5G ai Giochi Olimpici di Losanna 2020, ecco come è andato il test sulla rete privata

di Fabrizio Castagnotto

Nell’ambito della sua partnership con i Giochi Olimpici della Gioventù di Losanna 2020, Swisscom partecipa al progetto Innosuisse 5G-PROLIVE per l’integrazione di tutta le tecnica audiovisiva di un grande evento su una rete 5G privata. Il concetto è stato messo alla prova con successo sui luoghi dell’evento a Villars.

Con una rete wireless 5G privata si semplifica molto l’infrastruttura tecnica audiovisiva per gli eventi sportivi: non è teoria, ma realtà. Una dimostrazione è stata condotta a margine dei Giochi Olimpici della Gioventù di Losanna, che si sono svolti dal 9 al 22 gennaio 2020, con risultati eccellenti. Una partnership tra l’UFCOM, il Politecnico federale di Losanna, la SSR, la Scuola d’ingegneria di Yverdon, l’impresa neocastellese NuLink e Swisscom ha reso possibile questa iniziativa, organizzata dal 17 al 22 gennaio negli impianti di gara di Villars, il cui obiettivo era fare a meno di tutti gli impianti audiovisivi via cavo grazie a una rete wireless 5G privata che collega tutte le apparecchiature di produzione installate sul posto.

Vantaggi ecologici ed economici
A un evento di tale portata, una rete wireless rappresenta una considerevole riduzione del materiale da trasportare per installare le apparecchiature, nonché del personale coinvolto nelle operazioni. «Ai grandi eventi sportivi si arriva facilmente a una quarantina di camion di materiale, di cui molti pieni di cavi. Oltre ai carichi elevati, questo significa più inquinamento ma anche tantissimo personale mobilitato. L’obiettivo era trasportare solo telecamere, microfoni, strumenti di cronometraggio e tabelloni, riducendo enormemente il numero di collaboratori, veicoli e container da spostare», spiega Laurent Zwahlen, direttore della NuLink.

Questa riduzione del personale e del materiale renderebbe quindi possibili notevoli risparmi contenendo anche l’impatto ecologico degli eventi. Secondo Jacques Bähler, uno dei responsabili di progetto in Swisscom, questi test dimostrano che un «Wireless Event» sarebbe immaginabile a medio termine installando un’antenna 5G privata e utilizzando SIM dedicate alla stessa. «È una prospettiva che offre vantaggi considerevoli in termini di velocità di installazione e soprattutto di sostenibilità.»

Test di vasta portata ai GOG
Con due paesi ospitanti e 1837 atleti provenienti da 79 nazioni che si cimentavano in 81 prove, i Giochi Olimpici della Gioventù offrivano una piattaforma ideale per dimostrare le possibilità di questa nuova tecnologia che potrebbe rivoluzionare il mondo degli eventi sportivi.

La scelta è caduta sugli impianti di Villars per ragioni di infrastruttura.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3