UPC rileva le reti via cavo a Glarus, Kaltbrunn e Weggis-Vitznau-Gersau

di Fabrizio Castagnotto

A far data dal 1º gennaio 2021 UPC ha rilevato le reti via cavo a Glarus, Kaltbrunn e Weggis-Vitznau-Gersau.

Le circa 13 000 economie domestiche che usufruivano complessivamente dei servizi UPC tramite le reti via cavo partner, potranno accedere anche in futuro al portfolio ad elevate prestazioni di UPC, offerto d’ora in poi da un unico fornitore.

In quanto partner di vecchia data delle Technische Betriebe Glarus (tb.glarus), della Fernsehgenossenschaft Kaltbrunn (FGK) e della Genossenschaft Antennenanlage Weggis-Vitznau-Gersau (GAWVG), UPC ha rilevato le loro reti via cavo a decorrere dal 1º gennaio 2021. Le tre acquisizioni sono il frutto di una collaborazione di successo di lunga data. Le circa 13 000 economie domestiche connesse avranno accesso anche in futuro ai prodotti ad elevate prestazioni di UPC e potranno usufruire della forza innovativa dell’azienda.

Navigazione a 1 Gigabite e nuovo modo di guardare la TV

La gamma completa di prodotti UPC comprende, tra l’altro, una connessione Internet potente e affidabile con velocità di navigazione di 1 Gbit/s nonché un modo intelligente e intuitivo di guardare la TV, grazie alla UPC TV, da utilizzare sia a casa tramite l’UPC TV Box che in viaggio mediante la app TV per smartphone o tablet.

Inoltre, UPC vanta un’offerta di telefonia mobile molto interessante con dati, SMS e chiamate senza limiti, sia per la Svizzera che per l’Europa.

La migliore preparazione per le tendenze digitali del futuro

L’esempio delle Technische Betriebe Glarus mostra i vantaggi in fatto di vendite. Le tb.glarus sono convinte che la vendita della propria rete coassiale ibrida (HFC) a UPC sia nell’interesse dei clienti. «L’obiettivo è far sì che l’infrastruttura di comunicazione continui a far fronte alle sfide e alle esigenze della digitalizzazione. UPC è perfettamente preparata ad affrontare il futuro digitale e a soddisfare al meglio le esigenze dei nostri clienti», dichiara Martin Zopfi-Glarner, direttore delle tb.glarus.

Anche Christophe Millet, responsabile delle reti via cavo presso UPC, è convinto dell’acquisizione della rete partner a Glarus nonché delle altre due reti via cavo: «Grazie alle tre acquisizioni possiamo rafforzare la nostra presenza in quanto fornitore di infrastruttura. Inoltre, siamo lieti di poter fornire agli abitanti di queste località i nostri prodotti e servizi innovativi grazie a un’infrastruttura a prova di futuro.»

 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3