Sì al 5G, ecco come il Governo ferma i Sindaci che bloccano le antenne

di Andrea Trapani

E’ la novità di questi giorni in campo telefonico: il decreto legge numero 76 del 16 luglio 2020 relativo a “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale” stabilisce che le amministrazioni comunali non possono vietare l’installazione di reti 5G sul proprio Comune.

In estrema sintesi, secondo il cosiddetto decreto semplificazioni, per i sindaci non sarà più possibile opporsi alla rete di quinta generazione.

E’ quanto si legge sul sito del ministero dell’Innovazione, in base alle previsioni contenute nel decreto Semplificazioni sul 5G. In base all’articolo 38 (“Misure di semplificazione per reti e servizi di comunicazioni elettroniche”) comma 6, infatti, i sindaci non potranno introdurre limitazioni alla localizzazione sul proprio territorio di stazioni radio base per reti di comunicazioni elettroniche di qualunque tipologia e non potranno fissare limiti di esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici diversi rispetto a quelli stabiliti dallo Stato.

Molte amministrazioni locali, negli ultimi mesi, si sono appellate a questo provvedimento in base a un’interpretazione del principio di precauzione basata su tesi infondate. La mappa dei Comuni italiani compilata da Wired ha mostrato che sono (almeno!) 431 le amministrazioni locali che hanno deciso, attraverso ordinanze dei sindaci e delibere di giunta e consiglio comunale, di bloccare l’installazione delle reti 5G.

Una presa di posizione trasversale, da Nord a Sud e da sinistra a destra, che coinvolge 4,5 milioni di cittadini, cioè ben 1 italiano ogni 13.

Cosa succede ora?


Nella nuova norma sebbene “i Comuni possano adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici con riferimento a siti sensibili individuati in modo specifico […]” si trovano a doversi confrontare “[…] con esclusione della possibilità di introdurre limitazioni alla localizzazione in aree generalizzate del territorio di […]  reti di comunicazioni elettroniche di qualsiasi tipologia”.

Insomma, i comuni possono adottare delle regole che minimizzino l’impatto per i propri cittadini, ma non posso più opporsi all’installazione delle antenne.
Insomma, non c’è delibera che tenga. L’obietto del Governo è chiaro: accelerare l’innovazione digitale.

Nonché aumentare la copertura: come hanno riportato gli ultimi dati sulle macroaree del nostro paese, l’Italia mostra diverse difficoltà di copertura 4G in prossimità dei rilievi. Una difficoltà doppia visto che la normativa nazionale attuale, almeno rispetto alle commissioni internazionali, ha fissato dei parametri stringenti per il livello di emissioni.  

Un’antenna 5G nella foto. Mappa elaborata da Wired.it

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3