Le Alpi battono gli Appennini, ma il 4G è carente nei comuni montani

di Andrea Trapani

La velocità delle reti mobili è maggiore nelle Alpi che nelle province meridionali d’Italia: il risultato dall’ultima analisi a cura di Opensignal

L’Italia è famosa a livello internazionale per le sue città storiche, il sole e il mare, ma il nostro paese possiede anche due delle catene montuose più lunghe d’Europa: le Alpi e l’Appennino. Con molti comuni montani, ricorda da tempo UNCEM, trovare un segnale mobile decente non è necessariamente scontato. 

Per questa motivo, Opensignal ha preso in considerazione la classificazione ecologica ISTAT del territorio italiano per comprendere come la geografia, la geologia e il clima possano influenzare l’esperienza della rete mobile degli utenti italiani.

Abbiamo scoperto che i nostri utenti hanno trascorso meno tempo connessi a una rete 4G (disponibilità 4G) nelle due aree ecologiche che abbracciano le catene montuose delle Alpi e dell’Appennino. Inoltre, i nostri utenti nelle regioni ecologiche settentrionali – Alpi incluse – hanno sperimentato in media una maggiore velocità di download e upload rispetto a quelli delle province meridionali“, spiegano da Opensignal.

Opensignal ha utilizzato l’Istituto nazionale di statistica italiano che classifica il territorio italiano in sette macroareee. Queste definizioni mirano a integrare le caratteristiche socio-economiche dei comuni italiani, tenendo conto delle caratteristiche geografiche, geologiche, climatiche e della biodiversità che contribuiscono allo sviluppo del territorio.

Secondo l’ISTAT, il 1 ° gennaio 2019 c’erano 7.926 comuni in Italia, di cui 4.080 comuni montani che coprono il 61,9% del territorio del paese. La stragrande maggioranza dei comuni montuosi sono compresi nell’area Alpina e nell’area Appenninica, anche se molti altri possono essere trovati in tutte le macroaree ecologiche.

Gli utenti trascorrono meno tempo connessi alle reti 4G nelle aree montane

Un risultato probabilmente scontato. Come si vede dalla mappa sopra, si può osservare la massima disponibilità di 4G (92,2% e 92,1%) rispettivamente nell’area Padana e nell’area Adriatica.

Queste due macroaree presentano la percentuale più bassa del loro territorio coperta da comuni montuosi, suggerendo che un fattore importante che aiuta a spiegare la disponibilità del 4G è che i segnali mobili si propagano più facilmente attraverso le pianure e le località marittime rispetto alle aree montane.

I nostri utenti hanno anche riscontrato una disponibilità media di 4G superiore al 90% in Provincia Ligure, Provincia Illirica e Provincia Tirrenica, che si sono diffuse su tutto il litorale italiano.

Le due restanti province ecologiche, Provincia Alpina e Provincia Appenninica – che sono per lo più composte da comuni montuosi – presentavano la disponibilità di 4G più bassa rispettivamente dell’88,1% e dell’86,6%.

La velocità delle reti mobili è maggiore nelle province settentrionali

In media, i clienti hanno sperimentato velocità di download e upload più elevate nelle quattro macroaree ecologiche settentrionali dove si sono riscontrate esperienza di velocità di download media e velocità di upload di almeno 25 Mbps e 8 Mbps, rispettivamente, in tutte e quattro le zone. “D’altra parte“, scrive Opensignal, “i nostri utenti dell’area Adriatica, Tirrenica e Appenninica hanno visto in media velocità di download e upload inferiori; l’esperienza media sulla velocità di download osservata nelle tre areeè stata rispettivamente di 22,3 Mbps, 21,8 Mbps e 21,6 Mbps, mentre la velocità media di upload è stata compresa tra 6,7 ​​Mbps nell’area Appenninica e 7,2 Mbps in quella Adriatica”.

Le velocità delle reti mobili nelle Alpi sono più elevate che nella maggior parte dell’Italia

Abbiamo osservato un’interessante differenza nei punteggi dell’esperienza mobile misurati nelle due aree che riflettono le catene montuose delle Alpi e dell’Appennino“, continua Opensignal. “Sebbene entrambi presentassero un punteggio di disponibilità 4G inferiore rispetto a tutte le altre province, probabilmente a causa del loro paesaggio montuoso, i nostri utenti nelle Alpi non solo godevano di una velocità di rete mobile notevolmente migliore rispetto alle loro controparti in Appennino, ma anche velocità più elevate di quelli nelle due aree del Mediterraneo meridionale.

La differenza di esperienza può probabilmente essere spiegata dal grande ruolo del turismo nelle Alpi, nonché dalla popolazione relativamente piccola dei comuni alpini. Da un lato, gli operatori di telefonia mobile hanno probabilmente interesse a concentrare gli aggiornamenti della propria rete in importanti aree turistiche; d’altra parte, la popolazione più bassa probabilmente significa che gli utenti sperimentano un livello inferiore di congestione mobile – che avrebbe un impatto negativo sulla loro esperienza di rete mobile – rispetto alle altre province“.

Source Opensignal

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3