Sunrise stringe un’alleanza strategica con Cellnex, potenziando la rete

di Andrea Trapani

Sunrise ha annunciato di aver stipulato un accordo definitivo con un consorzio guidato da Cellnex Telecom S.A. («Cellnex»), che include Swiss Life Asset Managers («SLAM») e Deutsche Telekom Capital Partners («DTCP») (insieme il «Consorzio») per la vendita di Swiss Towers AG («Swiss Towers»), che possiede un portafoglio di 2 239 antenne di telecomunicazione in Svizzera per un corrispettivo di 500 milioni di franchi svizzeri (la «transazione»). La conclusione della transazione è soggetta ad autorizzazione del controllo delle fusioni e alla stipulazione di (i) accordi transitori di assistenza (ossia un Accordo sul Livello di Assistenza e un Accordo Transitorio di Assistenza) sulla cui base Sunrise fornirà determinati servizi (transitori) a Swiss Towers, e altresì (ii) un accordo build-to-suit in base al quale a Sunrise verrà assegnata in subappalto la costruzione di nuove torri per telecomunicazioni.

Per facilitare tale transazione, 2 239 antenne di telecomunicazione, situate in tutta la Svizzera e i relativi contratti sono stati spostati a marzo in un’entità giuridica separata, la Swiss Towers. Quanto sopra si riferisce alle infrastrutture di rete passive, principalmente in acciaio e calcestruzzo. Tutta l’infrastruttura attiva di rete mobile rimane a Sunrise, consentendole di concentrarsi maggiormente sul miglioramento della qualità dei propri servizi mobili per i clienti.

Il Consorzio e Sunrise hanno stipulato un contratto di servizio a lungo termine riguardante la fornitura di servizi di infrastruttura per le antenne e daranno il via a un nuovo programma di configurazione edilizia comprendente nuovi siti e piccole celle. Questa nuova partnership interessante con il Consorzio amplia l’attività di Sunrise con partner di spicco volta a realizzare la strategia a lungo termine: offrire la migliore qualità della rete. Per esempio, la partnership di Sunrise con Huawei ha contribuito alla vincita del test delle reti mobili di «connect» nel 2016.

Una volta conclusa la transazione, Sunrise utilizzerà 450 milioni di franchi svizzeri dei proventi in contanti per ridurre il debito e migliorare la propria posizione finanziaria, al fine di ottenere un rating creditizio investment grade nel breve termine. Alla fine del 2016, tale deleveraging avrebbe ridotto il debito netto/l’EBITDA rettificato da 2,7x a 2,1x. I rimanenti proventi verranno utilizzati per accelerare gli investimenti nella rete, nelle partnership per la fibra e negli shop (30 milioni di franchi svizzeri di capex straordinario nel 2017) e per coprire i costi relativi alla transazione e la liquidità generata in 1T.

«Siamo estremamente orgogliosi di essere il primo operatore svizzero a stringere una partnership di questo genere, perché ci consente di preservare la nostra leadership per quanto riguarda rete e innovazione. Questa nuova collaborazione ci consentirà di focalizzarci in modo ancora più deciso sugli elementi chiave di differenziazione della nostra infrastruttura attiva per offrire una rete senza difetti e ridefinire gli standard industriali del mercato svizzero della telefonia mobile», commenta Olaf Swantee, CEO di Sunrise.

Riassumendo:

  • Vendita di Swiss Towers AG, che possiede 2 239 antenne per telecomunicazioni, per 500 milioni di franchi svizzeri
  • Accelerazione del deleveraging e avvicinamento al rating investment grade
  • Accelerazione degli investimenti per sostenere la dinamica della crescita
  • Nel 2017 maggiorazione del dividendo a 3,9-4,10 franchi svizzeri per azione; nuova politica dei dividendi per riflettere il profilo finanziario più forte
Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3