Spegnimento rete 3G TIM: cosa cambia per la copertura e per i clienti

di Redazione

A partire da Aprile 2022, ha annunciato ufficialmente TIM in queste settimane, arriverà il progressivo spegnimento della rete 3G a favore delle reti 4G e 5G.

Come cambia la rete TIM

TIM, nel processo di innovazione e sviluppo della propria rete mobile, per offrire alla propria clientela servizi di qualità sempre più elevata, ha avviato la progressiva dismissione della rete 3G, a favore delle più performanti reti 4G e 5G.

Le tempistiche

Il processo di sostituzione sarà avviato a partire da Aprile 2022 e coinvolgerà, progressivamente, tutto il territorio nazionale.

Le motivazioni

La chiusura della rete 3G consentirà a TIM di concentrare gli investimenti sulle tecnologie più efficienti dal punto di vista energetico e più performanti in termini di qualità dei servizi offerti ai propri clienti.

Le reti 4G e 5G, potenziate con i continui investimenti in innovazione tecnologica, consentirà ai clienti TIM di accedere ad un’esperienza d’uso sempre più coinvolgente ed immersiva, anche nella fruizione di video in streaming, come quelli disponibili nelle offerte che uniscono i contenuti di TIMVISION con quelli di DAZN, Infinity+, Disney+ e Netflix.

Cosa fare

I clienti che risultano in possesso di un apparato in tecnologia 3G, o di uno smartphone 4G di prima generazione che non supporta il servizio VoLTE (Voce su rete 4G), nonché di una SIM con capacità inferiore a 128k, riceveranno una comunicazione personale con maggiori informazioni.

Tariffe e opzioni

Le offerte e le opzioni attive, sulle SIM inserite in apparati 3G o 4G che non supportano VoLTE su rete 4G, continueranno ad essere fruibili dai clienti senza alcun cambiamento nelle condizioni economiche o variazioni del numero telefonico.

Telefono del cliente

Se si ha un telefono 3G

I dispositivi in tecnologia 3G potranno continuare ad effettuare chiamate e inviare SMS, sfruttando la rete 2G, ma riscontreranno rallentamenti della navigazione Internet (in realtà la rete EDGE ridurrà notevolmente la velocità rendendo quasi inutili tutte le applicazioni che hanno bisogno di una discreta banda per funzionare come lo streaming, ndr)

Se il telefono non supporta VoLTE

I dispositivi in tecnologia 4G non abilitati al servizio voce su rete 4G useranno la rete 2G per telefonare e inviare sms, mentre continueranno a navigare in Internet con la rete 4G. A questi clienti, non sarà più garantita la possibilità di navigare mentre si effettua una chiamata vocale.

Come verificare

Il cliente può verificare la compatibilità del proprio terminale col servizio VoLTE (voce su rete 4G o 5G) effettuando una chiamata e controllando che l’icona della tecnologia continui a mostrare il simbolo 4G o 5G.

Per i terminali antecedenti al 2020, la presenza o meno del VoLTE è indicata da una icona specifica in alto a destra sul display. In caso di assenza il cliente deve accertarsi che il VoLTE sia correttamente abilitato nel menù impostazioni.

Se si ha un telefono compatibile

Per tutti gli altri dispositivi connessi alla rete mobile di TIM (2G, 4G che supportano la voce su rete 4G, 5G), la continuità di servizio sarà garantita senza alcun cambiamento rispetto alla situazione attualmente in essere (il neretto è del gestore dato che in realtà ci potrebbero essere difficoltà nel caso la zona non fosse coperta dal 4G ma solo dal 2G, ndr).

SIM con capacità minore di 128k

Tutti i clienti in possesso di una TIM Card (SIM) con una capacità inferiore a 128k, che, in assenza di rete 3G, non potranno utilizzare i servizi di rete mobile, sono invitati a recarsi in tempo utile presso un negozio TIM per richiedere la sostituzione gratuita della SIM, mantenendo il proprio numero telefonico.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare gratuitamente il Servizio Clienti al 119.

Source: tim.it