Italia e Svizzera sono i paesi europei dove è più caro telefonare

di Valerio Longhi

Il titolo è eloquente, come lo è stato sabato scorso quello di Repubblica riguardo alla ricerca dell’autorità delle comunicazioni finlandese sui costi degli abbonati di telefonia mobile europea.

La Repubblica, sabato 22 settembre 2009Dati che vedono Italia e Svizzera primeggiare nelle varie classifiche di uso del cellulare con cifre mensili ben sopra alla media europea.

Una ricerca che però potrebbe essere letta in altro modo, specie da un sito come Mondo3 che parte molto spesso dall’analisi delle offerte di 3 Italia.

H3G invece, come spiega l’approfondimento di Andrea Trapani sulla notizia, è stata esclusa esplicitamente dall’indagine. La sua quota di mercato, almeno per il traffico voce, è stata ritenuta probabilmente pressoché irrilevante nel computo delle medie globali.

Anche per i dati è stata fatta la stessa scelta: in questo caso è assai più discutibile anche perchè le tariffe internet di 3che hanno una penetrazione maggiore di Wind nello specifico segmento di mercato, nda – avrebbero cambiato drasticamente i calcoli su questa voce dove comunque il nostro paese si è comportato assai meglio che nel traffico voce/SMS.

Comunque questi i dati della tabella:

COSTI DELLE CHIAMATE PER I 3  PROFILI
1. Prudente
2. Normale
3. Hard users
1° Svizzera

38,83

1° Svizzera
69,76
1° ITALIA
201,68 €
2° Francia
36,56
2° ITALIA
62,83
2° Grecia
155,46
3° Irlanda
36,64
3° Francia
57,40
3° Svizzera
133,35
4° ITALIA
32,09
4° Grecia
51,33
4° Spagna
128,47
5° Belgio
31,47
5° Portogallo
51,18
5° Portogallo
116,21

Questi i tre diversi profili clienti.

  1. quello dell’utilizzatore prudente, che in un mese fa 50 chiamate da 3 minuti ciascuna (per un totale di 150 minuti di conversazione) e invia 25 sms (meno di uno al giorno);
  2. quello dell’utilizzatore ‘normale’ (100 chiamate da 3 minuti e 100 sms al mese);
  3. quello dei grandi utilizzatori (100 chiamate da 10 minuti l’una, 200 sms e 50 MB di dati scaricati).

Da segnalare che per l’Italia i piani telefonici postpagati sono stati per l’utilizzatore prudente Easy TIM new, Vodafone Stile Libero e Wind10, per l’ utilizzatore ‘normale’ gli stessi con Wind All Inclusive in sostituzione di Wind10 mentre per i grandi utilizzatori si sono scelti, come profili tra i più usati in questa fascia,  Chiara di TIM, Vodafone Stile Libero e Wind All Inclusive Plus.

Per la Svizzera invece i piani su cui si è comparata la spesa sono stati i seguenti: per Orange rispettivamente Optima 100, Optima 400 e Maxima, per Swisscom NATEL® basic liberty, NATEL® pro liberty e ancora NATEL® pro liberty, per Sunrise flat basic, Sunrise zero 50 e Sunrise flat max.

A puro titolo informativo ci sono stati tre vincitori: i paesi dove si spende meno, a partire dai clienti più prudenti per finire con quelli più spendaccioni, sono nei tre profili Islanda (10,81 €/mese), Regno Unito (17,17) e Lussemburgo (34,65).

Per maggiori informazioni è disponibile (in lingua originale) il file originale della ricerca Finora sui costi  degli abbonamenti europei. E’ possibile inoltre commentare la notizia sul nostro forum nella discussione Tariffe cellulari Italia carissima.

| via Italia, le chiamate più care d’Europa (forse) – La Voce Impertinente delle TLC

Ficora.fi file .pdf ]

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3