Huawei (logo)

Le ultime ore che hanno portato all’arresto del dirigente Huawei, Meng Wanzhou

di Redazione

“Gioco di potere”. La traduzione di un articolo di approfondimento su quello che, nei mesi scorsi, è stato il “caso Huawei” in tutto il mondo

Quando Washington ebbe bisogno dell’aiuto del Canada per arrestare un alto dirigente di Huawei, i funzionari della Casa Bianca, del Congresso e del Corpo diplomatico furono informati di ciò che sarebbe accaduto ore prima dei politici di Ottawa. Sulle base di notizie provenienti da Stati Uniti, Canada e Cina, vediamo insieme come si è sviluppato il tutto.

Meng Wanzhou non sapeva che quando salì su un volo Cathay Pacific per Vancouver nell’aeroporto di Hong Kong lo scorso dicembre, era già sotto gli occhi delle forze dell’ordine statunitensi.

Una descrizione dei suoi vestiti – maglietta bianca, pantaloni scuri e scarpe bianche – e quella della collega Ji Hui, la sua compagna di viaggio, furono inviate all’FBI, al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, all’RCMP e alla Agenzia canadese di servizi di frontiera.

Alle ore 11:13 del primo dicembre, dopo l’atterraggio del volo 838, Meng Wanzhou, il direttore finanziario del colosso della China Telecom Huawei Technologies Co., Ltd., fu intercettata dal personale di servizio di frontiera e fu arrestata formalmente ore dopo dall’RCMP. Gli Stati Uniti chiesero l’estradizione di Meng Wanzhou per accuse di frode relative a violazioni delle sanzioni statunitensi contro l’Iran.

L’arresto della signora Meng, il cui padre Ren Zhengfei è il fondatore della multinazionale con sede a Shenzhen, ha attirato grande attenzione dall’opinione pubblica globale e ha causato il congelamento delle relazioni fra Canada e Cina.

Ciò ha portato anche il coinvolgimento del Canada in una lotta di potere tra Cina e Stati Uniti, con quest’ultimi che vedono Huawei come un rischio per la sicurezza nazionale e una pedina del partito comunista al potere.

Poco dopo l’arresto di Meng Wanzhou, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau disse ai canadesi: “(gli Stati Uniti) ci hanno informato di questo piano pochi giorni prima del fatto”.

Tuttavia, secondo “The Globe and Mail”, alti funzionari del governo degli Stati Uniti hanno pianificato attentamente l’arresto e non hanno informato Trudeau o il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il 29 novembre, i funzionari statunitensi sapevano che la signora Meng sarebbe stata sul volo Cathay Pacific, tuttavia hanno aspettato fino al 30 novembre per chiedere al Canada di arrestarla quando arrivò a Vancouver il primo dicembre. Fu intercettata prima di poter imbarcarsi su un volo di collegamento per il Messico più tardi,  lo stesso giorno.

“I cinesi pensano che questa sia una tipica cospirazione politica tra Stati Uniti e Canada”, ha dichiarato David MacNaughton, ex ambasciatore canadese a Washington. “Questo è quello che ho sentito da loro. Credono profondamente che i funzionari canadesi e statunitensi abbiano pianificato questa vicenda. In realtà, non è affatto così”. Ha dichiarato che prima che fosse fatta la richiesta di estradizione non vi fossero state trattative tra funzionari canadesi e statunitensi.

Un anno dopo, “The Globe and Mail” ha messo insieme un resoconto approfondito su quegli eventi che si erano svolti alla fine del 2018. “The Globe and Mail” ha intervistato alti funzionari canadesi e statunitensi, nonché fonti di Huawei e del governo cinese e ha mantenuto riservate le loro identità in modo che avessero potuto commentare l’arresto di Meng Wanzhou e le gravi conseguenze diplomatiche che ne sono seguite.

Uno dei più stretti consiglieri del signor Trudeau ha affermato che l’opinione all’interno del governo canadese fosse che John Bolton, ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, fosse stato la forza trainante dietro l’arresto della signora Meng.“The Globe and Mail” non è stato in grado di confermare con il Sig. Bolton se questo fatto fosse vero oppure no.

