Crotone, iniziati i lavori di Open Fiber per la fibra ottica in città

di Redazione

Crotone: la nuova rete realizzata in modalità FTTH estesa per 110 km grazie a 10mila km di cavi in fibra
Infrastruttura decisiva per servizi ad alta tecnologia come telemedicina, lavoro agile e Smart City

A Crotone sono iniziati nei giorni scorsi i lavori di Open Fiber per realizzare la nuova rete integralmente in fibra ottica FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa). Si tratta della migliore tecnologia attualmente disponibile sul mercato, in grado di raggiungere una velocità di connessione fino a 10 Gigabit per secondo e capace di assicurare una vasta gamma di servizi digitali.

L’intervento nella città calabrese rientra nel piano di investimento diretto di Open Fiber che complessivamente interessa 270 città italiane.

Per realizzare la moderna infrastruttura FTTH nel capoluogo crotonese, la società guidata da Mario Rossetti investirà circa 6 milioni di euro di fondi privati per cablare circa 18mila unità immobiliari tra abitazioni, attività commerciali e uffici. La nuova infrastruttura si svilupperà per circa 110 chilometri, realizzati in parte grazie al riutilizzo di reti esistenti. Complessivamente verranno stesi 10mila km di fibra ottica.

Le modalità di realizzazione degli interventi sono disciplinate dal “Decreto Scavi”, che prevedono da parte di Open Fiber specifiche garanzie nelle operazioni di scavo e di ripristino del manto stradale, svolte d’intesa con i competenti uffici tecnici comunali.

I lavori per la fibra ottica a Crotone

L’investimento che Open Fiber ha stanziato anche su Crotone rientra tra gli obiettivi di trasformazione digitale per il rilancio socioeconomico e infrastrutturale del Paese e dei suoi territori, grazie all’installazione di reti a banda ultra larga di ultima generazione che garantiscano performance elevate in termini di velocità, latenza ed affidabilità.

I cantieri di Open Fiber nella città pitagorica sono stati avviati nell’area dell’ospedale “San Giovanni di Dio”, il Parco Pignera e proseguiranno a breve nella zona compresa tra il Tribunale e il Municipio per poi raggiungere gli altri quartieri.

Si tratta di un importante intervento su un territorio esteso e strategico che, grazie alla banda ultra larga, garantirà a cittadini e imprese commerciali di usufruire di numerosi servizi abilitanti negli ambiti dello smart working, dello streaming online di contenuti in HD, l’accesso ai servizi avanzati della Pubblica amministrazione, la telemedicina, il cloud computing e l’utilizzo di applicazioni Smart City quali la mobilità sostenibile, il controllo elettronico degli accessi, il monitoraggio ambientale e la gestione dell’illuminazione pubblica.

Come lavora Open Fiber

Per i lavori di cablaggio da sempre Open Fiber è attenta alla sostenibilità e sensibile alla salvaguardia dei territori nei quali opera: le metodologie di scavo, infatti, sono a limitato impatto ambientale e prevedono la realizzazione dei tracciati con la tecnica della minitrincea, uno scavo di dimensioni estremamente ridotte (tra i 5 ei 20 centimetri) dal quale vengono aspirate le polveri generate dai lavori per evitare la dispersione in atmosfera.

Open Fiber è un operatore wholesale only, non vende servizi in fibra ottica direttamente al cliente finale, ma mette la sua infrastruttura a disposizione di tutti gli operatori interessati a parità di condizioni. Con oltre 14 milioni di unità immobiliari ultrabroadband già connesse, Open Fiber è il principale operatore italiano di fibra ottica FTTH e tra i leader in Europa.

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3