L’Europa deve investire ora o rischia di rimanere ancora più indietro nella corsa al 5G

di Andrea Trapani

Un caso di déjà vu? L’Europa deve investire ora o rischia di rimanere ancora più indietro nella corsa al 5G

In Europa, sembra esserci un po’ di luce alla fine di quello che è stato un lunghissimo tunnel causato dal COVID-19. Molti politici e imprenditori europei ora si chiedono: “Cosa c’è dopo?”. Noi ci concentriamo sull’importanza indiscutibile della connettività e di come lo spettro su banda media può aiutare nella diffusione del 5G. C’è ancora modo per l’Europa di posizionarsi come leader globale dell’innovazione, ma deve agire in fretta. Scopri perché e come.

Una delle conseguenze della pandemia è la diffusa consapevolezza dell’importanza della connettività e delle reti mobili in Europa. Con il Covid-19 le cose sono cambiate. Qualunque cosa venga dopo, sappiamo per certo che il 5G e le reti mobili saranno parte di quella conversazione.

Come annunciato dal CEO e dal CTO di Ericsson al vertice B20 dello scorso anno, la strada per la ripresa sarà prima di tutto digitale e, per l’Europa, queste opportunità arriveranno attraverso la diffusione di nuovi servizi 5G per i consumatori, principalmente il Fixed Wireless Access (FWA) e, criticamente, la digitalizzazione delle industrie europee.

L’Europa ha una competenza industriale unica in molti segmenti, dal commercio al turismo, dall’automotive all’agricoltura. Per gli operatori europei è qui che le opportunità di innovazione possono far emergere l’Europa e farla diventare una protagonista del 5G.

L’Europa 4.0 e lo spettro su banda media

Negli ultimi anni, Ericsson ha collaborato con le principali industrie e operatori d’Europa per sperimentare, e quindi implementare, reti private 5G negli stabilimenti produttivi, nelle miniere, nei porti e negli aeroporti. Mentre questo è servito a dimostrare la potenza del 5G nelle operazioni industriali, il suo impatto è stato finora limitato a piccole sacche nel nostro continente. Per scalare quel potenziale in lungo e in largo, l’Europa ha bisogno del 5G su banda media – e ne ha bisogno ora.

Lo spettro su banda media sarà fondamentale per realizzare il pieno potenziale del 5G, dell’IoT e dei casi d’uso dell’industria 4.0 in Europa. Eppure, oggi, a causa di un rilascio scaglionato dello spettro in tutto il continente e di investimenti in ritardo, l’Europa continua a rimanere indietro rispetto ad altre aree geografiche.

Considerando 14 dei più grandi operatori nell’UE e nel Regno Unito, la copertura media del 5G su banda media è inferiore al 10% nel 2021 e salirà in media al 15% nel 2022.

Anche se questo potrebbe suggerire che l’Europa non può eguagliare il ritmo dei concorrenti globali, non significa che le manchi l’ambizione o l’acume tecnologico per farlo. Anzi, è proprio il contrario.

Recentemente, i principali operatori europei come Vodafone e Deutsche Telekom hanno inviato chiari segnali al mercato e all’industria che intendono aumentare i loro investimenti 5G nei prossimi anni. Non dobbiamo poi dimenticare che la ricerca per il 5G è iniziata qui in Europa. METIS 2020 e altri progetti di ricerca finanziati dall’UE hanno dato un contributo significativo al progresso dell’innovazione nel Continente. Inoltre, i primi adottanti del 5G in Svizzera e in Polonia ci hanno mostrato che l’opportunità c’è.

Per scalare questa posizione di leadership tecnologica iniziale e nella ricerca, e costruire un’infrastruttura digitale 5G pervasiva, è chiaro che l’Europa deve imparare dalle loro controparti del Nord America e del Nord Est Asiatico per quanto riguarda l’investimento di rete pro capite, mentre lavora anche per accelerare la rimozione delle barriere che impediscono la piena diffusione del 5G su banda media, come il rilascio dello spettro e le norme per installare le antenne. Per contribuire a plasmare il futuro digitale dell’Europa, la Commissione Europea ha fornito agli operatori l’accesso allo spettro di cui hanno bisogno per il rollout del 5G e per incoraggiare gli operatori a investire ulteriormente nella copertura 5G.

L’Europa non può permettersi di ripetere gli errori del passato

La situazione odierna presenta notevoli somiglianze con l’introduzione delle reti 4G più di dieci anni fa, dove l’Europa, ancora una volta, ha iniziato in ritardo e non è mai stata in grado di penetrare i cosiddetti mercati “app economy” così come il Nord America e il Nord Est Asiatico.

