Come comunicare la riapertura di un negozio

di Fabrizio Castagnotto

Il “return to business”, in questi giorni, rappresenta per molti una sfida davvero impegnativa, non solo per la necessità di adeguarsi alle nuove disposizioni per garantire la sicurezza, ma anche perché occorre fare in modo che le persone ritornino nelle attività commerciali.

In questo contesto diventa, quindi, fondamentale poter comunicare con la propria clientela in modo efficace per avvisare della riapertura e per fornire altre informazioni, come, ad esempio, le nuove misure di sanificazione, la variazione degli orari o l’attivazione di nuovi servizi.

Secondo Skebby.it, l’innovativa piattaforma che offre servizi professionali di mobile marketing & service, gli strumenti mobile e, in particolare, gli SMS, che vantano tassi medi di apertura superiori al 93%* e possono essere ricevuti anche dai vecchi cellulari, rappresentano un mezzo privilegiato per raggiungere un ampio numero di persone, ma è importante utilizzarli nel modo corretto.

Per comunicare che il proprio locale ha riaperto nel pieno rispetto delle norme igienico-sanitarie o per informare circa i nuovi orari dell’attività, ad esempio, un SMS semplice e diretto con le informazioni principali sarà la scelta ideale, mentre se si desidera avvertire dell’attivazione di nuovi servizi, come il click & collect, consegna a domicilio o l’accesso al negozio su prenotazione, converrà orientarsi su un SMS con landing page. Questo strumento, infatti, consente di includere nel testo del messaggio un link ad un volantino digitale o ad una landing page ottimizzata per il mobile, dove poter inserire molti più dettagli in modo semplice e accattivante e, grazie alle specifiche funzionalità di Skebby.it, senza la necessità di alcuna competenza tecnica.

Se l’obiettivo è, invece, quello di acquisire nuovi clienti, in modo da compensare la riduzione delle vendite nel periodo del lockdown, conviene orientarsi sugli SMS ADV e poter così contare su un database di numeri telefonici, i cui proprietari hanno dato esplicitamente l’assenso per queste comunicazioni, da cui selezionare i propri destinatari in base a genere, età e area geografica.

“Il periodo di chiusura di numerose attività dal quale siamo appena usciti ha portato inevitabilmente molte persone a cambiare le proprie abitudini anche per quanto riguarda lo shopping, favorendo in diversi casi l’e-commerce”, ha affermato Francesca Quagliata, Digital Marketing Strategist di Skebby, che ha proseguito: È, quindi, diventato di cruciale importanza per negozi, ristoranti e altre realtà commerciali far sapere ai propri clienti che possono ritornare in tutta sicurezza alle loro abitudini e informarli su eventuali nuovi servizi o, in alcuni casi, cercare di ampliare la base della propria clientela facendo conoscere l’attività a nuovi potenziali clienti”.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3