Vodafone celebra 10 anni di M-Pesa in tutto il mondo

di Andrea Trapani

M-Pesa, il principale servizio di pagamenti mobile al mondo di Vodafone, compie 10 anni e, proprio a dicembre 2016, ha registrato un numero record di operazioni pari a 614 milioni.

M-Pesa è presente oggi in 10 Paesi: Albania, Egitto, Ghana, India, Kenya, Lesotho, Mozambico, Repubblica Democratica del Congo e Tanzania. Alla fine del 2016, M-Pesa ha servito quasi 29,5 milioni di clienti attivi tramite una rete di più di 287.400 agenti. Nel 2016, il servizio ha effettuato circa 6 miliardi di operazioni, raggiungendo a dicembre un picco di 529 operazioni al secondo.   

Il servizio M-Pesa è stato lanciato dall’associata keniota di Vodafone, Safaricom, il 6 marzo 2007. Il servizio è stato concepito per consentire ai clienti di inviare, ricevere e depositare denaro utilizzando un semplice telefono cellulare e, da un po’ di tempo in alcuni mercati, tramite un’app per smartphone. Il servizio è molto semplice: i clienti si rivolgono ad un agente di M-Pesa per caricare il loro account e possono successivamente utilizzare il loro dispositivo mobile per effettuare acquisti in un negozio e inviare soldi a terzi, che a loro volta possono prelevare i fondi presso un agente M-Pesa.

M-Pesa riduce in misura notevole anche i potenziali rischi di rapina, furto e corruzione diffusa all’interno di un’economia basata sul contante, dove solo una parte limitata della popolazione può accedere a servizi finanziari convenzionali.  

Michael Joseph, Managing Director M-Pesa del Gruppo Vodafone, afferma: “M-Pesa è una rivoluzione che ha messo decine di milioni di persone delle comunità fra le più povere al mondo in condizione di avviare e sviluppare attività economiche e di ottenere una maggiore solidità finanziaria. Noi tutti a Vodafone siamo molto orgogliosi di come M-Pesa abbia facilitato la vita giornaliera dei nostri clienti, aiutandoli a pianificare il proprio futuro con fiducia”.  

Servizi bancari avanzati per tutti Negli ultimi dieci anni, M-Pesa è diventato qualcosa di più che un normale sistema di pagamenti da persona a persona. Il servizio svolge infatti un ruolo importante per l’economia di diversi Paesi ed è usato per un’ampia varietà di operazioni essenziali, quali il pagamento di bollette e stipendi, l’erogazione di pensioni, sussidi agricoli e contributi pubblici. I clienti di M-Pesa possono pagare per beni e servizi sia presso il punto vendita sia online. Servizi come M-Shwari, M-Pawa e KCB M-Pesa  offrono depositi fruttiferi mobili e micro-prestiti in collaborazione con due banche, CBA e KCB. M-Tiba consente ai clienti di inviare, risparmiare e spendere denaro per cure mediche presso cliniche convenzionate.

A partire dal 2009, Vodafone ha cominciato a potenziare M-Pesa aggiungendo servizi di pagamento internazionali. I clienti in Kenya e Tanzania possono ora inviare e ricevere fondi dall’estero, in una modalità che secondo la Banca Mondiale è la più conveniente. Vodafone  ha stabilito una collaborazione con Homesend, TransferTo e MFS Africa per ampliare i servizi di pagamento e continua a valutare potenziali collaborazioni con altri servizi di pagamento internazionali.  

Migliorare la qualità della vita e salvare vite umane  Nel 2013 la Fondazione Vodafone ha coinvolto M-Pesa in un’attività che fornisce accesso a servizi sanitari di base, in un progetto denominato “Text to Treatment”. In Tanzania M-Pesa è utilizzato per distribuire le spese e i costi di trasporto degli ospedali, consentendo a circa 1000 madri ogni anno di usufruire di interventi chirurgici gratuiti per curare la fistola ostetrica, una delle più preoccupanti complicazioni del parto. Un servizio d’emergenza per il trasporto di mamme, che utilizza taxi pagati tramite M-Pesa nella Tanzania settentrionale, sostiene interventi salvavita per circa 200 donne e neonati ogni mese. In Lesotho, alcune cliniche mobili che utilizzano M-Pesa per il pagamento dei trasporti dei pazienti portano cure primarie e servizi anti-HIV per madri e bambini in circa 200 villaggi rurali per la prima volta.