Bolton affermò di aver saputo in anticipo dell’arresto di Meng Wanzhou. Egli è noto come un falco della politica estera quando si tratta di Cina e Iran. Ha lasciato la Casa Bianca a settembre dopo una disputa con il sig. Trump sulla politica dell’Ucraina e del Medio Oriente.

Secondo quanto indicato dal consulente di Trudeau, Bolton e altri funzionari governativi statunitensi con un’opinione simile sapevano chiaramente dell’importanza della richiesta dell’arresto al Canada. Il consulente e un alto funzionario della sicurezza nazionale affermano di essere convinti che gli Stati Uniti abbiano scelto il Canada arrestare la signora Meng e lo ha fatto all’ultimo minuto – perché credevano che il Dipartimento di Giustizia e l’RCMP avrebbero onorato la richiesta di estradizione.

Secondo le parole di MacNaughton. è indubbio che l’amministrazione di Trump abbia preparato molti argomenti nell’indagare Cina e il suo leader di telecomunicazione Huawei. Il governo statunitense spera che i propri alleati possano inibire l’applicazione dei dispositivi di Huawei della prossima tecnologia mobile 5G.

Tuttavia, quando la richiesta di arresto “è avanzata repentinamente a noi, l’abbiamo attuata di norma senza nessun intervento politico fino all’ultimo momento e quasi dopo l’evento stesso.”, come riferito da MacNaughton. “Non so cosa avremmo fatto se avessimo ricevuto un altro avviso, ma la realtà è che non l’abbiamo fatto”.

Nelle date del 30 novembre e 1 dicembre, i leader del G20 stavano tenendo una serie di trattative a Buenos Aires. Era un periodo difficile delle relazioni internazionali. Dopo trattative burrascose per alcuni mesi, Canada, Messico e Stati Uniti stavano per sottoscrivere un nuovo accordo commerciale. Nel frattempo, gli Stati Uniti e la Cina si trovavano in una guerra commerciale costantemente aggravata.

Nell’ultima riunione del summit (erano anche presenti Trump ed il presidente cinese Xi Jinping), per mezzo del proprio primo segretario Geraldo Butts, Trudeau ha ricevuto da un funzionario una nota in cui si affermava: Arrestate subito Cathy Meng. Secondo quanto dichiarato dall’informatore, il primo ministro era stato colto alla sprovvista, al tal punto che quel giorno non ha accennato del fatto al leader o a qualsiasi altro funzionario cinese.

In quel momento, Bolton e la delegazione statunitense erano anche presenti nel Summit del G20. In data 6 dicembre, Bolton ha rivelato alla stampa statunitense che al termine del Summit, il presidente statunitense Trump stava per partecipare al una cena di 2,5 ore con il presidente Xi Jinping, ma Bolton stesso non ha informato Trump dell’arresto dell’amministratore di Huawei. In occasione della cena, i due leader hanno raggiunto ” una tregua di 90 giorni nella guerra commerciale sino-americana.

Rispetto al Canada, è di molto maggiore il numero di funzionari e politici statunitensi che sapevano in anticipo dell’arresto. Anche i principali responsabili delle decisioni statunitensi lo sapevano in anticipo.Tra quelli informati sulla questione, affermano i funzionari statunitensi, c’erano il procuratore generale Matt Whitaker e i legislatori del comitato di intelligence selezionato del Senato degli Stati Uniti, il presidente repubblicano Richard Burr e il democratico Mark Warner.

Era anche informata Kelly Craft, allora ambasciatore statunitense in Canada (ora inviata del suo paese presso le Nazioni Unite). Si dice che in data 30 novembre, in una sala di riunione segreta del consolato statunitense a Toronto, lei è stata informata da un funzionario superiore del dipartimento di giustizia statunitense.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non ha detto esattamente quando ha informato la Casa Bianca della richiesta di estradizione in Canada. “Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non commenta le questioni relative all’estradizione fino a quando un imputato non si trova negli Stati Uniti”, ha detto la consulente di comunicazione senior Nicole Navas Oxman in una e-mail.

