Fusione tra TIM e Open Fiber, cosa potrebbe accadere? Il documento

di Martina Tortelli

Il valore degli asset di Open Fiber viene stimato in 2,3 miliardi.

Il Corriere delle Comunicazioni, con un pezzo a firma della direttrice, ha ha pubblicato in anteprima il paper a firma del docente in Economia dell’ICT all’Università di Tor Vergata, il professor Maurizio Matteo Decina.

Partiamo dal finale: l’opzione migliore? Prima incorporazione in Tim e poi scorporo.

In realtà è più complesso: la stima, come segnala CorCom, tiene conto dei risparmi sul fronte degli investimenti e dei costi di manutenzione nonché del rendimento dei savings reinvestiti nei servizi.

L’analisi propone due scenari: da un lato lo scorporo della rete Tim e merger con gli asset di Open Fiber dall’altro l’acquisto da parte di Tim degli asset di Open Fiber nelle zone a non fallimento di mercato.

Un documento che sicuramente arricchirà il dibattito sul progetto di fusione.

Source via CorCom

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3