 che, modificando il Regolamento (EU) 531/2012, disciplina la nuova regolamentazione per il traffico roaming effettuato all’interno dei Paesi membri dell’Unione Europea.

In ottemperanza a questo nuovo contesto normativo, Wind, a partire dal 18 aprile 2016, si è adeguata  definendo un’offerta consentita dalla nuova regolamentazione UE“, dichiara l’operatore.

Nuova regolamentazione UE che ha, però, nei suoi obiettivi “abolire i sovrapprezzi del roaming al dettaglio a decorrere dal 15 giugno 2017, a condizione che siano stati affrontati i problemi attualmente registrati nei mercati del roaming all’ingrosso” (punto 21). Perché Wind adotta una politica diversa? Qui la risposta: “[…] Durante il periodo di cui all’articolo 6 septies, paragrafo 1 [ovvero dal 30 aprile 2016 al 14 giugno 2017], il presente paragrafo non preclude la possibilità di offrire ai clienti in roaming, per una tariffa giornaliera o qualsiasi altro costo fisso periodico, un certo volume di consumo di servizi in roaming regolamentati, a condizione che il consumo dell’intero importo di tale volume conduca a un prezzo unitario per chiamate in roaming regolamentate effettuate, chiamate ricevute, SMS inviati e servizi di dati in roaming che non superi il rispettivo prezzo al dettaglio nazionale e il sovrapprezzo massimo di cui al primo comma del presente paragrafo“.

“[..] I fornitori di roaming possono offrire e i clienti in roaming possono scegliere deliberatamente una tariffa di roaming diversa da quella di cui agli articoli 6 bis, 6 ter e 6 quater, e al paragrafo 1 del presente articolo, grazie a cui i clienti in roaming usufruiscono, per servizi di roaming regolamentato, di una tariffa diversa rispetto a quella che sarebbe stata applicata altrimenti. Il fornitore di roaming rammenta a tali clienti in roaming la natura dei vantaggi del roaming a cui rinunciano.

Fatto salvo il primo comma, i fornitori di roaming applicano automaticamente una tariffa conformemente agli articoli 6 bis e 6ter, e al paragrafo 1 del presente articolo a tutti i clienti in roaming, nuovi o esistenti.

Ogni cliente in roaming può chiedere in qualsiasi momento di passare a una tariffa fissata a norma degli articoli 6 bis, 6 ter, 6quater e del paragrafo 1 del presente articolo o di rinunciarvi. Quando i clienti in roaming scelgono deliberatamente di rinunciare o di tornare a una tariffa fissata a norma degli articoli 6 bis, 6 ter, 6 quater e del paragrafo 1 del presente articolo, ogni cambiamento avviene entro un giorno lavorativo dal ricevimento della richiesta, è gratuito e non comporta condizioni o restrizioni degli elementi dell’abbonamento diversi dal roaming.”

Torniamo a Wind. Le nuove condizioni si applicano a tutti i piani tariffari ricaricabili e in abbonamento che effettuano traffico telefonico in un Paese membro dell’Unione Europea, salvo quelli che includono traffico spendibile all’estero.

Al superamento dei volumi inclusi il costo per le chiamate effettuate è di 9 cent/min, per quelle ricevute è di 1,39 cent/min, per gli SMS inviati è di 5,7 cent/SMS e per la connessione dati è di 6,4 cent/MB.
Le chiamate effettuate hanno una tariffazione al secondo dopo il primo scatto di 30 secondi, quelle ricevute sono tariffate a secondi, la connessione dati è tariffata a Kbyte. Gli MMS non sono inclusi in tale offerta giornaliera ed hanno un costo di 0,024 cent/KB.

Il traffico incluso è valido per le chiamate ricevute, gli SMS inviati e le connessioni dati in Unione Europea e per le chiamate originate dalla UE verso l’Italia e verso gli altri Paesi membri dell’Unione Europea.

Il costo giornaliero viene addebitato al primo evento di traffico voce (chiamata ricevuta o effettuata), SMS inviato o connessione dati in uno dei Paesi membri dell’Unione Europea. La connessione dati e la chiamata voce s’interrompono automaticamente alle ore 24.00 (ora italiana); all’evento successivo verrà nuovamente addebitato il costo giornaliero. Il traffico non utilizzato nel giorno scade improrogabilmente. In presenza di credito residuo insufficiente, non sarà possibile effettuare traffico internazionale con tale offerta.

Se possiedi una SIM valida per effettuare solo traffico dati, e non hai opzioni di roaming attive, avrai a disposizione 100 MB al giorno al costo giornaliero di 2€. Al superamento dei MB inclusi, il prezzo applicato è di 6 ,4 cent/MB, la tariffazione è sempre Kbyte.

MyWind Wind (icona App)In qualsiasi momento è possibile rinunciare alle nuove condizioni previste dall’offerta che rispetta la Nuova Regolamentazione in Unione Europea e attivare in alternativa una delle opzioni Wind valide in UE. Successivamente potrai richiedere l’applicazione dell’Offerta che rispetta la nuova Regolamentazione in Unione Europea disattivando le opzioni Wind valide in UE.

Tutti i clienti che hanno già attiva un’opzione valida all’estero e in particolare in Unione Europea possono mantenerne i vantaggi. Se invece preferisci utilizzare l’Offerta consentita dalla  nuova Regolamentazione in Unione Europea questa ti sarà applicata automaticamente al posto della tua opzione valida all’estero disattivando quest’ultima. A tal scopo puoi chiamare il 155 o inviare un SMS gratuito al 4033 con il testo previsto dalla tua offerta (es.: Easy Roaming NO). La disattivazione di un’opzione non più sottoscrivibile determina l’impossibilità di riattivarla successivamente.

Per verificare le condizioni dell’offerta per l’estero già attiva sulla tua SIM e poter scegliere se mantenerla attiva oppure preferire l’Offerta consentita dalla  nuova Regolamentazione valida in Unione Europea, accedi alla tua Area Clienti.

Al superamento del traffico dati incluso nell’offerta valida in UE, al fine di consentire ai clienti di controllare il proprio traffico dati quando si è all’estero e garantire, quindi, una  maggiore verifica della spesa sostenuta, WIND ha preconfigurato un tetto massimo di spesa raggiungibile, a seguito del quale il cliente non può più effettuare ulteriore traffico dati, se non su esplicita richiesta. Per conoscere i dettagli del servizio e le eventuali modalità di sblocco visiti la sezione Controllo Traffico Dati all’estero.

I prezzi sono da intendersi Iva inclusa.

Paesi di validità dell’Offerta Roaming consentita dalla  nuova Regolamentazione: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia -inclusi Guadalupe, Guyana Francese, Martinica, La Reunion, Mayotte-, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Portogallo, Polonia, Repubblica Ceca, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Puoi verificare il bonus residuo dell’Offerta consentita dalla  nuova Regolamentazione digita *123*333# invio, oppure invia un SMS, con testo SALDO, al 4155 o ancora accedi dall’APP My Wind o dalla propria Area Clienti

Dai paesi dell’Unione Europea chiamare i paesi della Zona 1 costa 24 cent/min, chiamare i paesi della Zona 2 costa 2€/min, quelli della Zona 3 ha un costo di 3€/min e quelli della Zona 4 costa 4€/min.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3