Sunrise UPC concretizza i piani di taglio dell’organico

di Martina Tortelli

Lo scorso gennaio Sunrise UPC ha comunicato i piani di taglio dell’organico. Insieme alle due rappresentanze dei collaboratori e al sindacato syndicom, ha avuto luogo una valutazione approfondita e la procedura di consultazione richiesta dalla legge è stata opportunamente completata.

Come parte dell’integrazione è previsto un totale di circa 450 licenziamenti. Tale cifra rappresenta il 13,5% del numero totale di 3350 posti di lavoro (FTE). Nell’anno in corso vi saranno circa 300 licenziamenti e se ne prevedono 150 nel 2022. Inoltre, entro la fine del 2022, saranno eliminate circa 150 posizioni per la fluttuazione.

Dall’annuncio della riduzione di organico dello scorso gennaio, ha avuto luogo una valutazione approfondita dei tagli necessari insieme alle due rappresentanze dei collaboratori e al sindacato syndicom. Il Executive Committee si è mantenuto in costante aggiornamento con entrambe le rappresentanze dei collaboratori e ha esaminato le rispettive proposte per il contenimento del taglio dell’organico.

Nell’anno in corso vi saranno circa 300 licenziamenti come parte del processo di integrazione e saranno eliminate circa 100 posizioni per la fluttuazione. La grande maggioranza dei collaboratori affetti dai licenziamenti nell’anno in corso sarà informata al più tardi entro la fine di maggio di quest’anno. Si prevede un taglio di circa 200 posizioni nel 2022: 150 licenziamenti principalmente nei settori Finance, IT e Technology e circa 50 posizioni per la fluttuazione.

Un piano sociale equo

Grazie al piano sociale elaborato insieme al sindacato syndicom e alle due rappresentanze, i collaboratori interessati otterranno ben più di un semplice sostegno finanziario.

Gli elementi più importanti del piano sociale:

  • Il piano sociale si applica a tutti i collaboratori di Sunrise e UPC e tiene conto in particolare dell’età e degli anni di servizio di questi (ad eccezione del Executive Committee).
  • I collaboratori interessati saranno supportati professionalmente con un programma di ricollocamento (outplacement).
    Sunrise UPC mette inoltre a disposizione un fondo di CHF 2,5 milioni per l’attuazione delle misure provvisorie individuali, come nei casi di difficoltà personali o misure di qualificazione.
  • I collaboratori tra i 58 e i 62 anni potranno usufruire del programma di ricollocamento fino al raggiungimento dell’età di pensionamento anticipato e, inoltre, potranno beneficiare di un contratto di lavoro a tempo determinato fino all’età di 62 anni (in precedenza 61 anni di età).
  • I collaboratori più giovani verranno reintegrati nel mercato del lavoro il più rapidamente possibile.

Come di consueto, Sunrise UPC coordinerà i prossimi passaggi con le due rappresentanze dei collaboratori e con il sindacato syndicom. Con le misure di cui sopra, Sunrise UPC raggiungerà la struttura e la flessibilità necessarie per diventare un campione nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbe interessare anche...

Commenta la notizia nel Forum di Mondo3