TIM tra il processo di societarizzazione di Tim Enterprise e l’informativa finanziaria

di Redazione

Approvato il calendario finanziario per il 2023

Il Consiglio di Amministrazione di TIM, riunitosi ierii sotto la presidenza di Salvatore Rossi, ha approvato l’avvio del processo di societarizzazione di TIM Enterprise, in linea con quanto comunicato al Capital Market Day dello scorso 7 luglio.

Il Consiglio, inoltre, ha approvato il calendario degli eventi societari del prossimo anno, confermando per l’esercizio 2023 la diffusione dell’informativa finanziaria trimestrale.

  • 14 febbraio – Consiglio di Amministrazione per l’esame dei dati preconsuntivi 2022 e del piano industriale 2023-2025
  • 15 marzo – Consiglio di Amministrazione per l’approvazione del progetto di bilancio d’esercizio e del bilancio consolidato al 31 dicembre 2022
  • 20 aprile – Assemblea per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2022
  • 10 maggio – Consiglio di Amministrazione per l’approvazione dell’informativa finanziaria al 31 marzo 2023
  • 2 agosto – Consiglio di Amministrazione per l’approvazione della relazione finanziaria al 30 giugno 2023
  • 8 novembre – Consiglio di Amministrazione per l’approvazione dell’informativa finanziaria al 30 settembre 2023

TIM: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA L’INFORMATIVA FINANZIARIA AL 30 SETTEMBRE 2022


Risultati organici

– ricavi da servizi a livello di gruppo in crescita dello 0,5% nei primi nove mesi a € 10,8 mld e del 3,0% yoy a € 3,7 mld nel terzo trimestre
– Ebitda organico di gruppo pari a € 4,5 mld nei nove mesi, trend in miglioramento nel terzo trimestre
– Ulteriore accelerazione di Tim Brasil con ricavi da servizi ed ebitda in crescita rispettivamente del 18,4% e del 16,2% nei nove mesi e del 24,7% e 24,5% nel terzo trimestre

■ raggiunto il 90% del target di contenimento dei costi per l’intero 2022

■ solida posizione di liquidità: incassati nel trimestre € 1,3 mld dalla cessione della quota indiretta in inwit e € 2 mld del finanziamento garantito da sace

■ indebitamento finanziario netto after lease pari a € 20,1 mld dopo l’esborso di € 1,7 mld per il pagamento dell’ultima tranche dello spettro 5g in italia