Svizzera, potenziamento della rete in fibra ottica: la Commissione della concorrenza avvia l’indagine

di Andrea Trapani

La Commissione della concorrenza (COMCO) ha avviato un’indagine sul potenziamento della rete in fibra ottica di Swisscom e ha disposto misure precauzionali.

Swisscom sta attualmente portando la rete in fibra ottica fino alle abitazioni e alle superfici commerciali (FTTH) con un importante processo di potenziamento e intende raddoppiare i collegamenti entro il 2025 raggiungendo quota 3 milioni. Nella realizzazione e nella gestione dei collegamenti di rete fissa a lungo raggio e a banda larga, l’azienda affronta la forte concorrenza di altri operatori, come le imprese elettriche e i gestori di reti via cavo. Swisscom respinge le accuse avanzate dalla COMCO e presenterà ricorso contro le misure precauzionali.

Swisscom consente a tutti i concorrenti un ampio accesso alle proprie reti, senza alcuna discriminazione, nel rispetto di condizioni commerciali concordate o delle norme. Swisscom porta avanti un continuo potenziamento della propria rete investendo ogni anno circa 1,6 miliardi di CHF nella sua espansione e manutenzione. Queste operazioni vanno anche a vantaggio della concorrenza, che può ridurre i propri investimenti risparmiando sui costi.

Point-to-Multipoint è la base di un potenziamento rapido ed efficiente della fibra ottica

Nell’ulteriore espansione FTTH (Fibre to the Home), Swisscom punta principalmente sull’architettura Point-to-Multipoint (da manhole) consentendo alla concorrenza di continuare ad accedere a un’ampia offerta. Si tratta dell’architettura più adatta per portare avanti il potenziamento della rete in fibra ottica in tutta la Svizzera, perché si presta a usare la rete attuale come punto di partenza. Riutilizzare la linea in ingresso esistente (feeder) consente di espandere in modo rapido e con costi contenuti l’FTTH in Svizzera. In questo modo la Svizzera potrà essere all’altezza della crescente richiesta di banda larga derivante dalla progressiva digitalizzazione dell’economia e della società. Ne trarranno vantaggio i clienti finali, ma anche i clienti Wholesale attraverso l’acquisto di prodotti specifici wholesale.

Swisscom non comprende le accuse della COMCO, le analizzerà nel dettaglio e valuterà come procedere.


Ampia scelta e massima larghezza di banda

Agli operatori che non possiedono una rete propria, Swisscom offre numerose possibilità di accesso alla rete con varie larghezze di banda. Le offerte sono presenti sul mercato da diversi anni e sono in costante evoluzione, vastamente accettate dai clienti Wholesale. Gli operatori che non dispongono di una propria rete possono sempre accedere alla larghezza di banda massima disponibile. Ove possibile, Swisscom intende continuare a potenziare la rete in collaborazione con i partner.

Raddoppio dei collegamenti FTTH fino a 3 milioni entro il 2025

Il traffico dati è in rapida crescita in Svizzera. Una società e un’economia che intendono sfruttare le opportunità offerte dall’era digitale non possono fare a meno di un’infrastruttura di rete all’altezza della situazione. Entro la fine del 2025 Swisscom vuole raddoppiare la copertura della fibra ottica fino ad abitazioni e spazi commerciali (FTTH). Per allora, il 50-60 per cento di tutte le abitazioni private e superfici commerciali potrà usare una larghezza di banda fino a 10 Gbit/s. Continua parallelamente la modernizzazione della rete FTTS (Fibre to the Street) esistente. Entro la fine del 2025 un ulteriore 30-40 per cento delle economie domestiche e delle superfici commerciali avrà a disposizione una larghezza di banda di 300-500 Mbit/s.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3