Fonti cinesi affermano che il Presidente Xi venne a sapere dell’arresto dopo la cena post-summit del 1° dicembre. Il capo legale di Huawei e un membro del consiglio di amministrazione della compagnia, Song Liuping, avvertirono Pechino non molto tempo dopo che la signora Meng era stata presa in custodia, dicono fonti Huawei. La signora Meng lo aveva chiamato da Vancouver circa quattro ore dopo l’accaduto.

L’informatore cinese di Huawei  dà atto che Xi Jinping era infuriato, perché è stato informato dell’arresto dal proprio funzionario invece che della parte canadese.

Un diplomatico canadese ha affermato al giornale Global Times, che in seguito all’arresto di Cathy Meng, il governo canadese ha contattato all’istante i funzionari diplimatici cinesi in Canada, inclusi quelli a Ottawa e Vancouver. Alcune ore dopo, il diplomatico cinese ha effettuato una visita consolare a Cahty Meng.

Sia l’ambasciata cinese a Ottava che il consolato a Vancouver hanno ammesso di essere stati informati della notizia dalla parte pechinese e non dal governo canadese.

“Alla luce dell’accordo consolare sottoscritto tra Cina e Canada, la parte canadese si obbliga a notificare la detenzione ingiusta della Signora Cathy Meng all’ambasciata, ai consolati cinesi in Canada.” L’ambasciata cinese ad Ottava ha espresso nella propria dichiarazione: “Il governo canadese non ha mantenuto la promessa, la parte cinese è stata informata della notizia per mezzo di altri canali. In seguito all’informazione, abbiamo avanzato subito la rappresentazione solenne alla parte canadese.”

Il consolato cinese a Vancouver ha dichiarato in una nota che “non era stato informato dai funzionari canadesi per gli affari esteri dell’arresto della signora Meng Wanzhou” come ci si aspetterebbe dal protocollo diplomatico, soprattutto se l’individuo è un dirigente aziendale cinese di alto profilo.

Un informatore ha dichiarato che l’allora procuratore generale Jody Wilson-Faybould, già informata in data 30 novembre della richiesta dell’estradizione statunitense, ha girato la notizia al Banchetta di 2,5 ore (PCO). Il PCO è responsabile di riferire al primo ministro. Secondo quanto espresso dall’ufficio di Trudeau, il primo ministro è stato informato dell’arresto di Meng il 1 dicembre.

A quel tempo, Wilson-Raybould non aveva un buon rapporto con i funzionari dell’ufficio del primo ministro, perché questi la stavano spingendo a sottoscrivere un accordo di rinvio differito per la SNC-Lavalin Group Inc. con sede a Montreal sulle accuse di corruzione. (con quartiere generale a Montreal). Wilson-Raybould è stata destinata nel gennaio 2019 al Department dei Veterans Affairs .  ,dimessa dal gabinetto e esclusa dal partito liberale. Wilson-Raybould è riluttante ed esprimere un commento su quanto avvenuto.

Anche diversi funzionari di alto livello erano a conoscenza dell’imminente arresto. Il viceministro di giustizia Nathalie Drouin e un avvocato senior del gruppo di assistenza internazionale di  giustizia, Cathy Chalifour, RCMP e il Canada Border Services ne erano a conoscenza dal 30 novembre.

Tutti i funzionari degli affari globali  sapevano, eccetto l’ufficio del Consiglio privato. Secondo la documentazione giudiziaria presentata con riferimento alla causa d’estradizione di Cahty Meng, è il dipartimento della giustizia statunitense che ha approvato il mandato d’estradizione e RCMP e CBSA, l’FBI e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti hanno elaborato un piano per l’arresto, secondo i documenti del tribunale depositati nel caso di estradizione di Meng.

Il breve preavviso ha negato al governo canadese la possibilità di valutare la potenziale ricaduta, affermano i funzionari.

L’ex ministro della giustizia liberale Irwin Cotler ha affermato che la consueta pratica non è quella di informare il primo ministro dei casi di estradizione, ma un alto funzionario del governo ha affermato che Trudeau e gli alti collaboratori avrebbero dovuto essere chiamati a prepararsi per le conseguenze politiche.

