Wi-Fi e non solo sui treni della Regione Campania

di Fabrizio Castagnotto

Maggiore sicurezza per i passeggeri grazie al diretto collegamento con la Centrale Operativa di EAV e con le forze dell’ordine, collegamento treno-stazione per monitoraggio di dati, immagini e posizionamento del treno oltre che servizi a bordo più efficaci grazie agli schermi nelle carrozze e alla possibilità di accesso wi-fi.

Tutto questo rientra nel progetto “Treno sicuro” presentato a Napoli dal Presidente e DG di EAV Umberto De Gregorio alla presenza dell’Assessore alla Ricerca, Innovazione e Start Up della Regione Campania, Valeria Fascione.

Il progetto, promosso dall’Ente Autonomo Volturno, è stato realizzato in partnership con le aziende Axians (del Gruppo Vinci Energies Italia) e Cisco che hanno fornito e installato i loro sistemi digitali.


A presentare le nuove tecnologie sono stati Salvatore Perrot, Managing Director Nord Ovest, Centro-Sud di Axians Italia, Enrico Mercadante, Leader Team Sales & Technical Specialists per il Sud Europa di Cisco Italia e Pasquale Rovito, Responsabile Ricerca e Sviluppo e RTD di EAV che spiega: “Si tratta di una infrastruttura di comunicazione realizzata sperimentalmente nella Galleria San Giorgio-Volla per una lunghezza di circa 4 Km. e su un treno prototipo.

Grazie alle nuove tecnologie WI-FI utilizzate viene garantita una connettività a banda larga affidabile anche quando il treno è in movimento. Gli elementi per realizzare una vera e propria rivoluzione, un cambiamento radicale nei sistemi di informazione e nei servizi al pubblico, ci sono tutti. Il principale ingrediente è proprio quello di essere riusciti a fare rete.”

A spiegare le particolarità della realizzazione tecnica dell’impianto, Salvatore Perrot: “Grazie alla Partnership che ci lega a Cisco da qualche anno, riusciamo sempre di più a realizzare progetti di alto valore tecnologico come quello che presentiamo oggi. Nell’ambito dei trasporti e in particolare le metropolitane, Axians Italia è diventata sempre più esperta nel lavorare anche in siti ostili o di difficile accesso per realizzare le migliori architetture e infrastrutture di rete. Il tipo di applicazione Cisco che abbiamo adottato per questa sperimentazione, consente di avere una comunicazione dati terra-treno con traffico sperimentato senza disservizio e con un basso “handover” quindi con una trascurabile perdita di pacchetti dati, minimizzata grazie all’architettura adottata, nonostante il treno sia in movimento e/o ad alta velocità.”

 

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3