Sunrise entra in modalità di crescita nell’esercizio 2018: aumento del dividendo del 5%

di Redazione

Ieri non solo Sunrise ha annunciato l’acquisto di UPC ma anche i propri dati di esercizio.

Olaf Swantee, CEO di Sunrise, commenta così il risultato: «Avendo stabilizzato l’EBITDA l’anno scorso, i nostri investimenti per la crescita hanno iniziato a dare i loro frutti nel 2018, portando a una forte crescita dei clienti, all’aumento della quota di mercato, al successo della transizione B2B e alla crescita organica dell’EBITDA rettificato. Questa solida performance e il nostro eccellente posizionamento nel test sulle reti di ’connect’ riconfermano la nostra strategia di Switzerland’s quality challenger».

Crescita netta del settore postpaid più forte dal 2010 L’andamento del numero di abbonati è continuato, Sunrise ha ottenuto un aumento netto di 42 300 postpaid nel 4T18 Questo rappresenta la più forte performance dell’azienda dal 2010, resa possibile dall’acquisizionediclienti B2B (4T: Axpo; Ufficio federale dell’informatica e della telecomunicazione) e da un focus strategico sulla qualità della rete, dei servizi e dei prodotti. Nell’esercizio 2018 Sunrise ha registrato un +8,5 % di nuovi clienti netti di telefonia mobile postpaid, un’accelerazione rispetto al +7,3 % dell’anno precedente. La base di clienti prepaid ha continuato a ridursi a/a con la migrazione costante di clienti verso le offerte postpaid. Gli abbonati a Internet e alla TV sono cresciuti rispettivamente di +8,3 % e di +14,1 % a/a. I forti aumenti sono stati sostenuti dalla tariffa combinata «Sunrise ONE», dal miglioramento dei contenuti televisivi (ad es., «Sky Sport» e «Sky Show»), dall’attenzione all’eccellenza del servizio e dalle offerte promozionali dedicate.

Dalla stabilizzazione alla crescita dei ricavi dell’esercizio 2018 I ricavi da servizi del 4T sono cresciuti del +1,9 % (incl. IFRS 15 +1,8 %) a/a a seguito della crescita dei ricavi nei settori telefonia mobile postpaid, Internet/TV e B2B. Ciò rappresenta un’accelerazione rispetto al 3T, quando le promozioni estive sul roaming hanno rallentato la dinamica. Il fatturato totale del 4T è diminuito di -4,6 % a/a a 486 milioni di CHF, influenzato dalla riduzione delle vendite di hardware e hubbing, entrambi a basso reddito.

Il fatturato dell’esercizio 2018 è migliorato del +1,2 % a/a e rappresenta un progresso rispetto alla performance stabile dello scorso anno. La crescita è stata trainata dalla dinamica dei clienti e del B2B, che è stata in grado di sovracompensare le diminuzioni strutturali delle chiamate su rete fissa e del prepaid.

Aumento del margine lordo e dell’EBITDA organico rettificato  L’utile lordo del 4T è aumentato del +3,7 % a/a raggiungendo 313 milioni di CHF, grazie alla crescita dei ricavi da servizi e al miglioramento del margine lordo da servizi. L’espansione del margine lordo da servizi è stata sostenuta dagli effetti del mix dei ricavi, dalla continua riduzione delle tariffe di terminazione mobile, dagli accordi per accesso con utility e da un cambiamento contabile una tantum del roaming. L’utile lordo dell’esercizio 2018 si è attestato a 1223 milioni di CHF, con un miglioramento di +2,5 % a/a.