L’ex ambasciatore MacNaughton ha detto: ”A nostro parere, questa sembra una richiesta normale da un paese con cui abbiamo sottoscritto il trattato d’estradizione”. Al momento dell evento, il primo ministro non ha ricevuto nessuno vero e proprio avvertimento né qualche consiglio pertinente alle relative potenziali conseguenze.”

I cinesi ritengono che questa sia una cospirazione politica america-canadese. Ecco quanto ho sentito da loro. Sono profondamente convinti che questo evento sia stato pianificato congiuntamente dai funzionari canadesi e statunitensi. In realtà, le cose non stanno affatto così. ——DAVID MACNAUGHTON, ex ambasciatore canadese negli Stati Uniti.

Non credo che il governo del Canada lo abbia fatto con SNC-Lavalin Group Inc. Credo che il governo del Canada abbia riconosciuto che ciò sarebbe stato molto difficile e che probabilmente avrebbe comportato enormi pressioni sul governo del Canada e sul paese nel suo complesso, e ha deciso che sostenere i principi alla base dei trattati di estradizione valesse la pena.

John E. Smith, il quale fino a maggio 2018 era direttore dell’ufficio del Tesoro degli Stati Uniti per il controllo delle attività estere, che è responsabile della gestione e dell’applicazione delle sanzioni, ha detto che i funzionari canadesi devono essere a conoscenza di come l’arresto della sig.ra Meng avrebbe inlfuenzato le relazioni con la Cina.

“Non credo che il governo del Canada abbia fatto questo con i paraocchi”, Credo che il governo canadese riconosca il rischio dell’enorme pressione che potrebbe ricevere da questo episodio. Tutto il paese ha deciso che valeva la pena di sostenere i principi fondamentali del trattato di estradizione. Perchè, in fin dei conti, chi accetterebbe di essere trattato in questo modo, ed accettare di rinunciare a rispettare gli impegni internazionali?

Un mese prima dell’arresto della Signora Meng, il governo americano aveva gettato le basi per mettere in atto un discorso pubblico per rintracciare i dirigenti Huawei.

Durante una conferenza stampa tenutasi a Washington. il primo novembre, l’allora procuratore generale degli Stati Uniti Jeff Sessions ha presentato quella che l’amministrazione Trump ha chiamato “China Initiative”. Sessions ha dichiarato che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti intensificherà i provvedimenti nei riguardi delle aziende cinesi che infrangono la legge, laddove siano in competizione con le aziende statunitensi. Sessions è stato sostenuto anche da Richard Donoghue, il procuratore degli Stati Uniti per il distretto orientale di New York, il cui ufficio ha analizzato i casi di Meng e Huawei.

Per la Cina è tempo di unirsi a quella cerchia di paesi che ambiscono ad essere legali”. Sessions ha dichiarato: Continueremo a indagare e perseguire i trasgressori in modo equo, professionale, piuttosto che politico.”

Poi ha aggiunto un monito: “E chiederemo l’estradizione dei criminali”

La “China Initiative” è stato utilizzato per la prima volta dall’ U.S. Foreign Corrupt Practices Act per scopi politici, “un grido lontano dalle pratiche storiche non politiche del Dipartimento di Giustizia”, ha scritto lo studio legale (Paul, Weiss, Rifkind, Wharton & Garrison LLP) in una deposizione legale lo scorso marzo.

Il generale Robert Spalding, in pensione dalla U.S. Air Force, ha precedentemente gestito la Cina presso il Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca. Ha dichiarato che l’arresto di Meng era in linea con alcuni dei cambiamenti che l’amministrazione Trump ha messo in atto per garantire che “il Dipartimento di Giustizia e l’FBI” riescano a far rispettare correttamente la legge. a società o individui cinesi.