Allo stesso modo, oggi, gli operatori europei – vincolati da burocrazia, processi normativi lenti e meno incentivi finanziari – sono già in ritardo rispetto alle controparti di Stati Uniti, Corea del Sud e Cina nella corsa alle nuove opportunità di ricavi abilitati dal 5G.

Per i politici europei, la carota per risolvere i problemi c’è sicuramente. Accelerare la diffusione del 5G può aiutare l’UE a sbloccare il suo enorme potenziale e ottenere benefici economici e sociali. Secondo un aggiornamento del rapporto Analysys Mason commissionato da Ericsson, il potenziale valore economico del 5G come “piattaforma di innovazione aperta” è stimato possa sbloccare 250 miliardi di euro di PIL in tutto il continente. Allo stesso modo, un rapporto condotto da Deloitte e commissionato da Vodafone ha recentemente evidenziato, in numeri, l’opportunità economica che la digitalizzazione potrebbe fornire. Un’intuizione interessante è che se gli investimenti dell’UE fossero diretti a garantire che tutti gli Stati membri raggiungessero un punteggio DESI di 90 entro il 2027, il PIL pro capite in tutta l’UE sarebbe più alto del 7,2% – equivalente a un aumento complessivo di oltre 1 trilione di euro.

D’altra parte, se non ci si impegna in maniera espansiva, l’Europa potrebbe vedere la disuguaglianza nella connettività digitale di oggi ampliarsi significativamente in futuro. Il digital divide potrebbe diventare un abisso digitale.

Attenzione al divario di connettività

E questo divario digitale tra l’Europa e i leader mondiali del 5G è già evidente negli ultimi dati relativi al 5G.

L’Europa occidentale, con appena l’1% di penetrazione mobile 5G, si trova al quarto posto nella classifica globale per la maturità 5G ed è in netto ritardo rispetto ad altri mercati regionali del Nord-Est asiatico (9%), Nord America (4%) e il Consiglio di cooperazione del Golfo (2%).

C’è speranza, tuttavia. Le stesse previsioni dell’Ericsson Mobility Report indicano che l’Europa può guadagnare rapidamente terreno sui suoi concorrenti globali, a condizione che le barriere di diffusione vengano rimosse e che venga incoraggiato un clima positivo per gli investimenti. Entro la fine del 2026, si prevede che l’Europa occidentale avrà la terza più alta penetrazione mobile 5G a livello globale, con il 69%- davanti agli attuali mercati leader del Nord-Est asiatico, e leggermente dietro sia al Consiglio di cooperazione del Golfo che ai mercati nordamericani.

I dispositivi 5G ora sono lì. I mercati europei dei consumatori e delle imprese si stanno scaldando. Quindi, cosa ci sta fermando?

Tenere il passo con gli investimenti 5G globali

Gli operatori europei devono avere condizioni eque per competere con i competitor globali nella corsa alle nuove opportunità di ricavo date dal 5G. Qui, il sostegno del governo continuerà ad essere un fattore critico.

L’anno scorso, la Cina ha annunciato piani per investire almeno 1,4 trilioni di dollari nella costruzione di infrastrutture 5G nei prossimi cinque anni. E la Corea del Sud, che oggi sta correndo con l’implementazione del 5G, ha recentemente visto raddoppiare gli investimenti nel 5G sostenuti dal governo, annunciando ulteriori investimenti infrastrutturali.

Lo slancio è certamente presente anche in Europa. Il programma Horizon 2020 dell’UE ha investito circa 80 miliardi di euro nella R&S europea dal 2014, ed Ericsson è stato un collaboratore chiave in molti di questi progetti. Oggi, Ericsson sta contribuendo a guidare molte iniziative in corso all’interno di Horizon 2020, tra cui 5G-INDUCE per guidare lo sviluppo di casi d’uso dell’industria 4.0 in Europa, NEXTGEN SIMS per sostenere lo sviluppo di sistemi di estrazione intelligente, e i progetti REINDEER e Hexa-X per guidare le tecnologie 6G di prossima generazione.

Il progetto Horizon 2020 è stato sostenuto da una posizione politica più aggressiva da parte dei politici europei nel corso dell’ultimo anno, che mira ad accelerare lo sviluppo di reti ad altissima capacità e garantire tempestivamente spettro 5G, rappresentato dalle recenti mosse politiche come Digital Decade Action Plan, Annual Sustainability Growth Strategy 2021 e European Commission’s Common Union Toolbox. L’UE ha anche messo da parte un quinto del suo fondo di recupero di 750 miliardi di euro per migliorare le capacità digitali dei suoi stati membri.

