Vodafone, Booster porta ovunque la rete 3G con le femtocelle

di Andrea Trapani

Il 2011 potrebbe essere l’anno della svolta per i tanti clienti Vodafone. Arriva sul mercato “retail” infatti la tecnologia delle femtocelle.

Il Gruppo Vodafone, dopo i test in essere già da febbraio 2008, ha dichiarato di lanciare  ufficialmente per la clientela finale i primi dispositivi in alcuni dei suoi più importanti mercati, tra cui il Regno Unito, la Spagna, la Grecia e l’Italia.

Il lancio in anteprima, dichiara la stessa aziende, riguarda inizialmente 50 clienti tra privati, professionisti e grandi aziende – tra cui Klm Air France e il Gruppo Zara – in vista dell’apertura a tutti del servizio, prevista in questo primo semestre dell’anno.

Booster – questo il nome del servizio (nell’immagine una foto tratta da vodafone.co.uk) – in pratica aumenta la copertura perché riesce a portare il segnale della rete mobile in aree  “indoor” dove solitamente – a causa di ostacoli naturali e non – riesce ad arrivare. E’ possibile così portare la rete UMTS anche in parti della propria casa, ufficio e/o azienda dove il segnale non sarebbe mai arrivati perché troppo tenue. Non solo, aumentano anche le prestazioni perché ha il segnale irradiato con la nuova tecnologia non è condiviso con altri clienti.

Come funziona? In pratica l’utente collega la femtocella alla propria rete Adsl che a sua volta tramite “Booster” crea di fatto una cella radiomobile ‘personale’ (si potranno scegliere i cellulari che si potranno agganciare al segnale creato, ndr) grazie alla quale si potrà telefonare e/o navigare in 3G. L’Adsl  comunque necessaria per fare da backhauling.

Per chi è veramente in situazioni di digital-divide l’assenza delle offerte dati su doppino resteranno ancora fondamentali. Per gli altri invece è un’ottima opportunità magari per usufruire del segnale Vodafone in aree in cui lo stesso era difficile da avere.

I costi? Le prime anticipazioni rilasciate dalla stessa Vodafone al “Sole 24 Ore” parlano di un prezzo per i “consumer” oscillante tra i 150 e i 200 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3