Per anni, le amministrazioni successive non hanno fatto rispettare  le leggi sulla frode commerciale e la corruzione ogni volta che “coinvolgevano aziende cinesi o individui, soprattutto quelli che si trovano in una posizione simile a quella di Meng”, ha detto Spalding in un’intervista. “Quello che è cambiato negli Stati Uniti è che, soprattutto dal 2018, il Dipartimento di Giustizia e l’FBI hanno iniziato effettivamente ad avviare un contenzioso contro le parti interessate cinesi, e quindi, per la prima volta, questi dipartimenti sono stati autorizzati a svolgere le loro funzioni.”

Non vi è alcuna indicazione che Meng sapesse del mandato d’arresto, ma non si era recatanegli Stati Uniti dal marzo 2017, secondo le informazioni degli Stati Uniti in una dichiarazione rilasciata dalla Royal Canadian Mounted Police in relazione alla richiesta di estradizione. Più di un anno dopo, a New York è stato emesso un mandato d’arresto per Meng il 22 agosto 2018. La Royal Canadian Mounted Police ha affermato alla corte che i funzionari degli Stati Uniti credevano che Huawei fosse stata a conoscenza di un’indagine penale degli Stati Uniti dall’aprile 2017.

Il governo degli Stati Uniti non ha mai spiegato la tempistica dell’arresto di Meng.

Tre mesi dopo l’emissione del mandato d’arresto, e prima del suo arresto a Vancouver, il primo dicembre, Meng aveva viaggiato in sei paesi con trattati di estradizione con gli Stati Uniti, tra cui Gran Bretagna, Irlanda, Giappone, Francia, Polonia e Belgio, e anche in Canada l’8 ottobre 2018.

I documenti della Corte depositati sul caso dell’estradizione mostrano che gli Stati Uniti hanno riferito al Canada, tra cui la Royal Canadian Mounted Police e i funzionari giudiziari, che i dirigenti Huawei dovevano eseguire un arresto di emergenza durante il loro soggiorno a Vancouver, ma non spiegavano perché non l’avevano trattenuta all’inizio di quest’anno.

Gli Stati Uniti hanno emesso un mandato d’arresto provvisorio, il che significa che la persona sarebbe dovuta essere presa in custodia senza indugio. “A meno che Meng non fosse stata provvisoriamente arrestata in Canada sabato 1 dicembre. sarà estremamente difficile, se non impossibile, garantire la sua presenza negli Stati Uniti per l’azione penale”, ha detto la richiesta degli Stati Uniti, notando che Washington non ha alcun trattato di estradizione con Pechino.

Dopo il suo transito pianificato attraverso Vancouver, le prossime tappe della signora Meng includevano Città del Messico, Costa Rica e Argentina. Tutti e tre i paesi hanno anche accordi di estradizione con gli Stati Uniti.

Gli esperti di estradizione dicono che è raro per Washington perseguire accuse penali per le violazioni delle sanzioni contro un individuo piuttosto che una società. Eric Lewis, un avvocato degli Stati Uniti specializzato in casi internazionali di frode e corruzione, ha detto che “in un caso come questo, in cui la signora Meng è con ogni probabilità, l’esecuzione di una politica aziendale, ci si aspetterebbe la non imputazione degli individui e la società multata.”

Nel giugno 2018, ad esempio, il rivale di Huawei, Ericsson, un produttore svedese di apparecchiature per telecomunicazioni, ha accettato di pagare più di 145.000 dollari in un accordo con il governo degli Stati Uniti per violazioni delle sanzioni contro il Sudan. Nel settembre 2019, la società ha anche annunciato una perdita di 1,2 miliardi di dollari nei risultati del terzo trimestre per pagare le multe in un’indagine statunitense di lunga durata sulle accuse di corruzione in sei paesi, tra cui la Cina.

Il signor Smith, l’ex funzionario del Tesoro, ha convenuto che è raro che gli Stati Uniti puntino a un individuo, ma ha detto che era giustificato nel caso Meng. “È stata una menzogna intenzionale ai dirigenti bancari e ai funzionari governativi coinvolti”, ha detto. “Questo è ciò che [lo rende] diverso dalla maggior parte degli altri casi.”Per quanto riguarda il motivo per cui gli Stati Uniti hanno scelto il Canada piuttosto che uno degli altri nove paesi sul programma di viaggio della signora Meng da quando è stato emesso il mandato d’arresto, il signor Lewis ha detto che Washington potrebbe aver considerato Ottawa il paese che più probabilmente avrebbe agito.