Questo continuo sostegno e investimento sarà cruciale per determinare la velocità, la scala e la profondità delle implementazioni locali del 5G in Europa, e deve intensificarsi se l’Europa vuole rimanere competitiva a livello globale e rimanere in corsa per l’innovazione, i posti di lavoro e la crescita del PIL di domani.

L’Europa deve rimuovere i blocchi normativi

Già nel 2019, il CEO di Ericsson, Börje Ekholm, aveva avvertito dei problemi strutturali che avrebbero ostacolato lo sviluppo del 5G, affermando: “Il più grande blocco riguarda principalmente le politiche normative”. Ha anche detto che il 5G deve essere visto come una parte critica delle infrastrutture nazionali europee. Questi messaggi sono rilevanti oggi come lo erano allora.

Per massimizzare gli investimenti del settore privato 5G e accelerare la diffusione della banda media 5G, i responsabili politici europei devono agire rapidamente per affrontare eventuali strozzature normative o barriere che attualmente impediscono la diffusione commerciale del 5G, come ad esempio il Fondo Monetario Internazionale, chiamato a stimolare gli investimenti infrastrutturali attraverso crediti d’imposta temporanei per gli investimenti in particolare per la “tecnologia digitale e verde”.

In Europa, l’assegnazione dello spettro – anche se costante – è ancora in ritardo rispetto ad altri mercati regionali leader e, con costi più elevati, è meno favorevole agli investimenti in infrastrutture e alla costruzione della necessaria capacità e copertura.

Adottando un approccio più armonizzato alle condizioni normative, così come estendendo il periodo di licenza dello spettro e massimizzando il suo utilizzo – per esempio, consentendo la condivisione dello spettro con licenza o imponendo l’affitto dello spettro inutilizzato – l’Europa può superare il suo attuale approccio frammentato e rendere più facile per gli operatori pianificare lo sviluppo a lungo termine dei servizi 5G su banda media e alta.

I responsabili politici europei e il più ampio settore delle telecomunicazioni devono anche lavorare insieme per portare una migliore connettività nelle zone rurali e colmare il divario digitale, incorporando il FWA nelle tabelle di marcia degli investimenti e della implementazione. Secondo i dati dell’Ericsson Mobility Report, si prevede che le connessioni FWA cresceranno più di tre volte e raggiungeranno oltre 180 milioni entro la fine del 2026, rappresentando circa il 25% del traffico dati totale sulle reti mobili a livello globale.

Nel suo discorso sullo stato dell’Unione alla fine dello scorso anno, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha dichiarato che: “…è inaccettabile che il 40% degli [europei] nelle zone rurali non abbia ancora accesso a connessioni a banda larga veloci. Queste connessioni sono ora il prerequisito per il lavoro da casa, l’apprendimento da casa, lo shopping online e, sempre più di giorno in giorno, per nuovi importanti servizi”.

 

Il 5G e il FWA, con il potenziale di risolvere le tradizionali sfide di connettività dell’ultimo miglio nelle comunità rurali e fornire nuove opportunità di guadagno con pochi investimenti CAPEX, dovrebbero quindi essere una priorità chiave sia per i responsabili politici europei che per gli operatori.

L’impegno di Ericsson per l’Europa

In Ericsson, ci impegneremo al massimo per sostenere l’Europa nel suo viaggio verso il 5G.

Siamo stati i primi a implementare il 5G in Europa e attualmente abbiamo 138 accordi commerciali con operatori unici, compresi 81 contratti annunciati con operatori europei.

Attraverso il nostro Ericsson Radio System, leader nel settore, e le nostre soluzioni software 5G facili da aggiornare, come l’Ericsson Spectrum Sharing e la Ericsson Carrier Aggregation, rendiamo facile per gli operatori implementare e scalare rapidamente il 5G – cosa che abbiamo dimostrato insieme a Swisscom, dove abbiamo aiutato a raggiungere il 90% di copertura della popolazione in Svizzera in soli otto mesi.

Offriamo anche il più ampio portafoglio radio su banda media del mercato, che è parte del motivo per cui Ericsson è stata selezionata come il partner preferito in nove dei dieci principali swap tecnologici avvenuti negli ultimi anni.

Il 5G continua a promettere un enorme potenziale per aiutare l’Europa a costruire un futuro migliore. Scoprite come cogliere questa opportunità con Ericsson.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3