Andrew Dunnett, Direttore della Fondazione Vodafone, afferma: “M-Pesa è una componente critica di molti servizi sanitari di base della Fondazione Vodafone, come ‘Text to Treatment’ che abbiamo lanciato in Lesotho e Tanzania. Questi servizi migliorano notevolmente la qualità della vita e in molti casi addirittura salvano vite, specialmente in alcune delle aree più remote e isolate in cui operiamo”.

Secondo uno studio condotto di recente dal MIT, e pubblicato sulla rivista Science, M-Pesa ha avuto un forte impatto su tutta l’economia in Kenya, consentendo ad alcune famiglie di collocarsi al di sopra della soglia di povertà e recando vantaggi soprattutto a quelle in cui il capofamiglia è una donna. In un caso in particolare, la povertà è diminuita del 22% nel raggio di un chilometro dai punti in cui si erano stabiliti sei agenti M-Pesa, fra il 2008 e il 2010. In Tanzania, l’esclusione finanziaria si è ridotta del 50% grazie a servizi di pagamento mobili (fonte: Finscope 2013).

La Fondazione M-Pesa, stabilita nel 2010, è un’organizzazione benefica indipendente che investe in progetti volti a migliorare la condizione sociale ed economica dei kenioti. Finanziata da M-Pesa, la Fondazione ha sostenuto diversi progetti sanitari, ambientali, di conservazione, scolastici e idrici su larga scala, oltre alla  M-Pesa Foundation Academy, un collegio con scuola superiore per studenti kenioti bisognosi e meritevoli con dimostrate capacità di leadership.   

M-Pesa negli anni

Marzo 2007    M-Pesa avvia le attività in Kenya
Novembre 2007    M-Pesa raggiunge 1 milione di utenti attivi
Aprile 2008    M-Pesa avvia le attività in Tanzania
Settembre 2008    M-Pesa raggiunge 4 milioni di utenti attivi
Agosto 2009    M-Pesa collabora con Western Union per consentire ai clienti di ricevere pagamenti dal Regno Unito
Giugno 2010    M-Pesa raggiunge 10 milioni di utenti attivi
Settembre 2010    M-Pesa avvia le attività in Sudafrica
Marzo 2011    Safaricom e Western Union stringono un accordo di collaborazione globale per consentire ai clienti di M-Pesa di ricevere pagamenti da 45 Paesi, fra cui USA, Canada, Italia e Regno Unito.
Gennaio 2011    Lipa Karo consente alle istituzioni scolastiche di ricevere i pagamenti per le iscrizioni via M-PESA.
Novembre 2012    M-Pesa avvia le attività nella Repubblica Democratica del Congo.
Novembre 2012    M-Shwari, un servizio che offre depositi e finanziamenti, avvia le attività in Kenya, raggiungendo 2,3 milioni di abbonati in 4 mesi.
2013    La Fondazione Vodafone coinvolge M-Pesa in un’attività che fornisce accesso a servizi sanitari di base, in un progetto denominato “Text to Treatment”
Aprile 2013    Vodafone e ICICI Bank lanciano M-Pesa in India, dove ci sono centinaia di milioni di persone che non ricevono servizi bancari
Maggio 2013    M-Pesa avvia le attività in Mozambico
Giugno 2013    M-Pesa avvia le attività in Lesotho
Giugno 2013    Vodafone Cash avvia le attività in Egitto
Giugno 2013    Lipa na M-Pesa avvia le proprie attività, consentendo ai consumatori di pagare beni e servizi utilizzando M-Pesa
Marzo 2014    Vodafone M-Pesa avvia le attività in Romania, rendendo disponibile per la prima volta il servizio in Europa
Maggio 2014    M-Pawa avvia le attività in Tanzania
Marzo 2015    M-Pesa lancia il suo primo corridoio di pagamenti internazionali fra la Tanzania e il Kenya
Maggio 2015    Vodafone M-Pesa avvia le attività in Albania
Dicembre 2015    Vodafone M-Pesa avvia le attività in Ghana
2015    Vodafone stipula un accordo quadro globale che prevede l’interoperabilità di M-Pesa, consentendo ai clienti di quest’ultima di effettuare operazioni con altri servizi e a livello transfrontaliero
2016    Il World Food Programme usa M-Pesa per aiutare a realizzare il programma di aiuti alimentari nei campi di rifugiati del Kenya
Aprile 2016    M-Pesa raggiunge 25 milioni di utenti attivi.
Giugno 2016    Safaricom apre in Kenya la piattaforma M-Tiba, la piattaforma per i pagamenti sanitari.   

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3