Il miglioramento dell’utile lordo è stato in parte reinvestito nella dinamica di crescita (Opex rettificato 4T +4,9 % a/a), che ha sostenuto la più forte performance dell’azienda nella crescita netta del settore postpaid dal 2010. L’EBITDA rettificato del 4T è aumentato di +2,4 % (incl. IFRS 15 +3,6 %) a 152 milioni di CHF, portando a +2,3 % la crescita dell’EBITDA organico rettificato nell’esercizio 2018 (rett. per la vendita delle antenne). L’utile netto dell’esercizio 2018 è migliorato da 85 milioni a 107 milioni di CHF a/a, rettificato per i guadagni derivanti dalla dismissione delle antenne dell’anno scorso.

Leva finanziaria stabile – dividendo proposto superiore del 5 % L’equity free cash flow è stato influenzato principalmente dal capitale circolante netto. I prezzi più elevati dei cellulari e la liquidazione degli sconti di roaming maturati hanno inciso sul capitale circolante netto dell’esercizio 2018, mentre l’esercizio 2017 ha beneficiato degli sconti di roaming accumulati e dell’impatto positivo della dismissione delle antenne. Di conseguenza, l’equity free cash flow è diminuito da 219 milioni di CHF dello scorso anno a 149 milioni di CHF. Il rapporto tra debito netto ed EBITDA rettificato è rimasto sostanzialmente stabile a 1,99x, rispetto all’1,97x di fine esercizio 2017. Il Consiglio di amministrazione proporrà all’Assemblea degli azionisti un dividendo di CHF 4.20 per azione, il che si traduce in un aumento del 5 % a/a. Il dividendo sarà versato attingendo alle riserve del conferimento di capitale.

Orientamento dell’esercizio 2019 con crescita dei ricavi e dell’EBITDA rettificato I ricavi e l’EBITDA rettificati dell’esercizio 2019 dovrebbero oscillare rispettivamente tra i 1860-1900 milioni e i 608-623 milioni di CHF. I fattori di orientamento nell’IFRS 15, che si prevede abbia un impatto negativo di una bassa singola cifra in milioni di CHF sull’EBITDA rettificato a/a. L’orientamento non include ancora gli effetti dell’IFRS 16. Si prevede che il Capex per l’esercizio 2019 oscilli nel range 420-460 milioni di CHF. Come indicato in precedenza, comprende il pagamento dello spettro di 91 milioni di CHF, il pagamento anticipato di 61 milioni di CHF per l’accesso alla rete fissa presso Swisscom e un pagamento anticipato di 16 milioni di CHF per l’ampliamento del raggio d’azione della rete fissa presso le utilities. Se si escludono questi effetti, l’orientamento del Capex è pari a 252-292 milioni di franchi. Ciò include investimenti accelerati per il roll-out del 5G, che stimoleranno l’eccellenza delle reti e la dinamica dei clienti e forniranno la base per la banda larga mobile nelle zone rurali.

Confermata la politica dei dividendi Sunrise conferma la politica dei dividendi a lungo termine che prevede di distribuire almeno il 65 % dell’equity free cash flow, mirando all’85 % se il debito netto/EBITDA rettificato sarà inferiore a 2,0x. Sunrise ripropone una progressione annuale dei dividendi del 4-6 % nel 2018-2020. Questa specifica sulla previsione a breve termine è stata introdotta nel marzo 2018 per difendere gli investitori dalla volatilità dei flussi di pagamento a breve termine, dovuta all’accesso alla rete fissa e ai pagamenti dello spettro. Se le previsioni per l’esercizio 2019 saranno soddisfatte, Sunrise prevede di proporre per l’esercizio 2019 un dividendo compreso tra CHF 4.35-4.45 per azione, da versare attingendo alle riserve del conferimento di capitale nell’esercizio 2020.

Tabella dei risultati complementari per l’esercizio 2018 

Ricavi totali (milioni di CHF)

Esercizio 2017

escluso IFRS 15

 

Esercizio 2018

incluso IFRS 15

Esercizio 2018

escluso IFRS 15

a/a

incluso IFRS 15

a/a

escluso IFRS 15

Servizi di rete mobile

1231

 

1271

1271

3,2 %

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3