5G: ecco cosa promette il 2020 con la nuova generazione mobile

di Andrea Trapani

Cosa possiamo aspettarci dalla prossima generazione 5G e dal resto del mondo mobile nel 2020?

Opensignal, la società di analisi mobile, ha voluto condividere con noi alcune previsioni dopo il riassunto della telefonia mobile italiana del 2019 di ieri.
Torniamo alla domanda iniziale.

Cosa c’è nella sfera di cristallo di Opensignal per quest’anno? Ecco alcuni punti salienti.

i) Il 3G continuerà ad essere più popolare del 5G
I dati di Opensignal mostrano che il 27,2% della base globale di clienti non si è mai connesso al 4G mentre si affida invece costantemente al 3G. E questo non è solo nei mercati emergenti: la recente analisi in Germania ha rilevato che metà degli utenti non si connette mai sulle reti 4G. L’adozione del 5G si sta muovendo troppo lentamente per superare l’adozione del 3G in un solo anno, in qualsiasi parte del mondo.

ii) Il 4G rimarrà una base essenziale per i servizi 5G nel 2020
Opensignal ha recentemente scoperto che solo l’1% dei test di velocità condotti dagli utenti Opensignal statunitensi da dispositivi abilitati per la frequenza radio 5G (5G NR) utilizzava una connessione 5G attiva, rispetto al 20% dei test di velocità condotti nei primi mesi del 5G in Corea del Sud. Ciò significa che l’utente non sta utilizzando l’intera esperienza promessa dal 5G; questo problema continuerà nel 2020 a meno che non siano disponibili più dispositivi NR 5G.

iii) La disponibilità dello spettro avrà un impatto enorme sull’esperienza 5G
L’analisi mostra che le frequenze utilizzate per il 4G possono avere un forte impatto sull’esperienza della rete mobile.
La maggior parte dei primi lanci del 5G hanno utilizzato lo spettro della banda media, ovvero nelle gamme 2 – 4 GHz.
Queste bande sono ideali per il lancio in ambito urbano, offrendo un buon mix di capacità di dati, portata e penetrazione all’interno di ogni edificio. Ma in alcuni mercati – in particolare negli Stati Uniti – la disponibilità di questo spettro è scarsa, il che significa che gli operatori utilizzano bande mmWave più elevate.


I mercati che utilizzano le bande mmWave avranno difficoltà a offrire un’ampia copertura per il 5G. A meno che non siano disponibili sia lo spettro della banda media che lo spettro mmWave, l’esperienza del 5G sarà incompleta.

iv) L’uso del 5G per alleviare la congestione sulle reti 4G diventerà importante per gli operatori più grandi
Le attuali reti 5G hanno una portata limitata, il che significa che la stragrande maggioranza degli utenti fa ancora molto affidamento sul 4G. E poiché la domanda di dati continua ad aumentare, stiamo assistendo a segnali di aumento della congestione delle reti 4G. Man mano che le reti 5G diventano più onnipresenti e i dispositivi più diffusi, gli operatori cercheranno di spostare i propri utenti di dati pesanti su 5G, per migliorare l’esperienza di rete mobile su 4G.

v) Commercializzare il 5G sarà difficile perché il 5G non sarà un’esperienza uniforme
L’esperienza 5G dipenderà dal tipo di spettro utilizzato. I consumatori che si connettono al 5G su uno spettro di banda bassa non avranno un’esperienza notevolmente migliore rispetto al 4G, ma i consumatori vedranno comunque il 5G nella barra di stato del proprio telefono. Coloro che utilizzano mmWave vedranno velocità estremamente elevate, ma una copertura molto ridotta. Ma tutti i tipi di esperienza di rete saranno chiamati 5G.

vi) Il gioco mobile multiplayer esploderà, ma i servizi di cloud gaming faranno fatica
Fortnite, Arena of Valor e PUBG mobile sono solo l’inizio di un’ondata di storie di successo di giochi mobili multiplayer. Man mano che la latenza migliora sulle reti 4G e 5G, gli utenti giocheranno sempre più a giochi multiplayer su connessioni cellulari e Wi-Fi e parleranno anche con i loro compagni di gioco nel gioco usando il voice over IP.

 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3