“Posso solo ipotizzare che gli Stati Uniti pensassero che [il Canada] sarebbe stato il partner più diretto e affidabile”, ha affermato. “I sistemi legali sudamericani sono più formalistici e il processo di estradizione avrebbe potuto prolungarsi. I paesi dell’Unione Europea sarebbero potuti mostrarsi meno disposti a cooperare per azioni penali che hanno un carattere più politico o strategico. ”

Un alto funzionario messicano ha detto al Globe che, nonostante il trattato di estradizione del Messico con gli Stati Uniti, il suo paese non avrebbe onorato una richiesta di arresto della signora Meng.

I canadesi hanno pagato a caro prezzo l’arresto della signora Meng.

Poco dopo la detenzione di Meng Wanzhou, Pechino ha arrestato due canadesi, l’ex diplomatico Michael Kovrig e l’imprenditore Michael Spavor, entrambi residenti in Cina all’epoca. La mossa è stata vista come una rappresaglia. La Cina ha accusato le due persone di spionaggio, e rimangono in carcere mentre la signora Meng è libera con una cauzione di 10 milioni di dollari canadesi. Meng vive in una delle sue due ville di Vancouver, e il suo unico ingombro è una cavigliera elettronica.

Gli agricoltori canadesi hanno sopportato il peso economico della rabbia cinese. Nel 2018, la Cina ha importato il 40 per cento dei semi di canola del Canada, ma dopo la detenzione della signora Meng, gli acquisti sono precipitati. La domanda di semi di soia dalla Cina si è esaurita. Anche se la sua industria suina è stata devastata dall’influenza suina africana, Pechino ha vietato carne suina e carne bovina canadese per più di quattro mesi quest’anno, fino ai primi di novembre.

L’esperto cinese Scott Kennedy del Center for Strategic and International Studies di Washington, ha affermato che esistono tre modi per risolvere l’affare Meng e liberare i due canadesi: i tribunali canadesi potrebbero affermare che gli Stati Uniti non hanno fornito prove per giustificare un’estradizione,e liberarla; Huawei può negoziare un patteggiamento con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti che porti al ritiro della richiesta di estradizione; O un accordo tra il signor Trump e il signor Xi Jinping potrebbe portare alla sua libertà.

L’ex vice primo ministro liberale John Manley ha detto che il Canada avrebbe dovuto usare “l’incompetenza creativa” e lasciare che la signora Meng saltasse la detenazione e continuasse il suo viaggio in Messico.

“Avremmo dovuto esercitare la nostra discrezione fin dall’inizio e affermare  che questa non fosse una di quelle da arrestare”, ha detto in un’intervista di questa settimana, aggiungendo che ritiene che ci sia una discrezionalità nell’atto di estradizione per respingere una richiesta di arresto degli Stati Uniti.

Il signor Manley ha riferito di non essere sicuro che la signorina Meng faccia parte di un piano geopolitico dell’amministrazione Trump. “Ma mi pare così. Mi sembra “Prendiamo un pesce grosso perché questo ci darà il massimo rilievo.”

Ma Mel Cappe, un ex segretario del Consiglio Privato, il più alto in grado del servizio pubblico federale del Canada, ha affermato di che il Canada che il Canada non avrebbe potuto lasciare andare la signora Meng come suggerisce Manley. “Non credo che possano farlo. O credi nello stato di diritto o non ci credi. Se lo fanno, lo esercitano.”

Ha detto che se fosse stato informato dell’arresto di Meng, non capisce perché sarebbe stato obbligato ad informare il Primo Ministro in anticipo. “Perché vuoi che sia un problema del Primo Ministro?”

Per come stanno le cose, il signor Trudeau può dire che l’azione è stata intrapresa da funzionari delle forze dell’ordine, non da politici. “Se veniamo accusati di rispettare la legge e di essere affidabili”, ha detto il signor Cappe, “lo ritengo un onore”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3